in

“Mai prima d’ora il diritto internazionale è stato mobilitato così rapidamente”, afferma un avvocato

“Mai prima d’ora il diritto internazionale è stato mobilitato così rapidamente” solo dopo i sospetti di crimini di guerra commessi dai soldati russi in Ucraina, ha sottolineato venerdì 8 aprile su franceinfo Reed Brody, membro della Commissione internazionale dei giuristi e specialista in difesa dei diritti umani. La Corte penale internazionale (CPI) ha aperto un’indagine all’inizio di marzo dopo una settimana di conflitto.

franceinfo: Come qualificheresti le scene in Ucraina, specialmente a Boutcha?

Brody di canna: Siamo tutti in rivolta, indignati da queste immagini di carneficina. Sono immagini di crimini di guerra, crimini contro l’umanità, cioè crimini commessi su larga scala o sistematicamente. Ci troviamo inoltre di fronte fin dall’inizio a un crimine di aggressione, il più alto crimine internazionale, un’invasione ingiustificata di un altro Paese in violazione della Carta delle Nazioni Unite.

La CPI ha aperto un’indagine all’inizio di marzo. È mai stato mobilitato così rapidamente in un conflitto?

Mai come oggi il diritto internazionale è stato mobilitato così rapidamente. La CPI, supportata da 41 paesi, inclusa la Francia, ha investigatori sul campo che raccolgono testimonianze e prove. Ora abbiamo anche 12 paesi, tra cui la Francia, che conducono le proprie indagini, sia in nome della giurisdizione universale che richiede l’attraversamento dei confini di determinati reati o, come nel caso della Francia, in difesa dei cittadini francesi morti in Ucraina. C’è soprattutto il procuratore generale dell’Ucraina che ha aperto le indagini sul proprio territorio e, infatti, la giustizia è più avanzata.

È difficile raccogliere prove in tempo di guerra?

Ovviamente ci sono molte difficoltà. Per i testimoni bisogna centralizzare un po’, ma ci sono tanti video, ci sono tanti oggetti, munizioni da studiare, insegne, traiettorie, ci sono prigionieri russi, i messaggi russi sono stati intercettati perché non hanno una comunicazione molto avanzata sistema. Ieri l’intelligence tedesca ha rilasciato colloqui in cui si suggerisce che le atrocità commesse a Boutcha, ad esempio, non erano atti arbitrari o il prodotto di soldati sfuggiti di mano, ma facevano parte della vita quotidiana delle truppe russe. Ad esempio, abbiamo sentito un soldato russo dire “prima interroghi le persone, poi le uccidi”. Tutte queste nuove prove devono essere verificate. Abbiamo anche migliaia di utenti Internet in tutto il mondo che aiutano a tagliare i video effettuando ricerche da diverse angolazioni. Tutti questi elementi, è molto importante ora che li manteniamo, che li manteniamo.

Alcuni paesi denunciano i crimini di guerra in Ucraina, ma non supportano la CPI. Non è paradossale?

C’è molta ipocrisia. Gli Stati Uniti, per esempio. Il timore degli Stati Uniti nei confronti della Corte penale internazionale è precisamente che essa affermi di avere giurisdizione per giudicare i cittadini di paesi che non sono membri della CPI. Quando esamina le azioni degli americani in Afghanistan lontano da casa, gli Stati Uniti affermano che non possono perché non fanno parte della CPI. Ma vogliono che i soldati russi, anch’essi non parte della CPI, siano indagati per i crimini commessi in Ucraina. Quindi c’è molta ipocrisia.

Quello che vogliamo è che questa mobilitazione a favore della Corte internazionale di giustizia diventi universale. Ci sono molti altri massacri nel mondo questa settimana in Mali, Yemen, Palestina, Etiopia. Dovremmo avere la stessa solidarietà, la stessa coscienza per tutti. Se avessimo indagato sugli stessi crimini commessi dagli stessi generali russi in Siria oa Grozny [capitale de la Tchétchénie prise par la Russie en 2000], questa guerra potrebbe finire diversamente. Anche se ci vogliono un anno, due, cinque o dieci anni, l’impunità deve finire e coloro che commettono questi crimini devono essere assicurati alla giustizia.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Nice Jazz Festival: la locandina del 2022

TikTok è diventata l’applicazione su cui gli utenti di Internet spendono di più