in

sotto il segno della “Pace”

Kamal Lahlou ha ricevuto quest’anno il Gran Cordone al Merito Sportivo dall’Associazione dei Comitati Olimpici del Mondo, all’Assemblea Generale di Creta (Grecia), per i servizi resi allo sport, e in particolare la sua proposta per la Giornata Mondiale dello Sport.

Il 6 aprile, come ogni sei di questa primavera, è stata proclamata dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) la Giornata Mondiale dello Sport al Servizio della Pace e dello Sviluppo. Viene celebrato, come lo è dal 2011, quando è stato ufficialmente proclamato, in diversi paesi del mondo. Se questo giorno porta l’acronimo del CIO, porta anche l’etichetta “Marocco”, perché è l’atleta marocchino di lunga data, Kamal Lahlou, che ne è l’istigatore. Così, il 6 aprile è stata proclamata “Giornata mondiale dello sport”, su proposta del Regno del Marocco, a conferma del suo ruolo pionieristico e del suo impegno nella promozione della pace, dell’umanesimo e dello sviluppo sostenibile a livello globale. †

Il 22 maggio 2011, durante il secondo forum internazionale al Palais des Nations di Ginevra tra l’ex Presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), Jacques Rogge, e l’ex Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, il Rappresentante del Comitato Olimpico Nazionale Marocchino (CNOM), Kamal Lahlou, ha proposto che la celebrazione della Giornata Internazionale dello Sport aiuti a sensibilizzare i governi e i leader politici di tutto il mondo sul fatto che lo sport è diventato un diritto, come l’istruzione, la salute, ecc. .

Questa proposta è stata accolta molto bene e due anni dopo, il 23 agosto 2013, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 6 aprile Giornata Mondiale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace, stabilendo un legame storico con la data di apertura dei primi Giochi Olimpici. Giochi nel 1896. La proclamazione di questa giornata intende celebrare il contributo dello sport e dell’attività fisica all’educazione, allo sviluppo umano, all’adozione di uno stile di vita sano e alla costruzione di un mondo pacifico. Per sempre, il 6 aprile porterà il segno distintivo del Marocco attraverso le generazioni, come questi abiti lussuosi scolpiti nel nome del loro creatore. Il Marocco di Aouita, Nawal e tanti altri illustri personaggi dello sport, si sono meritati questo vestito in base alle loro conquiste, Kamal Lahlou lo ha realizzato per loro e lo lascia ai posteri.

È bello e gratificante che sia questo instancabile lavoratore per l’immagine del Marocco, Kamal Lahlou, a ideare e concepire questa idea per conto del Marocco. Il 6 aprile il mondo celebra questo giorno con un’emozione speciale in questi tempi in cui la pace nel mondo sembra essere così profondamente turbata. Ad ogni modo, questo giorno è qua e là, esiste e il Marocco ne è orgoglioso e onorato. Questo giorno permette alla speranza di entrare in un mondo migliore. Sta a tutti pensarci e festeggiarlo come merita. Come meritano il Marocco e i suoi uomini degni.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

L’UE è in grado di sostituire la metà delle importazioni di gas della Russia a breve termine, afferma il presidente di Engie voorzitter

Elden Ring: Il gioco di FromSoftware seduce tutti e stabilisce un grande record