in

L’estate del 2021 è stata la più calda di sempre in Europa, secondo Copernicus

Non dimentichiamo che il 14 agosto a Montoro, nel sud della Spagna, il mercurio è salito a 47,4°C, superando il record nazionale di temperatura di tutti i tempi. Pochi giorni prima, i siciliani erano stati ancora più caldi con una temperatura di 48,8°C, facendo il record. Era inevitabile che questa ondata di caldo emergesse dal rapporto sullo stato del clima globale nel 2021 pubblicato questo venerdì dal Copernicus Climate Change Service (C3S), il Sistema europeo di monitoraggio della Terra. Questa è la quinta edizione di questo rapporto che Copernico pubblica ogni primavera in occasione della Giornata della Terra, sempre con un focus particolareggiato sull’Europa.

“Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati”

Un esercizio che ci permette di cogliere la realtà del cambiamento climatico. “Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati, ha confermato Copernicus venerdì. Il 2021 non fa eccezione alla regola, anche se negli ultimi sette anni è stato “tra il quinto e il settimo posto”, precisa Copernico.

In altre parole, il 2021 è stato misto per l’Europa. Nel complesso, le temperature di superficie sono state di appena 0,2°C al di sopra della media 1991-2020, “quindi il 2021 non è tra i dieci anni più caldi mai registrati in Europa”, afferma il rapporto. La primavera è stata notevolmente più fredda della media. Tuttavia, era iniziata con forza a fine marzo con temperature elevate per questo periodo dell’anno, ma improvvisamente ha lasciato il posto a gelate tardive che hanno colpito l’agricoltura in diverse regioni del continente. Soprattutto in Francia.

Un’estate da record in Europa

Per quanto riguarda l’estate che seguì, fu la più calda mai registrata. “Un grado sopra la media degli ultimi 30 anni”, ha detto Copernico, che poi ricorda le ondate di caldo, gravi e lunghe (fino a tre settimane), che hanno colpito il Mediterraneo. Soprattutto Turchia, Grecia e Italia. La siccità ha provocato numerosi e devastanti incendi boschivi. “L’intera area andata in fumo nel Mediterraneo tra luglio e agosto ammonta a oltre 800.000 ettari”, ricorda il rapporto. Tanto da farne una delle stagioni più intense, sul fronte del fuoco, degli ultimi trent’anni nella regione. Un altro segno di questa estate particolarmente calda, Copernicus ha anche registrato temperature superficiali fino a 5°C sopra la media in diverse località del Mar Baltico.

Anche l’Artico, particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici, è una regione strettamente monitorata da Copernicus. Le temperature nel 2021 erano più fredde di un anno prima, ma il 2020 è stato caratterizzato da temperature anormalmente elevate nella regione, va notato. Tuttavia, l’anno scorso le emissioni di CO2 degli incendi nell’Artico, principalmente nella Siberia orientale, sono state le quarte più alte mai registrate. Siamo nel 2003. Anche il ghiaccio marino ha raggiunto il suo dodicesimo livello più basso da quando sono iniziate le registrazioni satellitari nel 1979, continua il rapporto. E per il ghiaccio del Mare della Groenlandia, era più o meno la dimensione minima più bassa mai registrata.

Concentrazioni di CO2 e metano in continuo aumento

Alla fine, la Terra ha continuato a riscaldarsi nel 2021, anche se l’anno è tra i più caldi degli ultimi sette anni. Copernico ci invita a non farci illusioni su questo e a fare un passo indietro per realizzarlo meglio. “C’è un marcato aumento delle temperature superficiali, sia a terra che in mare, rispetto ai livelli preindustriali”, afferma il rapporto. Questi sono aumentati da 1,1 a 1,2°C. †

Stessa osservazione per il livello del mare, che dal 1993 è salito di 9 cm, o per le calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide. “Gli ultimi dati consolidati, fino alla fine del 2020, mostrano che hanno continuato a perdere massa”, ha ricordato Copernicus. E questo non cambierà? In ogni caso, nel 2021, le concentrazioni globali di CO2 e metano, due potenti gas serra, hanno continuato ad aumentare, in particolare il metano, continua Copernicus sulla base delle sue stime basate su questi dati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Britney Spears incinta: il suo futuro marito, Sam Asghari, le manda un attacco di gelosia… a causa di Brad Pitt

i consumatori passano ai prodotti più economici