in

per Jean-Luc Mélenchon, la nuova sconfitta alle soglie del secondo turno ha dato l’impressione di una vittoria

Jean-Luc Mélenchon è venuto a ringraziare gli attivisti di LFI fuori dal Cirque d'Hiver, a Parigi, il 10 aprile 2022.

La notte della campagna più pazza non è stata necessariamente nei bar vincitori, domenica 10 aprile. Nel Cirque d’hiver, a Parigi, intorno a Jean-Luc Mélenchon, l’ascensore emotivo a volte era violento. I militanti de La France insoumise (LFI) piangevano e sognavano alternativamente. Per l’ex senatore socialista, questa domenica è stata prima di tutto una sconfitta onorevole vestita di vittoria, poi una speranza risvegliata. Invano, perché il risultato finale non ha modificato l’ordine delle votazioni. Il candidato dell’Unione popolare è arrivato terzo con il 21,95% dei voti. Ma per poco più di un’ora, i suoi sostenitori ci hanno creduto.

Tutto inizia poco dopo le 18:00. I sondaggi in circolazione danno al candidato un solido terzo posto, senza ambiguità, con una differenza significativa. Il candidato è al lavoro, circondato dalla sua cerchia ristretta, preparando un discorso per dare l’apparenza di vittoria a questa sconfitta. Il Cirque d’Hiver tace due minuti prima delle 20:00. La mannaia cade. Quando alcuni scoppiano in lacrime, sentiamo per lo più i suoi sostenitori cantare: “Siamo qui, anche se Macron non vuole, siamo qui. †

Nonostante la delusione, tutti in LFI, e il candidato per primo, stanno lavorando per colorare positivamente questo punteggio, che supera quello del 2017 (19,58%) e regala alla campagna Volksunie un innegabile primo posto sulla sinistra. Se nel 2017 Jean-Luc Mélenchon avrebbe potuto dare la sensazione di sprecare subito il suo capitale politico rinviando il riconoscimento del risultato e affrontando la questione della diga all’indietro di estrema destra, cinque anni dopo, fa di tutto ‘.

“Puoi Mr.me La penna “

Arriva sorridente verso le 20:45, circondato dai suoi parenti, Sophia Chikirou, Manuel Bompard, Younous Omarjee, Mathilde Panot. Stanno per scendere dal palco per lasciarlo parlare da solo, li ferma, prende Mathilde Panot per un braccio e si fa cenno di esprimersi circondato da coloro che considera nominati suoi successori. La questione del blocco stradale repubblicano viene affrontata fin dall’inizio, anche se senza citare Emmanuel Macron: “L’unico compito che dobbiamo darci è quello compiuto dal mito di Sisifo, il sasso cade nel burrone, bene saliamoEgli ha detto. Conosco la tua rabbia, non cedere a ciò che ti farà commettere errori che sarebbero irreparabili… finché la vita va avanti, la lotta continua. † “Sappiamo per chi non voteremo mai”lui continua. “Puoi Mr.me La penna “ripete quattro volte, avvertendo i critici.

Hai ancora il 72,92% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Johnny Depp e Amber Heard si scontrano di nuovo in tribunale

Elon Musk smette di iscriversi al consiglio di Twitter