in

Platini e Blatter saranno processati in Svizzera a giugno per truffa

Pubblicato su : Alterato :

Losanna (AFP) – Michel Platini e l’ex presidente della Fifa Sepp Blatter compariranno in Svizzera dall’8 al 22 giugno per frode, nel caso di pagamento sospetto che li ha esclusi dal calcio mondiale dal 2015.

Il francese di 66 anni e lo svizzero di 86 anni saranno processati anche per “gestione disonesta”, “violazione della fiducia” e “falsi titoli” nello stesso caso, il Tribunale penale federale di Bellinzona, nel cantone di Bellinzona, Ticino (sudest) detto martedì. ).

Dopo oltre sei anni di indagini molto pubblicizzate, i due alleati diventati rivali sono accusati di “aver ottenuto illegalmente, a spese della FIFA, un pagamento di 2 milioni di franchi svizzeri” (1,8 milioni di euro) “a favore di Michel”. Platini”, precisa la corte.

Loro, come gli altri, vengono attaccati da altri procedimenti, in Francia per Michel Platini e in Svizzera per Sepp Blatter, e rischiano cinque anni di carcere o una multa se giudicati colpevoli di truffa.

“arricchimento illegale”

In questa parte, i primi a portarli in giudizio, i due imputati si sono avviati all’epilogo della vicenda che ha mandato in frantumi le loro carriere ai vertici del calcio mondiale, così come Michel Platini sembrava nella posizione ideale per assumere la presidenza. fifa.

L'ex allenatore della UEFA Michel Platini al suo arrivo presso la Procura della Repubblica a Berna il 15 marzo 2021
L’ex allenatore della UEFA Michel Platini al suo arrivo presso la Procura della Repubblica a Berna il 15 marzo 2021 Fabrice COFFRINI AFP/Archivio

Nel dettaglio, difesa e accusa concordano su un punto: il tre volte Pallone d’Oro ha consigliato bene a Sepp Blatter tra il 1998 e il 2002, durante il suo primo mandato alla guida della FIFA, e i due uomini hanno firmato un contratto scritto nel 1999 in cui hanno concordato una tariffa annuale di 300.000 franchi svizzeri, “fatturata dal signor Platini e pagata per intero dalla FIFA”, ha affermato l’accusa.

Ma nel 2011, “a più di otto anni dalla fine della sua attività di consulente”, l’ex capitano dei Blues rivendicava “una pretesa di 2 milioni di franchi svizzeri”, pagati dall’organizzazione calcistica “con il match” di Sepp Blatter, ha ricordato la persecuzione di novembre.

Per il pm si tratta di un pagamento “infondato”, che “ha danneggiato il patrimonio della Fifa e ha fornito al signor Platini un arricchimento illegale”.

L'ex presidente della FIFA Sepp Blatter si prepara a lasciare la procura di Zurigo dopo l'udienza del 9 agosto 2021
L’ex presidente della FIFA Sepp Blatter si prepara a lasciare la procura di Zurigo dopo l’udienza del 9 agosto 2021 SEBASTIEN BOZON AFP/Archivio

I due uomini hanno insistito fin dall’inizio delle indagini di aver deciso verbalmente uno stipendio annuo di un milione di franchi svizzeri, senza che le finanze della FIFA lo consentissero all’epoca. il saldo si è depositato in ritardo.

L’ombra di Infantino

Sepp Blatter ha scartato l’idea di uno schema discreto per nascondere tale importo e non si è mai ricordato che tutti gli organi FIFA competenti avevano convalidato il pagamento, che l’ente aveva versato i relativi contributi pensionistici e Michel Platini aveva “tasso tale importo”. nella sua residenza svizzera”.

Per il Pubblico Ministero, è solo un ulteriore segno che l’amministrazione finanziaria della FIFA è stata ingannata da una fattura fittizia.

L’udienza dovrebbe anche fare luce sulle circostanze in cui questa vicenda è esplosa nel 2015, quattro anni dopo la liquidazione dei due milioni, in un contesto segnato dalla corsa alla successione di Sepp Blatter, a seguito di una serie di scandali che hanno coinvolto funzionari del Sud-Sud. coinvolto nel football americano.

Il boss UEFA Michel Platini parla con il suo braccio destro Gianni Infantino durante una conferenza stampa a Tel Aviv, 25 marzo 2010.
Il boss UEFA Michel Platini parla con il suo braccio destro Gianni Infantino durante una conferenza stampa a Tel Aviv, 25 marzo 2010. JACK GUEZ AFP/Archivio

I due imputati sospettavano da tempo che l’attuale boss della FIFA, Gianni Infantino, o il suo entourage, avessero allertato l’accusa di questa vecchia transazione: quando il braccio destro di Michel Platini alla guida della UEFA, Italia-Svizzera aveva sventato ogni pronostico prendendo il controllo del calcio mondiale dopo l’interruzione del suo capo.

Tuttavia, dal luglio 2020, la giustizia svizzera indaga in parallelo sulla “cospirazione” del suo ex procuratore capo con Gianni Infantino, dopo tre incontri segreti tra i due uomini.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Classifica delle città che consumano più elettricità: perché l’Occitania è tra i pessimi studenti

Scheda grafica ammiraglia, Nvidia Ada Lovelace AD102 vs AMD RDNA 3 Navi 31