in

L’oligarca russo Oleg Tinkov denuncia una “guerra pazza” in Ucraina

Oleg Tinkov ha 54 anni e non è una persona qualunque. Nel 2006 ha fondato la banca Tinkoff, che è diventata rapidamente la terza più grande in Russia con 20 milioni di clienti e il primo emittente di carte di credito nel paese. Ha scelto il social network Instagram per esprimere la critica più forte alla guerra in Ucraina espressa da un oligarca russo sin dal suo inizio.

Le parole sono chiare: “Non vedo alcun beneficio da questa folle guerra”“, scrive Tinkov. Quindi l’oligarca russo continua allo stesso modo: “Muoiono persone innocenti e soldati. I generali russi si sono resi conto di avere un esercito senza valore. Questo paese è impantanato nel favoritismo e nel servilismo (…) Il 90% dei russi è contrario alla guerra”† Tinkov è un personaggio colorato, piuttosto iconoclasta e affetto da leucemia. Se si concede tale libertà di espressione, è perché vive all’estero. È anche l’obiettivo delle sanzioni finanziarie britanniche, poiché è spesso a Londra. Aveva criticato l’invasione fin dall’inizio, ma questa volta l’accusa è molto più acuta. Invita anche l’Occidente a farlo “Date a Putin una via d’uscita per salvare la faccia e fermare il massacro”

Non molti miliardari russi si sono espressi apertamente contro il conflitto. Erano meno violenti di Tinkov. Possiamo citare Mikhail Fridmann, un altro miliardario, detentore del fondo finanziario Letter One. Già a fine febbraio scriveva ai suoi collaboratori per esprimere la sua contrarietà alla guerra: “Questo spargimento di sangue deve finire, scrive Fridmanquesta crisi affliggerà due paesi fratelli”. Altri semplicemente invocavano la pace o criticavano la situazione economica. Ad esempio, ha denunciato Oleg Deripaska, anche lui miliardario, fondatore del colosso dell’alluminio Rusal “capitalismo di stato in Russia”† Ha chiesto un cambiamento nella politica economica. E poi c’è il caso specifico di Roman Abramovich, l’ex allenatore del Chelsea, una volta avvicinato dall’Ucraina per fare il mediatore. Ma per la maggior parte, gli oligarchi russi rimangono discreti o mostrano solidarietà al Cremlino.

Le sanzioni contro tutti questi oligarchi russi stanno aumentando nel corso delle settimane. Tra Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito sono stati individuati più di 2.000 nomi soggetti a diverse sanzioni. Ma come ha mostrato una recente indagine della Cellule Investigation di Radio France, i regimi sanzionatori sono un po’ preoccupanti. Gli occidentali attaccano i più importanti, come ville e yacht sequestrati o immobilizzati. Lo abbiamo visto con lo yacht di Igor Setchine a La Ciotat in Francia o quello del ricchissimo Alicher Ousmanov ad Amburgo in Germania. La loro proprietà privata è quindi l’obiettivo. D’altra parte, le loro aziende vengono spesso risparmiate, forse per paura di effetti a catena in alcuni mercati, come quelli del ferro o dell’alluminio. E poi, certo, ci sono tutti i casi di evasione o fuga: capitali trasferiti nei paradisi fiscali, esilio nel Golfo Persico, soprattutto negli Emirati Arabi Uniti, che sono diventati il ​​rifugio preferito degli oligarchi.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Se ti è piaciuto The Bridgerton Chronicle su Netflix, adorerai questa serie!

5 nuovi modelli disponibili a meno di 200€/mese