in

Quali paesi aiutano di più l’Ucraina?

Inserito il 21 aprile 2022, 17:57Aggiornato il 21 aprile 2022 alle 18:18

Chi ha risposto in modo più efficace alla richiesta di aiuto dell’Ucraina da quando i primi carri armati russi hanno invaso il suo territorio? Un database messo online questa settimana da un think tank tedesco consente di visualizzare le principali differenze tra i paesi che hanno espresso il loro sostegno a Kiev.

Il team del Kiel Institute for the World Economy ha raccolto tutti i dati pubblici sugli aiuti forniti da 31 paesi – Stati membri dell’UE e altri membri del G7 – nonché le donazioni delle istituzioni europee tra l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, il 24 febbraio e la fine di marzo. “Dall’inizio della guerra, il dibattito pubblico si è concentrato sulle misure per indebolire efficacemente l’esecutivo russo, mentre gli aiuti all’Ucraina hanno ricevuto meno attenzione, in parte a causa della mancanza di dati”, ha affermato Christoph Trebesch, direttore della ricerca all’interno del think tank . tank e autore principale del database.

Prima nota: anche se l’Europa ha moltiplicato i suoi gesti per mostrare il suo sostegno a Kiev, sono gli Stati Uniti che hanno speso di gran lunga la maggior parte dei soldi per essa. Solo loro hanno speso 7,6 miliardi di euro. Poco più della metà in aiuti militari (fornitura di armi, razioni militari e crediti vari all’esercito), il resto in aiuti umanitari. In totale, più di tre quarti degli aiuti militari bilaterali concessi a Kiev dall’inizio della guerra provengono da Washington.

Segue la vicina Polonia (sborsata poco meno di un miliardo di euro), il cui sostegno è principalmente finanziario, poi il Regno Unito (0,7 miliardi), il secondo fornitore di aiuti militari agli ucraini dopo gli Stati Uniti.

Lo sforzo dell’Estonia

Le prime due potenze dell’UE, Germania e Francia, vengono dopo, la prima principalmente per via degli aiuti umanitari e la seconda per il sostegno finanziario. Infatti, Parigi ha concesso un prestito di 300 milioni di euro a Kiev e ha inviato più di 100 milioni di euro in aiuti umanitari. Tuttavia, il think tank non tiene conto degli aiuti francesi a livello militare, a causa della mancanza di dati disponibili.

L’Eliseo è stato infatti particolarmente discreto, menzionando solo l’invio di equipaggiamenti per la difesa e carburante e poi “diverse dozzine” di missili. I dati sugli aiuti militari di tutti gli altri paesi sono più noti, osserva il think tank, anche se sono incompleti per Spagna e Finlandia.

Da parte delle istituzioni europee, il Consiglio dell’UE ha approvato un fondo di 1 miliardo di euro per rimborsare gli Stati membri che aiutano militarmente l’Ucraina. Ma anche se aggiungiamo questo agli altri strumenti europei – tra cui un prestito d’emergenza di 2 miliardi di euro annunciato dalla Banca Europea per gli Investimenti – e a tutte le misure introdotte dai Ventisette, il totale (6,3 miliardi di euro) resta inferiore alle attese sul tavolo negli Stati Uniti.

Tuttavia, gli sforzi di alcuni Stati membri sono notevoli. Rispetto al prodotto interno lordo, l’aiuto erogato da quattro paesi dell’Europa orientale è superiore a quello degli Stati Uniti. L’Estonia in particolare, che è di gran lunga lo sforzo maggiore, con aiuti stimati a quasi lo 0,8% del suo PIL. In Francia rappresenta meno dello 0,02% del PIL.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Delphine Wespiser prende una decisione dopo “il turbine” che l’ha conquistata dopo i suoi commenti su Marine Le Pen

Ingenuity, il piccolo elicottero inviato a sorvolare Marte supera ogni aspettativa