in

nel cuore dell’ospedale pediatrico di Zaporizhzhya, dove i feriti di guerra hanno tra i 2 ei 17 anni

In una stanza, una macchina emette una serie di segnali acustici regolari. È giorno, ma all’ospedale pediatrico di Zaporizhzhya, nel sud-est dell’Ucraina, i pazienti non lo sanno perché i sacchi di sabbia ostruiscono le finestre. Sono lì per proteggersi da proiettili, schegge e spari. Più di 140 bambini sono stati uccisi e quasi 400 feriti dall’inizio della guerra, secondo le autorità ucraine. La maggior parte di loro è stata colpita da schegge.

>> Guerra in Ucraina: seguire l’evoluzione della situazione nelle nostre vite

Nel suo letto, Paulina è più bianca delle sue lenzuola. Il suo corpo snello e i suoi grandi occhi azzurri fissano senza vedere. Il dodicenne è arrivato di notte dall’inferno di Mariupol. Accanto a lei è esplosa una granata. Il suo corpo è disseminato di schegge. “Là vediamo delle schegge sul suo petto, nella sua coscia e nel suo ginocchio”, elenco, radio in mano, il dottor Volodymyr Aleksandrovich. Anche lei è ferita al braccio.

Nel letto accanto a noi vediamo a malapena un bambino molto piccolo, che ha una benda intorno alla testa. “Ha delle schegge nello stomaco con forti penetrazioni nell’intestino”, dettagli il chirurgo pediatrico. Anche lui era di Mariupol, proprio come Paulina “in macchina, non in ambulanza”, il dottore vuole chiarire.

«Ci ​​vuole molto tempo, cinque o sei giorni, per arrivare qui. Non li lasceremo passare dai posti di blocco di Mariupol e Berdyansk”.

Il dottor Volodymyr Aleksandrovich, chirurgo pediatrico

a franceinfo

Dice anche di aver visto una volta un agente di polizia portare un bambino di 2 anni ferito da una granata. Nonostante i suoi 40 anni di chirurgia pediatrica, il dottore dice di essere stato toccato da quello che ha passato nelle ultime settimane. Ricorda ancora il caso di una ragazza di 15 anni. “Quando è arrivata qui era in grande difficoltà psicologica. Aveva visto la sua gamba strappata via dal suo corpo. Ha visto la sua gamba accanto a lei. Portata qui”.

La stanza nel seminterrato dell'ospedale pediatrico di Zaporizhia (Ucraina) in cui vengono trasportati i bambini in caso di allarme, il 4 aprile 2022. (MARIE-PIERRE VEROT / RADIO FRANCE)

Questi feriti di guerra, tra i 2 e i 17 anni, “sono bambini molto coraggiosi e molto forti”il dottore si commuove. “Sanno aspettare. Comunque, non hanno altra scelta che aspettare.’ Si scusa per il suo pessimo ucraino e spiega che è di Kharkov. “Parliamo russo lì, ma è finita. Ho troppo odio, non voglio parlare mai più questa lingua”.

Guerra in Ucraina: nel cuore dell’ospedale pediatrico di Zaporizhzhya, dove i feriti di guerra vanno dai 2 ai 17 anni. La relazione di Marie-Pierre Vérot e Arthur Gerbault.

Ascoltare


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

L’acclamato direttore d’orchestra canadese Boris Brott è morto

durante la guerra, l’attività di hedge fund continua