in

Lidl fa un annuncio scandaloso che potrebbe non piacere ai suoi clienti!

A Lione, l’azienda tedesca LIDL ha deciso di fare una strana richiesta ai propri clienti. Scoprilo lì il prima possibile!

Sono passati alcuni giorni da quando i clienti Lidl a Lione erano abituati a questi messaggi alla porta dei negozi Lidl. In loco, la direzione chiede ai clienti di modificare la propria lista della spesa! E questo a causa della guerra in Ucraina.

I fedelissimi di Lidl non dovrebbero perdere questo messaggio: al momento stiamo riscontrando problemi di consegna per molti dei nostri prodotti. Per soddisfare tutti i nostri clienti, vi chiediamo anche di limitare i vostri acquisti, possiamo leggere.

2022

La guerra in Ucraina ha colpito la produzione di materie prime. E ora ha delle conseguenze per il cliente finale.

Al momento stiamo riscontrando problemi di consegna.

La prima cosa che dovresti sapere è che l’Ucraina è uno dei principali esportatori di grano a livello mondiale. Ma il primo posto è preso dalla Russia. I nostri colleghi di La Dépêche hanno intervistato Philippe Chalmin, economista e professore alla Paris Dauphine University.

Per ora, gli esperti faticano a stimare l’impatto del conflitto sul prezzo di materie prime come il grano. Secondo Philippe Chalmin, gli effetti sono limitati. E non è impossibile che rimangano tali. Al momento del conflitto in Crimea nel 2014, il flusso di grano continuava a circolare senza intoppi, ricorda l’economista.

Lidl nei guai!

Non si può escludere che i prezzi siano leggermente aumentati in previsione delle tensioni, ma non si andrà molto lontano. Possiamo essere certi che non ci saranno conseguenze per il prezzo del pane.

In una baguette che ti costerà un euro, la proporzione di grano va dai 7 agli 8 centesimi, ricorda Philippe Chalmin.

A novembre 2021, il prezzo del grano era aumentato notevolmente. A quel tempo erano 300 euro a tonnellata. Ma oggi il prezzo è di circa 260, 270 euro a tonnellata.

Alla domanda sul prezzo del grano, è l’olio di girasole che preoccupa maggiormente la Lidl. Come mai ? Semplicemente perché anche l’Ucraina e la Russia producono lì 3/4 dell’olio di girasole mondiale. È molto! Gli specialisti ci assicurano che non ci saranno conseguenze nelle prossime settimane. Ma questo potrebbe cambiare entro la fine dell’anno!

Lidl: Già scarsità?

Fortunatamente, non siamo ancora nella fase di scarsità. Ma a Lione si parla di razionamento e limiti dall’inizio di aprile. Nei negozi Lidl di Lione, i consumatori possono acquistare solo quattro bottiglie di olio di girasole biologico da 0,75 litri e tre bottiglie da un litro di olio di girasole. E anche miscele di oli diversi. I nostri colleghi di Actu Lyon indicano che Lidl non ne fa un obbligo, ma un invito.

lidl

La gestione di questi negozi vuole evitare il fenomeno dell’overbuying, che causa carenze. Ricordiamo in particolare la carenza di carta igienica durante il parto causata dal Covid 19. È lo stesso fenomeno di panico che va evitato.

Questo è certo: il negozio azzurro e giallo Lidl non offrirà grandi sconti sulle bottiglie di olio di girasole per le prossime settimane!


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

È conosciuto in Costa Azzurra… dove sono finiti i 700 milioni del “Russian Gatsby” Souleyman Kerimov?

la padronanza è Madrid, i Blues pressano alto