in

Truppe ucraine accusate di aver giustiziato soldati russi

Le immagini sono insopportabili. Sdraiati a terra, due uomini in uniforme militare sanguinano il loro sangue, che si riversa sul bitume di una strada consumata. C’è un suono sordo del respiro. “Lui è ancora vivo”, fa notare una voce. Un soldato spara due colpi, ma il corpo è ancora in movimento. Un terzo colpo interrompe il russare rauco della vittima. A pochi metri di distanza ci sono altri due uomini nel sangue, uno dei quali ha le mani legate dietro la schiena. Alcuni indossano la fascia bianca da braccio delle truppe russe. “Schiavo ucraino”“Gloria all’Ucraina”, in francese), un uomo scivola davanti alla telecamera. Nella foto compaiono una dozzina di guerrieri.

>> Guerra in Ucraina: le ultime informazioni nel nostro Direct

Di lato è visibile un veicolo blindato russo BMD-2, contrassegnato dalla lettera “V”. Questi omicidi sembrano essere stati commessi dopo un agguato di soldati ucraini contro una colonna russa, scrive il New York Times (in inglese).

“I soldati a terra ci hanno detto che questo attacco era avvenuto 48 ore prima”ha scritto, sabato 2 aprile, il giornalista indipendente Oz Katerji, che ha notato la distruzione di 13 carri armati e veicoli blindati. Lo stesso giorno, il Ministero della Difesa russo trasmettere il video di un convoglio russo distrutto vicino al villaggio di Dmitrovka, a ovest di Kiev, dove furono ritirate le truppe inviate da Mosca.

La BBC ha trovato il modo che collega Dmitrovka a Irpin e Boutcha, incrociando diversi elementi visivi (in inglese)† I media britannici hanno anche trasmesso un’immagine satellitare di Maxar Technologies, datata 31 marzo, che mostra veicoli blindati e macchie di sangue a terra. Secondo la BBC, la scena è stata girata nel pomeriggio del 29 marzo, o prima, poiché una prima versione del video è apparsa la mattina del 30 marzo. È molto probabile che le vittime fossero soldati russi, come suggerisce la dichiarazione di uno degli uomini: “Eccoli, i difensori dell’esercito russo”

L’unità in questione non è stata formalmente identificata, ma i media ucraini Unione attribuisce il successo dell’imboscata alla Legione georgiana, un’organizzazione paramilitare che combatte al fianco di Kiev. Secondo New York Timescita anche uno dei soldati coinvolti “Ragazzi Belgravia”, che probabilmente si riferisce ad una vicina zona residenziale. Alcuni resoconti filo-russi di Telegram affermano di aver identificato due uomini che appaiono nell’immagine, dichiarando i loro nomi. Si tratterebbe di un combattente georgiano, ex guardia del corpo dell’ex presidente Mikhail Saakashvili, eun combattente di Kiev.

Queste immagini hanno fatto reagire Mosca, che condanna “crimini di guerra”. lLa Commissione d’inchiesta della Federazione Russa ha annunciato accuse contro il comandante della legione georgiana Mamuka Mamulashvili. Durante una trasmissione su YouTube mercoledì, quest’ultimo ha detto che i suoi uomini non avrebbero fatto prigionieri russi o… “cadirovite”– nel senso che hanno risolto il destino dei vinti con il sangue. “Non ho visto il video”ha osservato Dmytro Kuleba a margine della sua visita NATO a Bruxelles (Belgio), ribadendo che l’esercito ucraino “rispettava le regole della guerra”, ma senza escludere un atto isolato che sarà oggetto di indagine. Prima di aggiungere: “Non capisci come ci sentiamo dopo aver visto le immagini di Boutcha”

Questa non è la prima volta che le forze armate di Kiev vengono individuate. Pochi giorni prima, c’era già molto commento su un altro video in cui uomini in uniforme militare torturavano i prigionieri. Alcuni di loro indossavano la fascia bianca indossata dalle truppe russe, mentre venivano picchiati da uomini che indossavano la fascia blu, segno di riconoscimento da parte delle forze armate ucraine.

Vero o falso: i prigionieri russi sono stati torturati dall'esercito ucraino?
FRANCEINFO

Secondo la verifica di franceinfo Revelator, la scena è avvenuta in un caseificio, a est di Kharkiv, vicino al villaggio di Mala Rohan, come evidenziato da diversi elementi visivi corrispondenti (pali rossi, edificio, motivi a terra, ecc.). Questa posizione è anche in linea con l’attuale situazione militare. Il villaggio di Mala Rohan era stato appena liberato dalle truppe ucraine durante un’offensiva tra il 25 e il 26 marzo.

Il comandante supremo delle forze armate ucraine, Valeri Zaloujny, aveva denunciato su Facebook una messa in scena russa presa di mira “screditare le forze armate” da Kiev. Lo stesso giorno, il consigliere presidenziale Alexei Arestovitch, da parte sua, ha dichiarato che sarebbe stata avviata un’indagine e che: “il colpevole, se trovato, sarebbe punito”† Quattro giorni dopo, l’ONG Human Rights Watch aveva segnalato il potenziale “crimini di guerra” ucraini e ha invitato Kiev a fare piena luce su questo episodio. Più in generale, chiede ancora all’Ucraina di fermare la diffusione delle immagini dei prigionieri russi sui social network.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Jean-Pierre Pernaut: il telegiornale delle 13:00 di TF1 è un simpatico omaggio al suo compleanno

Esplosione di interessi e premi richiesti: fine mutuo facile?