in

Quali sono i dispositivi che consumano più energia?

Frigorifero, lavastoviglie o internet box, i nostri elettrodomestici quotidiani a volte consumano più di quanto pensiamo. Uno sguardo al loro impatto energetico e ai mezzi per limitarlo.

RTE chiede ai francesi chi può posticipare il consumo di elettricità a questo fine settimana invece che a lunedì per quanto riguarda l’uso degli elettrodomestici“. L’appello del gestore della rete elettrica nazionale, unito alla grande ondata di freddo che sta colpendo il Paese, potrebbe spingerci anche a rivedere i nostri consumi di elettrodomestici di tutti i giorni. Frigorifero, essiccatore, forno elettrico, quali elettrodomestici consumano più energia? E quali sono i modi migliori per moderarne il consumo? Le Figaro Fai il punto.

Il frigorifero con congelatore

Con un consumo medio annuo di quasi 400 kWh all’anno secondo l’ADEME (Agenzia francese per l’ambiente e la gestione dell’energia), la combinazione di questi due dispositivi di risparmio è innegabilmente la più energivora. Sebbene siano essenziali, ci sono modi per limitare al meglio il consumo di questi due dispositivi.

Dal punto di vista pratico è preferibile adottare le corrette impostazioni di temperatura: tra 4 e 5 gradi per il frigorifero, -18 gradi per il congelatore. È inoltre necessario effettuare regolarmente la manutenzione dell’apparecchio, in particolare la griglia posteriore e le guarnizioni.

Secondo ADEME, “polvere e sporco accumulati possono essere la fonte del 30% del consumo di elettricità dell’apparecchioInfine, accertarsi di far circolare l’aria nell’apparecchio e di non accumulare troppo gli alimenti, inoltre si sconsiglia di lasciare gli sportelli aperti troppo a lungo.

L’asciugatrice e la lavatrice

I due dispositivi consumano rispettivamente una media di 200 e 100 kWh all’anno, secondo ADEME. Come per il frigorifero e il congelatore, esistono semplici abitudini per limitarne l’impatto energetico.

L’asciugatrice rappresenta circa il 15% del consumo annuale di elettricità di una famiglia. Per ridurre il consumo di elettricità, non sovraccaricare il tamburo per consentire una corretta circolazione dell’aria calda e pulire regolarmente il filtro.

Per la lavatrice preferire le basse temperature, il lavaggio a 30 gradi richiede tre volte meno energia rispetto al lavaggio a 90 gradi, il lavaggio a freddo il doppio rispetto al lavaggio a 40 gradi.

Non esitate a utilizzare il programma “ecologicoche fa risparmiare acqua e quindi energia. Infine, assicurati di ottimizzare il riempimento del cestello per accogliere la quantità massima di indumenti.

La lavastoviglie

La prima raccomandazione di ADEME: “Considera la possibilità di sostituire la tua lavastoviglie se è vecchia“. Con un consumo medio annuo di circa 180 kWh all’anno, un cambio apparecchio può essere gradito, i modelli recenti consumano la metà dell’acqua rispetto a quelli di dieci anni fa.

Poiché l’80% dell’energia utilizzata da una lavastoviglie viene utilizzata per riscaldare l’acqua, meno l’apparecchio consuma, meno energia consuma. Per quanto riguarda la lavatrice, dai la preferenza alla modalità “ecologico” Dove “50 gradiche può ridurre i consumi fino al 45% rispetto a un programma intensivo.

Più in generale, è preferibile rimuovere preventivamente le briciole dalle stoviglie, pulire regolarmente il filtro e le guarnizioni e avviare la macchina nelle ore non di punta se la propria opzione tariffaria lo consente.

Piani cottura e forno

Con un consumo annuo di circa 120 kWh per le piastre e 100 kWh per il forno, la cottura dei cibi è dispendiosa dal punto di vista energetico.

Per i piatti caldi c’è un semplice consiglio per far bollire l’acqua: metti un coperchio sulla padella, l’acqua bolle più velocemente e consumi circa quattro volte meno energia.

Per gli appassionati di forni a convezione, cogli l’occasione per preparare più piatti contemporaneamente, risparmiando tempo di cottura e quindi energia.

IT e apparecchiature ad alta tecnologia

Secondo ADEME, “le apparecchiature informatiche dei francesi rappresentano una parte sempre più importante del loro consumo di elettricità“A partire dall’Internet box che per famiglia consumerebbe tra 150 e 300 kWh all’anno. Per quanto il 93% dei francesi avesse Internet nel 2021 (Insee), l’impatto energetico è in crescita.

Il computer desktop consuma annualmente tra 120 e 250 kWh, il laptop tra 30 e 100 kWh.

Per la televisione, l’impatto è significativo anche in quanto il suo consumo quando è in standby per 20 ore equivale a quattro ore di visione.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Renée Fleming, soprano superstar e guaritrice d’opera

Il Liverpool guarda alle semifinali dopo la vittoria sul Benfica