in

L’esercito francese accusa i mercenari russi di manipolazione nel Sahel

I mercenari vicini al Cremlino hanno cercato di accusare Barkhane di abusi. I militari hanno filmato la fabbricazione della manipolazione.

Finora il messaggio era passato quasi inosservato: circa 500 visualizzazioni su Twitter, quasi nulla. Il video è stato pubblicato giovedì pomeriggio, dopo un primo post in anteprima di mercoledì su “ciò che i francesi hanno lasciato quando hanno lasciato la base Gossi”. Il campo è stato restituito alle forze maliane martedì come parte del ritiro francese in Mali. Inorridito, un certo Dia Diarra, presentato come un “veterano“Maliano e un”analista politicotrasmette le immagini dei corpi sepolti sotto la sabbia. Distinguiamo abbastanza da loro per riconoscere i cadaveri, troppo poco per identificarli. †Non possiamo stare zitti“, scrive da whistleblower… Il suo messaggio ha cominciato a essere condiviso, trasmesso, commentato. Alcuni sono indignati, altri dubitano. UN “attacco informativo” è in corso. L’esercito francese lo ha innaffiato e sta cercando di disinnescarlo presentando prove di manipolazione, in particolare al Figaro e una manciata di altri media.

L’esercito comunica dopo qualche esitazione. Barkhane deve fare i conti con la sua partenza dopo nove anni in Mali e ne teme le conseguenze. La manipolazione sembra anche abbastanza cruda da non riuscire a convincere al di fuori dei circoli ferocemente antifrancesi: Barkhane lascerebbe davvero i corpi vicino a un campo che ha occupato? †Oggi, tutto nell’ambiente digitale lascia tracce“, dice una fonte militare. I militari non vogliono motori di ricerca su Internetgossi» sono stati a lungo associati a «fossa comuneInoltre, non vuole dare il tempo di impossessarsi della voce sui social network. L’esercito francese vuole finalmente vendicarsi dei mercenari di Wagner, che secondo lui sono responsabili della manipolazione. La lotta per l’influenza è un campo di battaglia su cui la Francia ha un tentare la controffensiva.

Nessuno scoop

Non è la prima volta che Wagner è sospettato da Parigi di diffondere informazioni false, come nella Repubblica Centrafricana. Vicino al Cremlino e ora legato alla giunta militare al potere a Bamako, questo gruppo si è posto l’obiettivo di minare l’influenza francese nel Sahel. Secondo l’esercito francese, che mira a contrastare la loro influenza, si dice che oggi in Mali siano presenti tra i 1.000 e i 1.100 mercenari. †Screditare Wagner in 12-18 mesi è credibile‘, assicura un alto ufficiale, formulando un obiettivo aggiuntivo per la Francia nel Sahel.

La possibilità di un attacco alla reputazione di Barkhane era nell’aria, ha detto una fonte militare. All’interno di Barkhane ci si aspettava un ritorno di voci sul commercio di oro, di armi, che avevano alimentato manifestazioni antifrancesi contro il convoglio bloccato a Tera in Niger lo scorso novembre, o accuse di abusi. Quando è apparso il primo tweet di Dia Diarra, i servizi si sono allarmati. Il profilo di Diarra è identificato come un probabile profilo falso. Appare su un altro account, sotto il nome di Alexander Murillo, sulla rete russa VK. Pubblica regolarmente. L’account Twitter è stato creato nel gennaio 2022. È “ già noto per aver manipolato precedenti false testimonianze a sostegno delle campagne di informazione russe assicura l’esercito.

Nella notte tra il 20 e il 21 aprile l’esercito ha inviato un sensore d’aria per sorvolare il Gossi appena arreso. Fotografa soldati, probabilmente maliani, che dormono per terra. Accanto a loro c’erano le tende. Potrebbero esserci soldati Wagner lì. Il video della fossa comune uscirà il 21 aprile. Ma nel cielo, l’antenna dal cielo significa la creazione della scena. L’intera sequenza non è stata filmata in quanto, si dice, non ci sono risorse permanentemente disponibili sopra il sito.

Nelle immagini presentate dall’esercito francese e visualizzate dal Figaro, ci sono una decina di soldati. Il loro abbigliamento e il loro atteggiamento indicherebbero che non sono soldati maliani, ma mercenari Wagner, assicurano gli analisti francesi. Si vedono coprire i corpi con pale di sabbia. I resti potrebbero essere trasportati sul posto e installati per la messa in scena, secondo l’esercito. Potrebbero provenire dall’operazione delle forze armate maliane e di Wagner a Hombori il 19 aprile, che, secondo l’Onu, ha dato luogo ad abusi. Un russo avrebbe perso la vita lì.

“Disinformazione”

In un altro video vediamo due uomini che guardano la fossa comune, come se stessero fotografando. Ci si sposta poi di lato, come si immagina di fare un video. Il movimento corrisponde a quello del racconto di Diarra. Le informazioni temporali e di geolocalizzazione consentono di identificare l’ora e il luogo della scena, a 3,6 km dal campo di Gossi. Un altro video mostra quattro veicoli tipo Dong Feng che lasciano la base. Questi veicoli non corrispondono a quelli dell’esercito francese. Il fascio di indizi è sufficiente per il personale. Qualcuno chiederà più prove? Immagini “alimenterà il dibattito sulla disinformazione“, rispondiamo. Non si sottrarranno ad altre teorie del complotto.

Non vi è alcuna indicazione che l’esercito maliano fosse a conoscenza dell’operazione attribuita agli uomini di Wagner. Ma martedì scorso un distaccamento del Mali si è impossessato del campo di Gossi. Da parte francese, ci accontentiamo di un avvertimento: “Devi scegliere i tuoi alleatiIl discorso di avvertimento è ripreso pubblicamente dal generale Burkhard, capo di stato maggiore della Difesa, che ha deciso di fare della lotta all’informazione una delle sue priorità. Durante il suo ultimo viaggio nel Sahel, ha ripetuto ai suoi interlocutori che Wagner ha minacciato”destrutturare» l’esercito e monopolizzare le risorse del Mali. †Il punto debole di Wagner è che è principalmente un modello di business: quando Wagner si trasferisce in un’area, che corrisponde all’area di interesse e influenza russa, deve trovare qualcosa per finanziarsi, e penso che sia quello che deve cercare di rompereha detto il generale in un’audizione davanti al Comitato di difesa dell’Assemblea nazionale a febbraio. †Altrimenti, Prigojine (il capo di Wagner, ndr) non è un soldato, ma un buon imprenditore o un buon mafioso, se vuoi. Ha alcuni soldati per sviluppare questo genere di cose, che non devono eseguire una grande strategia e che sono efficienti nel loro registro e disinibiti anche senza fede o legge.“, ha aggiunto. Il francese di punta ha deciso di non farsi maltrattare da questo nuovo avversario.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Star Académie”: l’inchiesta della stagione con Lara Fabian

Quando un capo Shein sembra uno Zara, TikTok urla passione