in

Test Xiaomi 12: dimensioni ridotte, autonomia ridotta

Il nostro Xiaomi 12 è necessariamente meno ben equipaggiato della sua controparte Pro. Se mantiene il modulo principale di 50 megapixel, il sensore integrato è diverso, perché è il Sony IMX766 (un IMX707 nello Xiaomi 12 Pro). Sull’ultra grandangolo, punto di definizione da 50 megapixel. Ecco Xiaomi classico con un sensore da 13 megapixel. Da segnalare infine la mancanza di un teleobiettivo, sostituito da un modulo macro da 5 megapixel.

Modulo principale: 50 megapixel, f/1.8, eq. 24 mm



Xiaomi 12 (50 megapixel, ritaglio 100%)


Xiaomi 12 (12,5 megapixel, ritaglio 100%)



Xiaomi 12 (50 megapixel, ritaglio 100%)


Xiaomi 12 (12,5 megapixel, ritaglio 100%)

Tra gli snapshot catturati in 12,5 megapixel grazie alla tecnica di rilegatura dei pixel e il full frame, non c’è differenza. D’altra parte, la modalità da 50 megapixel è meno rilevante in condizioni di scarsa illuminazione. L’appiattimento è molto più visibile sul nostro palco. La foto da 12,5 megapixel offre maggiore nitidezza e contrasto. Un risultato quindi preferibile.



Pixel 6 Pro


Xiaomi 12 (equivalente a 24 mm, f/1.8, 1/100, ISO 68)

Di fronte al Google Pixel 6 Pro, il miglior telefono con foto nel nostro confronto, lo Xiaomi 12 non è all’altezza. Tuttavia, non è male per tutto questo, in quanto offre una buona illuminazione, un certo livello di dettaglio e un contrasto leggermente superiore rispetto al modello Xiaomi 12 Pro. Rimpiangiamo però una colorimetria un po’ blanda, così come una levigatura alla periferia un po’ troppo importante.



Pixel 6 Pro


Xiaomi 12 (equivalente a 24 mm, f/1.8, 1/25, ISO 2853)

Non sorprende che sia difficile misurare correttamente il Pixel 6 Pro di notte. Lo Xiaomi 12 beneficia di una buona colorimetria e di una corretta esposizione. Tuttavia, l’elaborazione del software è piuttosto forte, appianando gran parte della scena e cancellando i dettagli. Il rumore digitale si verifica nelle parti più scure, lo smartphone aumenta di sensibilità (2853 ISO).

Modulo ultra grandangolare: 13 megapixel, f/2.4, eq. 16 mm



Google Pixel 6 Pro


Xiaomi 12 (eq. 16 mm, f/2.4, 1/50, ISO 74)

Se il Pixel 6 Pro soffre di un grande effetto sfocato, lo fa anche lo Xiaomi 12, ma in modo più moderato. L’immagine è un po’ spenta, soffre di aberrazioni cromatiche in alcuni punti, ma la nitidezza è abbastanza buona.



Google Pixel 6 Pro


Xiaomi 12 (eq. 16 mm, f/2.4, 1/15, ISO 5195)

Di notte l’immagine è piuttosto confusa. Lo Xiaomi 12 ha una sensibilità piuttosto elevata (ISO 5195), coprendo la foto con rumore digitale. I dettagli sono inesistenti, ma l’esposizione è abbastanza corretta.

Modulo frontale, modalità ritratto e video

Lo Xiaomi 12 è buono quanto il 12 Pro nella parte anteriore. Troviamo lo stesso sensore da 32 megapixel che offre una buona qualità selfie, con un alto livello di dettaglio.

La modalità ritratto ha riscosso un discreto successo, con un contorno del soggetto quasi perfetto in ogni prova, sia con il modulo frontale che con il modulo grandangolare. Questa modalità ha la sfocatura dello sfondo regolabile e un’opzione “tutto il corpo” per riprendere un intero soggetto. Senza un teleobiettivo 2x, devi avvicinarti per ottenere uno scatto all’altezza delle spalle.

In video, Xiaomi 12 può filmare fino a 8K a 24 fps e 4K a 60 fps. Lo smartphone è anche compatibile con HDR10+. Nella parte anteriore, le capacità video sono limitate a 1080p a 60 fps.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Arrestare o riavviare? Ibrahimovic superato dal peso degli anni

Televisione. I fratelli belgi Lucas e Nicolas vincono il “Beijing Express”