in

Presentazione intelligente n. 1: nei “Blocchi Smarting”

Presentazione intelligente n. 1: nei “Blocchi Smarting”
Presentazione intelligente n. 1: nei “Blocchi Smarting”

La versione finale del nuovissimo SUV completamente elettrico di Smart è stata presentata a un evento a Berlino. Eravamo lì per misurare questa rinascita del marchio, che lascia Hambach per la Cina e si ridefinisce completamente con il suo primo modello chiamato semplicemente #1.

Smart, Episodio 2: Dopo aver rivoluzionato la definizione di city car, cercando di scendere a compromessi con la Renault e di prendere piede nell’elettrificazione, il marchio nasce come parte di una joint venture tra Daimler e Geely nel 50/50.Per i tedeschi il design , per i cinesi (proprietari dei marchi Volvo e Lynk & Co) la base tecnica e l’industrializzazione. In termini di marketing, le responsabilità sono condivise tra queste due regioni, i rinati mercati entry-level del marchio. L’obiettivo è sfruttare l’onda elettrica per diventare più costosa e, in definitiva, rendere Smart un marchio redditizio.

Il #1, ad esempio, è un piccolo SUV di 4,27 m con un design molto fedele al concept #1 introdotto all’inizio dello scorso anno scolastico. Basato sulla piattaforma modulare 100% elettrica di Geely chiamata SEA (Sustainable Experience Architecture), il #1 condividerà questa base tecnica con non meno di 16 modelli di 7 marchi diversi, a partire da Zeekr che lo svela con il suo 001, il primo modello ad uscire dal mercato Fabbrica cinese dedicata a questa piattaforma. La creatività per i nomi non è certo il punto di forza dei cinesi di Geely, che hanno semplicemente chiamato questo Smart #1 (si pronuncia hashtag one). Dovremo abituarci a questo nome, ma potremmo dubitare della pronuncia corretta nelle nostre regioni!

Nuova era

In uno spettacolo per bambini con un linguaggio molto aziendale che presenta Smart come i suoi futuri leader evidenziando a grandi linee le sue prospettive future, il marchio ha rilevato un tipico hangar industriale berlinese per l’anteprima mondiale del suo piccolo SUV nella sua configurazione finale. Il design crea una silhouette piuttosto squadrata con linee molto morbide e morbide. Per raggiungere questo obiettivo, i designer tedeschi hanno utilizzato alcuni accorgimenti, tra cui un frontale dalla linea arrotondata, un inserto verniciato nel davanzale in plastica grezza, porte senza montanti, una linea del tetto fluttuante e avvolgente e infine una rientranza alla base del lunotto. I fari a LED collegati da una linea luminosa ricordano la loro firma luminosa per le ultime Citroën, al posteriore, logicamente la Mercedes EQ, il trattamento del pannello laterale ha qualcosa di Opel Adam ma comunque, la “big petite Smart” ha una personalità assertiva ritrovata, ben piantata sulle sue ruote da 18 o 19″.

Uno stile che si ritrova nell’abitacolo con la sua plancia originale, caratterizzata da forme tonde e allungate e da una consolle centrale alta che separa i passeggeri anteriori come in alcune auto sportive. Una scelta drastica ma interessante, che prevede uno spazio di archiviazione chiuso nella parte superiore e uno spazio vuoto sotto, ideale per riporre una borsa. Al centro c’è un tablet touchscreen HD da 12,8 pollici (di serie sui modelli di lancio) con un’interfaccia che sembra un po’ disordinata. La strumentazione è elettronica (9,2″) e può essere integrata nella classe regina con un head-up display. Nessuna realtà aumentata o altro display high-tech sul programma qui, ma aggiornamenti remoti, come dovrebbe essere. 64 colori di illuminazione d’atmosfera possono essere scelti, un tetto panoramico è in programma, mentre 13 altoparlanti adornano l’abitacolo delle versioni dotate del sistema audio Beats di alta qualità.

Il generoso passo di 2,75 m offre molto spazio nei sedili posteriori, che possono essere regolati grazie al sedile 1/3-2/3 che scorre di oltre 13 cm. La valigetta ha una capacità massima di 411 l e si completa con un mini franco da 15 l, perfetto per riporre il cavo di ricarica. L’accesso all’auto avviene tramite il tuo smartphone, che ti consente di estendere l’accesso a persone a tua scelta, anche per organizzare un micro sistema di car sharing.

272 cv sotto il cofano

Per il suo lancio, lo Smart SUV gioca chiaramente la carta della dinamica, con ben 200 kW (272 CV!) e 343 Nm sviluppati direttamente dal motore posteriore. Una trasmissione che dovrebbe rimanere efficiente (da 0 a 100 km/h in 6,7 s, 180 km/h), ma piuttosto sensata nel comportamento, con l’inerzia di circa 1.820 kg e senza sospensione attiva. La frenata è affidata a 4 dischi opportunamente dimensionati. La notevole massa è giustificata dalla grande batteria da 66 kWh (potenza lorda), in grado di fornire 440 km di autonomia WLTP mista. Non male per un piccolo SUV! Il caricatore integrato offre 22 kW di potenza in serie, sufficienti per passare dal 10 all’80% in meno di 3 ore, mentre con la ricarica rapida DC può raccogliere 150 kW ed eseguire la stessa carica in meno di 30 minuti.

Passa a premium

Rimane la spinosa questione del prezzo, che è presto per stabilire, a quasi 6 mesi dall’apertura dei preordini, nei tempi incerti in cui viviamo. Scommettiamo che la definizione di lancio (consegne a gennaio 2023), con due finiture di fascia media e alta, una batteria capiente e una forte potenza del motore, la #1 porterà ad un minimo di circa 44.000€, bonus esclusi, per la Pro modello, il modello Premium (comprese 100 copie della Launch Edition) è più costoso. Ma con un modello più entry-level e una batteria più piccola, stimiamo che potrebbe essere offerto in seguito a circa 37.000 euro, ovvero il prezzo base di una Peugeot e-2008 e poco più di una Hyundai Kona, di dimensioni più o meno equivalenti. La gamma è semplice e quasi priva di optional, ei clienti possono scegliere il proprio modello da stock tra le 48 combinazioni di colori disponibili, a un prezzo fisso identico in concessione (angoli presso selezionati garage Mercedes) o online. Le soluzioni per le apparecchiature delle stazioni di ricarica saranno offerte attraverso un marketplace in partnership con ABB e per la ricarica pubblica è prevista una partnership con DCS, non sfruttando le tariffe preferenziali dei partner del consorzio Ionity, di cui Smart è un’entità di Daimler .

Possiamo aspettarci anche una versione sportiva, probabilmente targata Brabus, con due motori e quindi quattro ruote motrici. L’inizio di uno sviluppo in serie in cui si vedrà modelli firmati Smart in diverse dimensioni, facile variabilità con la piattaforma modulare di Geely. Cosa puoi aspettarti nuovi hashtag…

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Almeno 35 persone vengono uccise in un attacco alla stazione di Kramatorsk, nell’est del Paese

Almeno 35 persone vengono uccise in un attacco alla stazione di Kramatorsk, nell’est del Paese

Dopo la decisa decisione dei Lakers, un’altra mossa è in vista nel roster!

Dopo la decisa decisione dei Lakers, un’altra mossa è in vista nel roster!