in

Massimo tre bottiglie di olio a persona a Leclerc

Questo è uno dei primi effetti visibili della guerra in Ucraina sui consumatori. Questo giovedì, il marchio Leclerc ha deciso di limitare il numero di bottiglie di olio per famiglia nel nostro dipartimento.

Nella sezione dell’olio di Leclerc, un poster afferma questo:

“Per servirvi al meglio, limitiamo il numero di bottiglie di olio a un massimo di tre per cassa”.

Il motivo è riportato di seguito:

“A causa della carenza e dell’attesa globali, E. Leclerc Réunion sta ora prendendo la decisione di limitare il numero di bottiglie di olio a tre bottiglie per famiglia per registratore di cassa, al fine di evitare scorte eccessive e quindi controllare le nostre scorte.

Vogliamo che tutte le famiglie Reunionese beneficino di questo prodotto essenziale nei prossimi mesi.

Chiediamo quindi responsabilità individuale e collettiva. Vi terremo informati sull’evoluzione della situazione.

Niente più olio di girasole sugli scaffali, clienti sorpresi

Per i clienti del brand che vengono a fare la spesa al Rainy River, è una doccia fredda, non c’è più bottiglia di olio di semi di girasole. †Ne avevo sentito parlare, ma non pensavo fosse lì” si stupisce Géraldine prima di aggiungere “Vado a comprare l’olio d’oliva. Di solito cucino con entrambi, ma onestamente di più con olio di semi di girasole. Ce la faremo comunque, non abbiamo scelta”.

Stessa sorpresa per Veronique”Sono molto, molto sorpreso, lo sono davvero. Non me l’aspettavo. E per gli oli che sono rimasti non ci sono prezzi indicati quindi non ho preso nessun olio, proverò a cercare altrove se ce n’è uno. Prima che fosse Covid ora è guerra in Ucraina. Se non riesco a trovarlo, beh, allora mangiamo sano, cuociamo a vapore

Lo stesso farà Ludovic, dopo aver fatto gran parte della sua spesa con Leclerc, proverà un’altra marca per trovare l’olio di girasole perché senza il suo prezioso liquido dorato è un po’ perso”.cercheremo in un altro negozio perché non so nemmeno cucinare senza olio, non si sa!

Solange e Catherine, prendono le cose con filosofia’ci accontentiamo di ciò che resta, che è l’olio d’oliva. È più costoso ma ne usiamo non meno dell’olio di girasole e quindi non lo usiamo ad ogni pasto. Anche se ci vorranno alcuni mesi, ce la faremo. Per ogni problema c’è una soluzione

E per Loane e Williams l’alternativa non è l’olio d’oliva”.cucineremo con il burro, probabilmente non avrà lo stesso sapore ma non abbiamo scelta

Mancanza di farina, pasta, grano in poche settimane?

Nella Francia continentale cominciano a farsi sentire gli effetti della guerra in Ucraina. Gli scaffali di oli, farine o pasta nei negozi sono soggetti da diverse settimane a tensioni di approvvigionamento, dovute tra l’altro principalmente al comportamento dei consumatori che fanno scorta. In Francia i capi della distribuzione all’ingrosso vogliono rassicurare e indicare che per il momento non c’è carenza. Tuttavia, dato il contesto attuale, permangono molte incertezze. Per quanto riguarda il grano, il ministro dell’agricoltura ucraino ha stimato alla fine di marzo che l’invasione russa avrebbe rischiato di dimezzare il prossimo raccolto di grano.

Alcuni consumatori dell’isola di Reunion stanno iniziando a chiedersi se dovrebbero fare scorta. †Potremmo acquistare alcuni prodotti in quantità maggiori. Abbiamo visto con il Covid che non era la soluzione ma va bene, la paura di perdersi qualcosa è più forte“dice Pietro.

Penso che faremo delle azioni per chiudere il mese e poi vedremo dopo…‘ disse Ludovico.

Géraldine segue i suoi principi e si rifiuta di consumare troppo”Onestamente, no, non ho intenzione di fare scorta. Prenderemo qualcos’altro, ci adatteremo. Riusciamo sempre a trovare qualcosa da mangiare

Contagocce per olio di girasole

Per quanto riguarda l’olio di girasole, il marchio Leclerc ha deciso di attuare questa politica in tutti i suoi punti vendita. Uno dei dipendenti ci ha detto “sono passate alcune settimane da quando gli scaffali sono stati riempiti goccia a goccia. Al mattino è ancora possibile trovare qualche bottiglia di olio ma al pomeriggio è finita

Un altro membro del consiglio era più radicale”la direzione ha affisso questo poster stamattina, il direttore del dipartimento ci ha detto che non sapeva quando avrebbe ricevuto di nuovo l’olio di girasole, quindi niente di più fino a nuovo avviso

Alcuni osservatori indicano che il problema della carenza di olio di girasole potrebbe sorgere dopo l’estate, in quanto l’Ucraina è il più grande esportatore mondiale. Alcuni hanno già preso l’iniziativa ricorrendo all’olio d’oliva… ma l’aggiunta sarà un po’ più salata.

Florice Houngbo

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

La Corte Suprema del Pakistan annulla lo scioglimento dell’Assemblea nazionale

Khamzat Chimaev, il fenomeno che vuole detronizzare i nigeriani Usman e Adesanya