in

Putin accoglie favorevolmente la cattura di Mariupol ma si rifiuta di sferrare l’attacco finale

Soldati ucraini si barricano nell’enorme acciaieria Azovstal di questo porto all’estremità meridionale del Donbass, che è stata trasformata in una città di martiri dopo quasi due mesi di bombardamenti e assedi russi. Si rifiutano di arrendersi e il vice comandante del battaglione Azov, Sviatoslav Palamar, chiede tramite messaggi di Telegram “garanzie di sicurezza” dal “mondo civile” per uscire. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky afferma che stanno trasportando circa 1.000 civili, donne e bambini “e” centinaia di feriti.

“non passa una mosca”

In questo contesto: “Trovo inappropriato il proposto attacco alla zona industriale. Ordino che venga cancellato”, ha detto Putin durante un incontro con il suo ministro della Difesa, Sergei Shoigu, trasmesso dalla televisione russa. “Dobbiamo pensare […] Per la vita e la salute dei nostri soldati e dei nostri ufficiali, non dobbiamo entrare in queste catacombe e strisciare sottoterra”, ha confermato il capitano del Cremlino. “Chiudi l’intera area in modo che nessuna mosca possa passare”, ha aggiunto. Dopo diversi ultimatum dell’esercito russo, ha anche invitato i combattenti ad arrendersi, promettendo loro che avrebbero “salvato le loro vite” e “trattati con dignità”.

Kiev aveva già fatto una proposta. “Siamo pronti a tenere una “sessione speciale di negoziazione” a Mariupol. Per salvare i nostri ragazzi, (il battaglione) Azov, soldati, civili, bambini, vivi e feriti. Tutti”, ha dichiarato su Twitter mercoledì sera Mykhaïlo Podolyak, consigliere della presidenza ucraina e uno dei negoziatori con la Russia.

autobus civili

Le autorità locali temono che a Mariupol siano morte più di 20.000 persone, a causa dei combattimenti oltre che per la mancanza di cibo, acqua ed elettricità. L’esercito russo da giorni controlla gran parte della città e vi ha persino portato giornalisti occidentali.

Mentre l’evacuazione dei civili durante l’assedio era rara e difficile da organizzare, giovedì il primo vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk ha dichiarato che quattro autobus che trasportavano civili erano stati in grado di lasciare la città.

Si dirigono verso Zaporijjia, un viaggio di circa 200 km che a volte può durare diversi giorni a causa dei numerosi posti di blocco che devono essere attraversati in questa regione dell’Ucraina sudorientale dove continuano i combattimenti. Nel corso della giornata erano previste altre partenze di autobus.

Fallimento del Corridoio Umanitario

Nell’est, il ministero della Difesa ucraino ha riferito mercoledì mattina di “tentati attacchi” alle città di Sulyguivka e Dibrivné, nella regione di Kharkiv (est), nonché a Rubizhné e Severodonetsk, nella regione di Lugansk (ad est). “La situazione si complica di ora in ora”, ha scritto su Telegram il governatore di Lugansk Sergii Gaïdaï, rinnovando il suo appello all’evacuazione dei civili. “Assicurati di essere al sicuro […]† Andare! “, Scrisse.

Un alto funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha anche affermato che la Russia ha aumentato la sua presenza militare nell’Ucraina orientale e meridionale.

Sostegno europeo

“Questa nuova fase” della guerra, come l’ha definita martedì il capo della diplomazia russa Sergei Lavrov, si preannuncia feroce. Soprattutto perché l’Ucraina ora riceve armi pesanti che gli occidentali non potevano fornire prima.

Durante una visita a Kiev, dove ha incontrato Zelensky, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha assicurato che l’UE “farà tutto il possibile per [l’Ukraine] e assicurarsi che l’Ucraina vinca la guerra”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

La notte dei musei: una diciottesima edizione negli Hauts-de-Seine

Biglietteria per le partite di Raja e Wac: il gioco del fuoco