in

Liverpool e City si neutralizzano a vicenda, Rennes e OM tengono il passo

La partita di Premier League di domenica tra Liverpool e Manchester City non ha prodotto un vincitore. In Ligue 1, Rennes e OM entrano in mano-mano dalla distanza per il secondo posto del PSG. In Spagna, Real Madrid e FC Barcelona continuano a mantenere le prime due posizioni.

Ligue 1: OM e Rennes lottano per il secondo posto, Mbappé e Neymar vedono la tripla

Il Marsiglia ha conquistato il secondo posto nella Ligue 1 di Rennes grazie alla vittoria sul Montpellier (2-0) domenica 10 aprile. Tuttavia, questa 31a giornata è stata sfavorevole per Lione e Nizza, che hanno lasciato il podio.

L’OM ha segnato nelle prime due occasioni, grazie a Bamba Dieng (9°) e Cengiz Under (19° sp). I compagni di squadra del portiere Steve Mandanda, detentore della sorpresa, mantengono così il loro buon slancio per un’altra settimana decisiva, con la conferenza di Europa League di giovedì e soprattutto il “Clasico” del calcio francese di domenica prossima al Parc des Princes.

Il Rennes ha poi raccolto un prezioso successo a Reims (3-2) sabato, che li ha lasciati nel dubbio a fine gara. I bretoni credevano di essere scappati dopo una doppietta di Benjamin Bourigeaud (39°, 43°) e una nuova prestazione di Martin Terrier (60°), ma tremavano dopo i gol di Maxime Busi (60°) e Jens Cadjus (80° sp). Lo Stade Rennes, che ha collezionato un’impressionante serie di sei vittorie e un pareggio con 24 gol nelle ultime sette partite, ha consolidato il suo posto sul podio e si sta affermando sempre più come una squadra in forma alla fine di questa stagione.

Rennais e Marseillais sono anche i buoni giocatori di giornata, visto che lo Strasburgo, tenuto in scacco dal Lione, e il Nizza, battuto a Lens, sono ora disconnessi in classifica, respinti di quattro e cinque punti dal podio. Il secondo posto, la qualificazione diretta alla Champions League, è attualmente destinato a essere giocato tra le due squadre in forma.

Da parte del PSG è in corso l’eliminazione della Champions League. Due triplette di Kylian Mbappé e Neymar hanno assicurato che il Paris Saint-Germain ha vinto facilmente sul Clermont (6-1) e ha fatto un altro passo verso la decima Ligue 1.

Premier League: uno shock al vertice e una partita spettacolare ma nessun vincitore

Proprio come all’andata, Manchester City e Liverpool sono state neutralizzate (2-2) dopo uno scontro agghiacciante domenica prima della 32a giornata di Premier League. Le due squadre restano separate di un punto, a favore del City in testa alla classifica.

Meno aggressivi del solito, soprattutto nel primo periodo, i Reds sono riusciti a rimontare altre due volte, Diogo Jota (1-1, 13°) reagendo a Kevin de Bruyne (1-0, 5°) tanto che Sadio Mane, ben servito da Mohamed Salah (2-2, 46°), ha spazzato via il vantaggio che Gabriel Jesus aveva restituito alla sua squadra (2-1, 36°).

Il terzo abitante del podio, il Chelsea, si è vendicato del Southampton dopo la brutta sconfitta in Champions League contro il Real Madrid mercoledì con una netta vittoria per 0-6. Un successo con Werner e Mount che hanno segnato una doppietta ciascuno, mantenendoli a 8 punti di vantaggio sul Tottenham.

Bene, invece, il club del nord londinese, che i ragazzi di Antonio Conte hanno approfittato della vittoria sull’Aston Villa (4-0), unita alle sconfitte delle principali rivali (Arsenal, Manchester United, West Ham) nella corsa alla Champions Lega, per poi finire al quarto posto con tre punti di vantaggio sui Gunners che, però, hanno ancora una partita da giocare ma sono handicappati da una differenza reti sfavorevole.

Bundesliga: Bayern al rallentatore, Lipsia in ascesa

Sabato il Bayern ha ottenuto una difficile vittoria per 1-0 sull’Augsburg in Bundesliga e non è stato rassicurato per la partita di ritorno di Champions League nei quarti di finale di martedì contro il Villarreal (sconfitta per 1-0 all’andata).

Tre giorni dopo la sua grande prestazione contro il Barcellona in Europa League (1-1), l’Eintracht era in casa con 2-1 contro il Friburgo. Il Francoforte è ora a cinque punti dalle posizioni europee, a cinque giorni dalla fine del campionato, mentre la vittoria del Friburgo gli permette di consolidare il suo quinto posto, qualificandosi direttamente per la fase a gironi di Europa League, a tre punti dall’RB Lipsia.

Il gioco è stato interrotto quattro minuti dopo il calcio d’inizio quando due attivisti per il clima si sono legati ai pali della porta con delle fascette. Indossavano magliette con la scritta, in tedesco: “Last Generation – Stop the Fossil Fuel Madness”. Gli steward li rilasciarono e li scortarono fuori dallo stadio.


Il Lipsia e il suo marcatore/passante Nkunku, inarrestabile da gennaio, domenica hanno vinto 3-0 contro l’Hoffenheim, punteggio preso all’intervallo, per tornare a punto sul podio cinque giorni dopo la fine della Bundesliga. Dopo 29 giornate, l’RB ha 51 punti, ancora lontano dalla coppia di testa Bayern (69 punti) e Dortmund (60 punti), ma ora alle calcagna del terzo Leverkusen (52 punti), che controllava 0-0 a Bochum. si è tenuto.

Serie A: Milan preoccupato, Fiorentina confermata

Milan capolista impiccato a Torino (0-0) e Napoli battuto in casa dalla Fiorentina (2-3): l’Inter (2°), potenziale capolista, ha fatto il buon affare vedendo i rivali inciampare nell’Hellas il giorno dopo la sua vittoria Verona (2-0). Secondi a due punti dai rossoneri, i nerazzurri sono praticamente in vantaggio, in caso di vittoria nel finale di gara, che si giocherà a Bologna a fine aprile.

Nessun gol segnato e due piccoli punti presi in due partite: il Milan, capolista squalificato, ha mostrato ancora la sua impotenza offensiva dopo aver inciampato in casa contro il Bologna (0-0) lunedì. Olivier Giroud ancora una volta guida la carica ma senza trovare difetti nella difesa fisica del Torino, non aiutato dai tanti falli tecnici dei suoi compagni.

Il sogno del Napoli di un primo scudetto dai tempi di Maradona è stato anche appesantito da un’altra sconfitta in casa, nello stadio dedicato all’idolo argentino, contro la Fiorentina. I “Fio'” hanno già vinto a Napoli a gennaio in Coppa Italia (5-2 t), grazie all’attaccante argentino Nicolas Gonzalez (29esimo), dal primo gol in Serie A del francese Jonathan Ikoné (66esimo) e dell’attaccante brasiliano Arthur Cabral (72°).

La Fiorentina (7°) resta più che mai in corsa per le posizioni europee, superando anche l’Atalanta Bergamo (8°) che conferma la sua brutta corsa, con un’altra battuta d’arresto a Sassuolo (2-1).

Il quinto posto, qualificazione all’Europa League, resta per il momento nelle mani della Roma, che ha sofferto negli ultimi dieci minuti sotto l’Olimpico la Salernitana (2-1), lanterna rossa della Serie A.

Liga: vincono Barca e Real, l’Atlético de Madrid vacilla

Paura FC Barcelona: i catalani hanno lottato per superare 3-2 la lanterna rossa Levante al termine di uno scenario epico domenica per la 31a giornata della Liga, ma sono tornati al secondo posto in classifica, a 12 punti dalla capolista, il Real Madrid , Sabato vincitore del Getafe 2-0.

I catalani, che hanno dormito per tutto il primo periodo, sono stati sorpresi al ritorno dallo spogliatoio da un rigore trasformato dal capitano José Luis Morales (52°) dopo un fallo di Dani Alvés su Son in area di rigore, e sono andati vicini al peggio con un altro rigore di Roger Marti fermato da Marc-André ter Stegen (56°) dopo un fallo di mano di Eric Garcia su corner. I blaugrana ribaltano subito la situazione grazie a un superbo pallone servito da Ousmane Dembélé sulla testa sinistra di Pierre-Emerick Aubameyang per il pareggio (59°), e grazie all’immancabile Pedri, entrato in gioco con sette minuti di anticipo. al posto di Nico, che subisce una respinta di Gavi (63°).

Ma all’83’ Gonzalo Melero ha dato speranza al suo popolo trasformando un altro rigore, il terzo di gioco per Levante, dopo che Clément Lenglet ha schiacciato goffamente il piede di Dani Gomez in superficie pochi secondi dopo essere entrato in gioco. di Dani Alves. E il risultato è arrivato ai supplementari, al 90°+2: Luuk de Jong, arrivato in partita all’84° posto per Pierre-Emerick Aubameyang, ha colpito di testa un pallone centrato da Jordi Alba per consegnare il Barca, e ha seppellito le speranze di Levante.

Per Levante la delusione è terribile: la lanterna rossa in classifica eguagliando Alavés ai punti (22) ha intravisto la possibilità di una vittoria prestigiosa contro l’illustre Barça di Xavi dopo aver battuto il Villarreal di Unai Emery lo scorso fine settimana…, e dovrà lottare per mantenimento per i restanti sette giorni. I “Granota” sono sette lunghezze dietro il primo giocatore non retrocesso, il Mallorca, vincitore a sorpresa dell’Atlético Madrid sabato (1-0).


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Société Générale cesserà le attività in Russia e firmerà un accordo per la vendita di Rosbank e delle sue filiali assicurative russe

13 Sentinelle: Aegis Rim, Nessuno salva il mondo… I giochi Switch della settimana