in

Shakhtar Donetsk, l’esilio senza fine di un club ucraino

Erano già fuggiti dal Donbass a Kiev nel 2014, quando il loro stadio è stato mutilato dalle bombe: i calciatori dello Shakhtar Donetsk, grande club ucraino, ora si allenano a Istanbul e continuano il loro esilio lontano dai loro tifosi.

“È molto difficile perdere la casa (…), dover correre da un posto all’altro, tutto a causa di un tiranno, un dittatore”, confida l’AFP alla guardia di sicurezza e leggenda del club Andriy Pyatov, 37 anni, 14 anni. di cui hanno passato nelle gabbie dello “Shakhtar”.

Il portiere di 480 partite, una grande carcassa nuda di 1’90, ha visto dieci dei 13 campionati ucraini conquistati dal suo club, che regna nel campionato nazionale insieme alla storica rivale Dynamo Kiev (16 titoli).

Ma ha anche vissuto gli otto anni di peregrinazione del club tra la capitale Kiev, Lviv (ovest) e Karkhiv (nordest), a una trentina di chilometri dal confine russo, mentre la regione di Donetsk (est) attaccava l’esercito ucraino e l’esercito filorusso si confrontano. separatisti.

L’invasione dell’Ucraina lanciata da Mosca il 24 febbraio, che ha impedito la ripresa del campionato ucraino al termine della pausa invernale, questa volta ha spinto i giocatori dello Shakhtar Donetsk oltre i confini del proprio Paese.

Arrivata a Istanbul il 6 aprile, la squadra ha preso il via la scorsa settimana ad Atene contro l’Olympiacos in un tour di amichevoli progettato per raccogliere fondi per aiutare, in particolare, gli orfani della guerra in Ucraina.

“Se riusciamo a raccogliere un po’ di soldi per aiutare, allora penso che sia stata la decisione giusta”, ha detto Pyatov, sul prato del centro di allenamento verde nel nord-est di Istanbul, dove si allenano i giocatori regolari della nazionale turca.

“Non mi piaceva l’idea di mollare adesso”, spiega Roberto De Zerbi, allenatore della squadra, rientrato giovedì dall’Italia per preparare i suoi uomini al tour che li ha portati a Danzica (Polonia). farli affrontare il Fenerbahçe (Turchia) e l’Hajduk Spalato (Croazia) all’inizio di maggio.

– “Lo sogno, come tutti i giocatori” –

I 13 brasiliani che hanno vestito i colori dello Shakhtar Donetsk fino all’inizio del conflitto sono tutti fuggiti dal Paese a fine febbraio. In Ucraina sono rimasti solo due giocatori: Georgiy Sudakov, la cui moglie sta per partorire, e Viktor Kornienko, che si è unito alla difesa territoriale.

Gli altri giocatori sono stati autorizzati a lasciare l’Ucraina con un’autorizzazione speciale, in base alla quale normalmente tutti gli ucraini di età compresa tra i 18 ei 60 anni – e quindi in età combattiva – non possono lasciare il territorio.

Nessuno di loro ha preso le armi in questa fase, ha detto un portavoce del club. Ma “se necessario, lo farò”, dice Pyatov, la cui famiglia è ancora in Ucraina.

Roberto De Zerbi non impedirà a nessuno dei suoi giocatori di lottare, ci assicura: “Se si tratta di lottare per la sua libertà, la sua dignità, il suo orgoglio, il suo Paese, non posso che congratularmi con lui”.

Il presidente del club, l’oligarca ucraino Rinat Akhmetov, ha promesso di non lasciare l’Ucraina. La sua squadra affronterà il Fenerbahçe martedì, allo stadio di Istanbul dove Pyatov e compagni hanno vinto la Coppa UEFA 2009 contro il Werder Brema.

Uno stadio simbolico, ma non quanto la Donbass Arena di Donetsk, un luogo all’avanguardia di cui il club e la gente del posto erano orgogliosi dopo la sua inaugurazione nel 2009… ma dove non si giocava nessuna partita da maggio 2014.

Lo Shakhtar suonerà di nuovo lì presto? “Lo sogno, come tutti i giocatori. Ma sappiamo che non accadrà dall’oggi al domani”, dice Pyatov, all’età in cui molti giocatori hanno già appeso i ramponi al chiodo. “Ci vorrà molto tempo, ma ci sto ancora sognando”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Boursorama Banque test: l’anzianità del mobile banking paga

L’intero catalogo Ubisoft è gratis per una settimana!