in

Un successo degno degli anni migliori

Il Salon international du livre de Québec ha accolto un numero di visitatori paragonabile a quelli degli “anni migliori”, nonostante i timori che la sesta ondata avrebbe ridotto il traffico lì.

L’evento ha accolto circa 70.000 persone al Convention Center dal mercoledì alla domenica. Secondo il direttore generale, Daniel Gélinas, questo numero è pari al numero di passeggeri del 2019.

“Nonostante le nostre aspettative che erano introvabili, siamo rimasti completamente sbalorditi dal successo dello Show. Abbiamo quasi superato gli anni migliori”, sottolinea.

Negli ultimi due anni, la squadra ha dovuto affrontare la cancellazione dell’evento a causa della pandemia.

raduni letterari

L’autore di romanzi horror Patrick Senécal si è detto molto emozionato nel trovare i suoi lettori durante la firma del libro.

“Stiamo già facendo due fiere per due [depuis la pandémie] e i lettori sono così felici. Non è giusto [de voir les auteurs]ma per vedere le persone”, dice.

Daniel Gélinas, da parte sua, rileva che il “carattere naturale degli incarichi” è tornato.

“Doppio morso”

Questa volta, la sesta ondata, ei tempi di consegna dei distributori, hanno preoccupato l’amministrazione, che aveva paura di rivivere lo stesso scenario.

“Immagina, tutto è pronto e all’improvviso non è rimasto più nulla. Quest’anno la squadra ha raddoppiato le sue dimensioni in un arco di tempo molto breve – due mesi invece di diversi – con un elemento di rischio”, spiega John Porter, presidente del consiglio.

I gruppi scolastici non hanno perso la chiamata con quasi 15.000 studenti in visita in tre giorni.

“Le scuole avevano prenotato in autunno e ci siamo detti che con il COVID non sarebbero tornate. Ma abbiamo avuto lo stesso numero di studenti degli altri anni”, ha affermato il Sig. Geline addosso.

Solo una ventina di autori dei 1000 partecipanti all’evento hanno annullato la loro partecipazione.

La casa editrice Alire si dice soddisfatta delle vendite durante l’evento, paragonabili a quelle delle edizioni pre-pandemia.

Nuova formula

La riduzione del numero di chioschi non era nel menu di questa edizione. La configurazione è stata leggermente modificata per limitare la folla.

I corridoi sono stati allargati per consentire un flusso regolare. E i nuovi chioschi standardizzati hanno lasciato molto spazio di manovra, nonostante le ore di punta in cui il traffico era intenso.

Sebbene quest’anno gli spazi di intrattenimento siano stati limitati, il nuovo “Author.e Studio” ha permesso al pubblico di osservare le esibizioni di artisti come Fred Pellerin e David Goudreault.

“Molti degli elementi innovativi che sono stati preparati l’anno scorso e l’anno prima erano presenti”, continua Porter.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enorme calo dei prezzi per l’Apple Watch SE GPS di Fnac

All’estero, Jean-Luc Mélenchon ha elogiato nelle Antille-Guyana