in

Lotto: Il Museo Henri Martin è richiesto da 6 anni, sta per sedurti per sempre

il necessario
Che tu ci vada per il luogo e l’architettura o per le collezioni, il nuovo Museo Henri Martin di Cahors non ti lascerà indifferente. Riaprirà finalmente il 6 maggio, nel frattempo segui la guida…

I phenaison di Henri Martin hanno trovato il loro posto. È magnificamente intronizzata in una delle sale al piano terra del Museo Cadurciano, che apre i battenti venerdì 6 maggio dopo 6 anni di chiusura. Vero gioiello di questa mostra, anche se sui binari della pittura si svelano altri tesori, quest’opera dell’artista post-impressionista sorprenderà i visitatori. “È una bellissima tela che dovrai venire a scoprire. Non è stata mostrata al pubblico per decenni, quindi vogliamo tenerla d’occhio fino ad allora”, avverte Rachel Amalric, direttrice del museo, durante una visita stampa.

Un assaggio del Museo Henri Martin che apre le sue porte al pubblico il 6 maggio a Cahors. pic.twitter.com/wWo3hLthgd

– L’invio del lotto (@LaDepeche46) 20 aprile 2022

In questo martedì mattina, solo pochi giornalisti e una manciata di funzionari eletti hanno potuto apprezzare la superficie di 2105 m², inondata di luce e aperta ad ovest sul Parc Tassard, i suoi alberi classificati e il suo nuovo paesaggio. Dal portale d’ingresso del Museo Henri-Martin e dal cortile bianco immacolato, la prospettiva è molto diversa. Collegando questi due spazi esterni, il Museo costituisce il collegamento tra l’ambiente urbano, a due passi dal viale e dal suo tribunale, e questa rilassante oasi verde.

Tassard Park non ha ancora finito con il suo restyling.

Tassard Park non ha ancora finito con il suo restyling.
DDM-LaeB

Una metamorfosi impressionante

Grazie a questo disegno trasversale, il progetto architettonico basato sull’ex palazzo vescovile ha giocato con linee sobrie, grafiche e pure per valorizzare al meglio le collezioni del museo. I primi visitatori sono accecati. “Ci saranno mostre permanenti e semipermanenti che ci permetteranno di ruotare le circa 11.000 opere della nostra collezione”, ha osservato il sindaco della città, Jean-Marc Vayssouze, accogliendo questa opportunità che finalmente ha aperto a Cahors “un museo degno di il nome per ricevere anche pezzi dai più grandi musei in Francia e in Europa.”

Il progetto è stato ideato dal gruppo Beaudouin, Husson, Martinez Architectes.

Il progetto è stato ideato dal gruppo Beaudouin, Husson, Martinez Architectes.
DDM-LaeB

Il pubblico sarà già completamente immerso in una presentazione delle collezioni che vanno dal Neolitico al XXI secolo. Perché se Henri Martin è la base di questo museo, allora Léon Gambetta ha il suo posto lì. Edmée Larnaudie si rivela lì. Il dio oceanico Rongo li protegge… Di stanza in stanza, così si svolge questo fantastico viaggio nel cuore del nuovo Museo Henri-Martin, che ha regalato a Rachel Amalric un aperitivo molto gustoso in previsione del grande giorno.

Il dio Rongo ha avuto luogo nel museo.

Il dio Rongo ha avuto luogo nel museo.
DDM-LaeB

Collezioni ricche ed eclettiche

Un viaggio immersivo attraverso l’arte, dalle caricature di Gambetta o le sue pantofole ricamate ai dipinti del Quercy, come i dignitosi “Lavaggi sulle rive del Lot” di Sarkis Diranian, passando per le grandi decorazioni di Henri Martin, o le opere delle belle arti di dal XV al XIX secolo. Per non parlare delle quattro sale espositive dedicate al Lot, terra di persone, rifugio, pace e vigneti con l’aiuto dell’artista-fotografa Nadia Benchallal.

Les Fenaisons resta a sua discrezione per ospitare l'evento il 6 maggio.

Les Fenaisons resta a sua discrezione per ospitare l’evento il 6 maggio.
DDM-LaeB

La visita non sarebbe completa senza visitare da un lato gli ultimi due spazi dedicati al Quercy medievale e dall’altro il centro storico. Qui è dove un facsimile rappresenta la scrofa Divona… “Ma abbiamo ottenuto un prestito eccezionale, poi scivola Rachel Amalric, è la vera scrofa di bronzo trovata in fondo al viale. Avevamo chiesto questo prestito per anni ed è stato concessoci”, si rallegra.

Il percorso sta volgendo al termine, è difficile lasciare i luoghi che hanno attirato questi primi visitatori in universi artistici, storici e culturali sorprendenti. Non vediamo l’ora della riapertura venerdì 6 maggio, torniamo a farlo!

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Raja ha Bouskoura per preparare il secondo atto contro Al Ahly

A nord di Kiev, i soldati russi hanno rapito dozzine di ucraini in uno scantinato di 77 m²