in

“Sotto le ali degli angeli”, odiato da chi pensa Malick – Liberation

Il primo film di AJ Edwards, prodotto dal suo mentore Terrence Malick, è soffocato dai tic e dai cliché del film del grande autore, un’eterea cronaca in bianco e nero dell’infanzia in campagna di Abraham Lincoln.

Proprio come mi rifiuto di essere uno schiavo, mi rifiuto di essere un padrone. Questa è la mia idea di democrazia”. Questa, tuttavia, non è la citazione di apertura di questo film che occupa la sua attuale, tardiva uscita (realizzata nel 2014) nel nostro tempo di politici autoritari e meschini leader verticali. Ma la frase è anche, come quella in apertura – “Tutto ciò che sono, o spero di essere, lo devo alla mia madre angelica” – di Abraham Lincoln, Presidente degli Stati Uniti d’America, amato da una tradizione cinematografica umanistica ed elegiaca. Dopo Griffith, Ford o Spielberg, ecco l’infanzia di Lincoln, un ragazzino di vita rurale, coloniale e pioniere, un ragazzo come tutti gli altri, solo più brillante, di questo primo ‘800. È un’eterea cronaca delle fondamenta, una storia del “lungo tempo” ad alta quota del bambino, raccontata in voce fuori campo da suo cugino che la ricorda. Stiamo assistendo meno a una storia di origine che al ripristino di un fondamento di credenze da cui è stata fondata la civiltà americana; fondamenti di duro lavoro, vette spirituali, religiosità naturale, casolare nella prateria, il padre spacca legna e dissoda la terra, la madre si prende cura della casa.

Archivio di “Lincoln” di Spielberg

Stile intriso di puritanesimo

La prima infanzia del grande uomo, vista attraverso il filtro di un sogno sobrio e pastorale, è filmata tra parentesi, in sospensione: stagnazione innocente, episodi eloquenti (apparve rapidamente un indiano, schiavi incatenati incrociati di passaggio). Primi anni di vita tra i boschi, in uno stile intriso di puritanesimo e trascendentalismo à la Emerson, da qualche parte nell’entroterra dell’Indiana. Corrispondenza del bambino e della giovane nazione americana, trent’anni dopo che i principi furono dichiarati nella Dichiarazione di indipendenza. “di libertà, uguaglianza e diritto alla ricerca della felicità”† Cromos in bianco e nero, americane illuminate dal basso, scene di ruvida educazione, accarezzata dalle ali dell’angelo ispiratore, di protezione materna: ombra del defunto (la madre biologica di Lincoln, morta prematuramente per avvelenamento da acqua) o carità di la nuova arrivata (la suocera, vedova che è venuta a subentrare come custode). Gli episodi quotidiani sono abbastanza sorprendenti da fornire spunti significativi sul destino del giovane Lincoln.

violazione intenzionale

Il film infatti non pone la questione politica del padrone e dello schiavo, ma piuttosto l’estetica del maestro e del discepolo, poiché il film è prodotto da Terrence Malick e viene mostrato forte e chiaro sotto gli auspici del “maestro “, la sua etichetta indie, il suo valore aggiunto. AJ Edwards, di cui è stata la prima produzione, editore di Perfetto e cavaliere di coppe, si applica al cliché per rendere la copia conforme. Sotto le ali degli angeli, fienile di visitatori, è una copia, segnata con i ferri del suo manierismo copista, sotto l’influenza “dell’autorità dell’autore”. Si piega, si soffoca sotto i tic, i grandangolari, gli swipe increspati della steadycam, i salti sistematici e le rivelazioni continue, colti in falsi volontari, perché il permesso è stato concesso da entrambe le parti: dal mentore dominante e dal plagio dell’epigone. Il padrone e lo schiavo.

Sotto le ali degli angeli di AJ Edwards, con Diane Kruger, Jason Clarke, Brit Marling(1h 34).

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Buon abbonamento VPN: questa offerta su NordVPN del -72% non durerà a lungo, approfittane subito!

ferito dopo un attacco alla metropolitana, è un attacco?