in

Ritorno a Monkey Island: tornano gli “Avengers of point & click”.

Novità sul gioco Ritorno a Monkey Island: tornano gli “Avengers of point & click”.

Improvvisamente, come una gara di sputi che inizierebbe senza preavviso, Lucasfilm Games, Devolver e Terrible Toybox hanno appena annunciato il ritorno della serie Monkey Island, a più di un decennio dalla sua ultima puntata. Soprattutto, questa volta è la squadra originale al timone, che ci porta più che mai al confine tra umorismo e assurdità. Perché è un cult e perché è un ritorno tanto atteso?

Ritorno a Monkey Island: Il

Il segreto di Monkey Island (1990)

Ci sono cose che non cambiano. Così quando Ron Gilbert, creatore della famosa licenza Monkey Island, lo ha annunciato su Twitter “piccola cosa” su cui ha lavorato per due anni – e su cui i giocatori aspettano da trent’anni – troviamo l’umorismo dell’uomo e quello della saga della pirateria insolita che lo ha reso famoso. L’annuncio è Return to Monkey Island, che quest’anno segnerà il ritorno dell’universo cult inaugurato da Lucasfilm Games nel 1990, ma soprattutto il ritorno dello stesso Gilbert al volanteaccompagnato da gran parte del team originale, in particolare alla colonna sonora e al doppiaggio. “Questo ritorno è un po’ un doppio evento” osserva Jean-Kléber Lauret, capo del dipartimento high-tech di JV e fan della serie. “Gilbert ha lasciato Lucasfilm Games dopo il secondo opus (…) il cui finale è davvero strano, molto brutale”

Trent’anni senza risposta

Per la bellezza dello spettacolo, non vi sveleremo il finale di Monkey Island 2. Tieni presente che da un lato è molto alto, ma dall’altro ha perfettamente senso nell’umorismo unico della serie. Un umorismo ovviamente sviluppato inizialmente dallo stesso Ron Gilbert, ma anche da Tim Schafer (fondatore del famoso studio Double Fine, Psychonauts, Brütal Legend) e un certo Dave Grossman, che entra anche a far parte di Return to Monkey Island. “È una sceneggiatura postmoderna” riassume Nicolas Deneschau, autore di “Mysteries of Monkey Island” edito da Third Editions, che abbiamo avuto al telefono. “Monkey Island è il tipo di gioco in cui avrai una gara di sputi o un personaggio andrà a bere qualcosa da un distributore automatico mentre è un pirata”† La parola chiave è spesso anacronismo.

Ovviamente, gli altri episodi di Monkey Island faranno affidamento su questo particolare umorismo, con un successo piuttosto onorevole. L’ultima parte delle avventure dell’eroe Guybrush Threepwood è uscita nel 2009, una serie di cinque capitoli sviluppati dallo studio Telltale Games (Wolf Among Us, Walking Dead) in collaborazione con LucasArts – il nome dell’azienda cambia tra il 1991 e il 2013 – , raccogliere un comodo 86/100 su Metacritico. Ma nessuno dei sequel si espande sul finale a sorpresa di Monkey Island 2. “Dopo questo episodio, gli sviluppatori hanno cercato di destreggiarsi tra l’eredità di Gilbert” sottolinea Nicolas Deneschau. Tornare a Monkey Island è dunque la promessa di una risposta a questo esilarante finale† Un finale che Gilbert non avrebbe mai potuto spiegare, dopo la sua partenza dalla Lucasfilm Games nel 1991, nonostante il suo… a piedi alla Disney che possiede i diritti di licenza. Il tempo e il supporto dell’editore di Devolver, che ha già risposto qui nel 2019, sembra che abbia fatto il resto.

“Punta e clicca Avengers”

Ma questo non è l’unico motivo per essere entusiasti. “Per i fan di questa età d’oro dei giochi di avventura, (Ritorno a Monkey Island – ndr) è un po’ la riforma dei Vendicatori o della Justice League del punta e cliccaDa parte sua, conferma Pierre-Eric Salard, esperto di LucasArts / Lucasfilm Games e manager di un . pagina Twitter su questo, che abbiamo anche contattato. Perché oltre ad essere un gioco divertente e divertente, il primo Monkey Island segna principalmente una svolta per il genere. “Per lui, i giochi di avventura non erano davvero mainstream” spiega Nicolas Deneschau. “Ma nel 1989 Ron Gilbert scrisse questo articolo,”Perché i giochi di avventura sono cattivi(“perché i giochi di avventura fanno schifo” – ndr) dove teorizza un certo insieme di regole che applicherà a Monkey Island”

Ron Gilbert è un uomo speciale, un informatico appassionato che ancora oggi trascorre ore a programmare a casa e che ha una certa intelligenza riguardo al mondo di gioco. Vuole essere soprannominato “Grumpy Gamer” (“il giocatore scontroso”) – Nicolas Deneschau, autore di “I misteri di Monkey Island”

Il bambino di Gilbert e Lucasfilm Games si impegna parecchio per rendere la vita del giocatore più facile. A partire da queste poche parole, “mi chiamo Guybrush Threepwood e vorrei diventare un pirata”, le prime che sentiamo dall’inizio della primissima Monkey Island nel 1990. L’obiettivo: spiegare chiaramente quali requisiti il ​​giocatore deve rispettare† Il titolo passa poi a tre prove che vanno fatte in ordine sparso – un’originalità per l’epoca – per convincere il consiglio dei pirati ed entrare nel loro rango. Difficile essere meno chiari. “Monkey Island è un po’ come una scuola di game design, come il primo livello di Super Mario Bros. È qualcosa di molto didattico (…) Una pietra miliare del gioco d’avventura” riassume Nicolas Deneschau. Stessa storia con Jean-Kléber Lauret: “Ron Gilbert ha praticamente inventato il moderno linguaggio punta e clicca”

The Secret of Monkey Island (gioco originale del 1990)

Ritorno a Monkey Island: Il Ritorno a Monkey Island: Il Ritorno a Monkey Island: Il

Ritorno dai morti

Nonostante sia stato inizialmente più di un successo commerciale, il primo Monkey Island avvierà lentamente la rivoluzione del gioco di avventura. ancora oggi, è considerato un riferimento† Soprattutto con Neil Druckmann, direttore creativo e co-presidente di Naughty Dog (Uncharted, The Last of Us) che è arrivato al punto di infilare segreti relativi alla serie nel molto serio Uncharted 4. L’entusiasmo è adatto anche ai giocatori. “Mi sono innamorato di Monkey Island. Il suo universo, la sua musica, il suo umorismo devastante” dicci Grimh_HS, su Twitter. il videomaker Super Anatradal canto suo, parla di un gioco che “ha incantato la sua immaginazione”.

Basti dire che l’eccitazione della reunion di Guybrush Threepwood, in particolare con la squadra originale al timone, è più che palpabile. Ma torna a Monkey Island, “È anche un enorme punto di svolta per Lucasfilm Games” spiega Pierre-Eric Salard. “Quando LucasArts ha chiuso nel 2013 (…) Lucasfilm aveva solo una piccola divisione interna che gestiva la licenza (Star Wars – ndr). Return to Monkey Island rappresenta un ritorno all’essenza di LucasArts, anche se non è stato sviluppato internamente. Questo è un gioco di avventura dalla loro licenza originale più famosa sviluppata dai creatori dei giochi originali. E soprattutto, è un’isola (di scimmie) nel mezzo di un oceano di Star Wars, a dimostrazione del fatto che stanno finalmente cercando di riconnettersi con l’altra parte del loro pubblico”.† Alza l’ancora, marinaio.

Ritorno a Monkey Island (previsto per il rilascio nel 2022)

Ritorno a Monkey Island: Il

Profilo di Indee, Jeuxvideo.com

Tramite IndiaGiornalista jeuxvideo.com

PM

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

STATISTICHE: i numeri da sapere per Chelsea-Real Madrid

Su Netflix e OCD: 3 serie emozionanti da guardare stasera