in

Le inaspettate confessioni del nuovo José Mourinho

Cosa viene dopo questo annuncio

Depuis qu’il est connu du grand public, José Mourinho s’est distingué par ses performance sportives (2 Ligues des Champions, 2 Ligues Europa, 3 Premier League, 2 Liga Bwin, 2 Serie A, 1 Liga entre autres), mais pas solo. Conosciuto per essere uno urlatore, lo Special One ha anche fatto notizia per il suo senso di contraccolpo. A volte, il portoghese ha persino flirtato con i limiti, soprattutto quando allenava il Real Madrid e contro il Barca di Pep Guardiola. Ma oggi tutto questo personaggio del mondo del calcio ha sorpreso gli osservatori. Chiesto dalOsservatore Romanosi è confidato a Mourinho come mai prima d’ora.

“Siamo pagati per vincere. Gli atleti, non gli uomini, sono pagati per vincere. Parliamo di alte prestazioni e a volte ci sono decisioni nella gestione di una squadra che hanno qualcosa di crudele in loro. (…) Paghi per gli errori. Se faccio un errore, lo pago facendomi licenziare. Se un giocatore commette un errore, lo paga non giocando per qualcun altro. C’è qualcosa di crudele in questo, ma non dovremmo lasciare che la natura del nostro lavoro si sovrapponga a chi siamo come persone”.† Essere una persona migliore è un obiettivo fondamentale del Lusitano.

Mourinho vuole vincere per gli altri

“Sono molto chiaro su questo. Cerco di aiutare gli altri e me stesso a migliorare. Una cosa che faccio fatica ad accettare è lo spreco di talento, qualcosa che dopo 30 anni di calcio è ancora difficile per me accettare. A volte tuttavia lo spreco di talento è legato al percorso di vita di alcuni giocatori, e in questo senso dovremmo cercare di essere delle guide.(…) Vedo la mia evoluzione come persona che pensa al fatto che per anni volevo vincere per io, mentre ora sono a un punto in cui voglio continuare a vincere con la stessa intensità di prima, anche di più, ma non per me più, ma per i giocatori che non hanno mai vinto, voglio aiutarli”.

Un Mourinho nuovo, più spirituale, che ha visibilmente lasciato andare l’individualismo acuito della galassia del pianeta del calcio per concentrarsi sui suoi simili. “Penso molto di più al tifoso abituale che ride perché la sua squadra ha vinto, alla sua settimana che è migliore perché la sua squadra ha vinto. Sono ancora un “animale da competizione”, per così dire, lo voglio ancora o di più vincere di prima, ma prima di concentrarmi su me stesso”. Mourinho, infine, ha concluso questo colloquio di confessione con un rito che gli mancherà molto nel giorno in cui non sarà più allenatore: il pre-partita.

“Il viaggio verso una partita: intendo lasciare l’hotel, scendere dall’autobus, arrivare allo stadio, il viaggio negli spogliatoi, il viaggio dagli spogliatoi al campo prima dell’inizio della partita, c’è tanto di spiritualità in questo tutto, non è mai una routine, non importa quante volte giochi nello stesso stadio, e corri sempre lo stesso percorso, è un momento che ha qualcosa che non puoi vedere, ma che puoi sentire molto. Penso che sia molto bello e penso che il giorno in cui smetterò di allenare, e spero che non sia presto, potrebbe essere il giorno che mi mancherà di più.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Renault si concede tre mesi per portare avanti il ​​progetto “Ampere”, secondo fonti – 04/07/2022 alle 14:29

Ecco il primo pannello solare in grado di generare elettricità di notte