in

Nuovi scontri a fuoco tra Israele e la Striscia di Gaza

Un razzo del sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome illumina i cieli nella striscia centrale di Gaza il 21 aprile 2022.

La paura di un’altra escalation militare non è scomparsa. Mercoledì sera, 20 aprile, un razzo – il secondo questa settimana – è stato lanciato per la prima volta dalla Striscia di Gaza ed è caduto in un campo nella città israeliana di Sderot (sud) senza causare feriti. Così facendo, l’esercito israeliano ha compiuto una serie di attacchi al centro di questa micro-area di 2,3 milioni di abitanti, sotto il controllo degli islamisti di Hamas.

I jet militari israeliani hanno preso di mira le posizioni militari e l’ingresso di un tunnel che conduce a un complesso sotterraneo che immagazzina sostanze chimiche utilizzate per alimentare i missili.disse l’esercito israeliano.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Israele schiera l’esercito per isolare la Cisgiordania dopo i violenti scontri ad Al-Masjids a Gerusalemme est

Altri quattro razzi sparati contro Israele

Poco dopo questi attacchi di rappresaglia israeliani, altri quattro razzi sono stati lanciati contro Israele, dove sono stati intercettati dal sistema di difesa missilistica Iron Dome. hanno detto i militari mentre le sirene di allarme suonavano nel cuore della notte nelle città israeliane sulla Striscia di Gaza.

“Gli attacchi alla Striscia di Gaza aumenteranno la determinazione del nostro popolo e la resistenza” per difendere i nostri luoghi santi a Gerusalemme, a prescindere dai sacrifici”Lo ha detto il portavoce di Hamas Hazem Qassem in una nota.

Gli scontri a fuoco – il secondo questa settimana e uno dei più intensi dalla fine della guerra di 11 giorni tra Israele e Hamas nel maggio 2021 – arrivano dopo gli scontri del fine settimana tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana sulla spianata delle moschee. di Gerusalemme, il terzo luogo più sacro dell’Islam e il primo luogo più sacro dell’ebraismo sotto il nome di Monte del Tempio.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Governo israeliano in difficoltà dopo le nuove violenze a Gerusalemme

La presenza di ebrei – che possono visitare la spianata in determinate condizioni e orari, ma non possono pregarvi sotto un tacito accordo – e di agenti di polizia sulla scena durante il Ramadan è vista come un gesto di provocazione da parte dei palestinesi e di diversi paesi della regione.

La polizia israeliana ha impedito a centinaia di manifestanti nazionalisti ebrei di avvicinarsi al quartiere musulmano della Città Vecchia di Gerusalemme, dove si trova la spianata delle moschee, mercoledì sera per evitare scontri. Le organizzazioni nazionaliste avevano chiesto questa grande marcia, una manifestazione che, come gesto di “provocazione” dal governo.

Manifestanti nazionalisti ebrei bloccati dalla polizia

Le forze di sicurezza israeliane impediscono agli attivisti nazionalisti di marciare verso la Città Vecchia di Gerusalemme, 20 aprile 2022.

Più di mille manifestanti che portavano bandiere israeliane si sono radunati in prima serata in piazza Tsahal, vicino al municipio, di fronte alla Città Vecchia. E centinaia di manifestanti hanno cercato di avvicinarsi alla Porta di Damasco, l’ingresso principale del quartiere musulmano della città. Ma la polizia ha bloccato i manifestanti, inclusi molti sostenitori del legislatore di estrema destra Itamar Ben Gvir, a cui era stato vietato l’accesso all’area all’inizio della giornata dal primo ministro israeliano Naftali Bennett.

“Non permetterò che la provocazione politica di Ben Gvir metta in pericolo i soldati e la polizia israeliani e complichino ulteriormente la loro missione”disse il primo ministro.

“Lo dico chiaramente” non mi piegheròha risposto l’Agence France-Presse (AFP), il sig. Ben Gvir. Quale legge non mi permette di entrare per la Porta di Damasco? †

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti A Gerusalemme, difficile ritorno alla tranquillità sulla spianata delle moschee

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è “molto preoccupato per il deterioramento della situazione a Gerusalemme”ha detto il suo portavoce a New York mercoledì. “È in contatto con tutte le parti per ridurre le tensioni, prevenire azioni incendiarie e retorica”

Gli scontri tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana hanno provocato più di 170 feriti sulla spianata della moschea venerdì e domenica, in quanto le celebrazioni del mese musulmano del Ramadan e della Pasqua ebraica hanno coinciso.

Il mondo con AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Non toccare il mio post: Delphine Wespiser e Bernard Montiel banditi dallo spettacolo…

La quintessenza della squadra L1 – 33a giornata – Calcio