in

Le GPU PCIe Gen 5.0 danneggeranno i tuoi alimentatori


Si parla molto di cambi di socket, dell’arrivo delle DDR5, ma i cambiamenti che interessano i nostri alimentatori non sono affatto aneddotici. Il nuovo standard ATX 3.0 cambierà molto. I connettori PCIe Gen 5.0 (12VHPWR) che alimenteranno la prossima generazione di GPU sono solo la parte visibile di questi cambiamenti.

GPU PCIe Gen 5.0

I nostri alimentatori stanno subendo un’importante revisione con ATX 3.0

Per quasi 20 anni, lo standard per gli alimentatori per PC non è cambiato quasi mai. L’arrivo dello standard ATX 3.0 è il primo vero upgrade dal 2003. È quasi certo che i tuoi frigoriferi, le tue auto o anche le tue biciclette siano cambiate negli ultimi anni più dell’alimentazione del tuo PC.

mondo informatico ha tenuto un’intervista con Stephen Eastman, specialista dell’alimentazione delle piattaforme di Intel. Risale ad una delle cause dei problemi sugli alimentatori che lo standard ATX 3.0 deve affrontare: i picchi di tensione. Il problema è particolarmente evidente con le schede grafiche. Si stima che una scheda grafica abbia la capacità di superare la potenza massima di 3 volte. Per renderlo semplice e In concreto, questo significa che se la tua scheda ha un TGP di 400 Watt, quest’ultimo può generare picchi di tensione fino a 1200 Watt! Di cosa preoccuparsi se si considera che la prossima generazione di Nvidia richiederà fino a 600 Watt di potenza, il che indicherebbe picchi fino a 1.800 Watt.

picchi di tensione

GPU su PCIe Gen 5.0: un altro connettore… Ma non solo

Questi picchi di alimentazione esistono già sui tuoi attuali PC e generalmente non sono rilevabili perché durano pochi millesimi di secondo. Ma con l’aumento del TGP, questi picchi di alimentazione portano a guasti e interruzioni più regolarmente.

GPU PCIe Gen 5.0

Ciò implica grandi cambiamenti nella progettazione dell’alimentatore che vanno oltre il semplice interruttore dei connettori. E questo è un argomento serio, in quanto pone il problema degli “adattatori” che si possono aggiungere agli attuali alimentatori (ATX 2.0). Sul nuovo connettore 12VHPWR, un connettore più piccolo ad esso collegato porta una segnalazione aggiuntiva che consente alla scheda grafica di sapere quanta energia è disponibile dall’alimentatore.

Con l’ATX 3.0, questi picchi di tensione vengono gestiti in modo che i fornitori di GPU abbiano finalmente dei limiti da seguire. Un produttore di schede ora sa che gli è consentito spingere il 200% della potenza massima degli alimentatori per 100 microsecondi o il 120% della potenza massima dell’alimentatore per 100 millisecondi. Questo ci ha permesso di aumentare significativamente l’affidabilità e la stabilità dei PC. Apriamo infatti le porte ad una modulazione della potenza disponibile in base al “dialogo” con la scheda grafica (e probabilmente con il resto del PC).

Allora avete capito che il passaggio allo standard ATX 3.0 è inevitabile… E anche qui comporterà un aumento di prezzo.

In sintesi, ecco le poche parole dello scambio con Intel su PC World:

Per superare questi sbalzi di tensione estremamente brevi, è necessario progettare un alimentatore con condensatori aggiuntivi sufficienti per evitare che il sistema perda potenza e possibilmente si blocchi il PC. Secondo le stime di Intel, una GPU da 300 watt su un ATX 3.0 ben progettato potrebbe essere supportata con un alimentatore da 750 watt con 300 watt per la CPU e altri 150 watt per il resto dell’hardware nella confezione.

Secondo Intel, se stai cercando di modificare un alimentatore ATX 2.X esistente per far funzionare la stessa GPU da 300 watt, potrebbe essere necessario un alimentatore da 1.100 watt per supportare GPU, CPU e interruzioni di corrente. Ciò probabilmente dipenderà dal vecchio design dell’alimentatore e dalla frequenza con cui la GPU farà quelle potenti escursioni.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ligue 1 – Paris SG a un punto dal titolo

Non dimenticare il testo: Il maestro Kristofer in lacrime dopo aver vinto un bellissimo regalo