in

Paris Book Festival: l’ultima festa prima della ristrutturazione – Libri



Completato il Salon du livre alla Porte de Versailles, che avrà visto 39 edizioni fino al 2019. Ricordando il Salon de l’agriculture, questo ambizioso format non è sopravvissuto a due successive cancellazioni dovute alla crisi sanitaria. Più snello, economicamente meno dipendente dal numero di visitatori, il Festival del Libro si svolge intorno al Grand Palais Éphémère, vicino alla Torre Eiffel. L’ingresso è gratuito, ma dovrai prenotare il tuo biglietto online, poiché il sito accoglie solo 5.500 visitatori alla volta.

“Celebrare il libro”

Gli organizzatori affermano di voler “riconnettersi con l’energia vitale della prima fiera, riscoprire il senso della festa e far festeggiare tutti gli attori della filiera del libro – autori, editori e librai”.

Fino ad allora affidata a un professionista, Reed Expo, l’organizzazione è stata rilevata dal Syndicat national de l’édition. Prima missione riuscita: riportare in auge i grandi editori.

Il francese n. 3 con il suo gruppo Madrigall, Gallimard ha finalmente lasciato questa alta massa. Reagisce presente, accanto a tutti i suoi concorrenti, inclusi Media-Partecipations, Actes Sud o Albin Michel.

Due giganti, uno insieme

Al numero 1 francese, Hachette Livre, era consuetudine inviare alcuni editori, altri no. Nel 2022 le più importanti saranno: Grasset, Calmann-Lévy, Fayard e Stock.

Hachette sarà spalla a spalla con il suo rivale Editis (Robert Laffont, Presses de la Cité, Plon, Julliard, ecc.). Tuttavia, questi due colossi del libro si preparano a far parte dello stesso gruppo: sotto il controllo di Vincent Bolloré, Vivendi ha lanciato la sua offerta pubblica di acquisto (OPA) per la casa madre di Hachette, Lagardère.

Questa operazione di capitale di portata senza precedenti è l’argomento nel mondo dell’editoria parigino a cui tutti pensano, ma di cui nessuno parla. In ogni caso, non sarà senza dolore. Vivendi, che promette un ampio dominio, dovrà trovare i mezzi per conformarsi alle regole di concorrenza europee. “Alcuni beni potrebbero essere venduti (…). L’entità esatta di questi disinvestimenti, non ancora identificata in questa fase, sarà determinata durante le discussioni con la Commissione europea”, ha affermato Vivendi in una nota alla sua offerta di acquisto.

Due possibilità “particolarmente studiate”.

Il 14 aprile Liberation ha menzionato due possibilità “particolarmente esplorate”: “Vendita di Editis, amputata da alcune case (Plon, Julliard, XO)” e, molto più complesso, scambio delle due filiali di distribuzione, Hachette Livre Distribution e Interforum.

Negli ultimi anni il management di Editis ha lavorato per costruire una cultura di gruppo, in un ambiente in cui si pensa più spesso all'”indipendenza editoriale” che alle “sinergie”. Sebbene meno redditizia di Hachette, Editis sembra aver incentivato l’integrazione in Vivendi, con le sue sussidiarie mediatiche, abbastanza da essere protetta dalle vendite all’ingrosso da Vincent Bolloré.

La sezione “Libri”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Rovanperä-Evans, duello interno alla Toyota

Di fronte al malcontento di Tory, Boris Johnson non riesce a evitare il controllo parlamentare