in

All’estero, Jean-Luc Mélenchon ha elogiato nelle Antille-Guyana

POLITICA – In Guadalupa, Martinica e Guyana, Jean-Luc Mélenchon sarebbe stato eletto presidente al primo turno domenica prossima, 10 aprile. Il candidato francese Insoumise, che è arrivato 3° nella corsa all’Eliseo, ha segnato più del doppio del suo punteggio nazionale in questi territori d’oltremare.

Con circa il 20% dei voti espressi, Jean-Luc Mélenchon ha ottenuto il miglior punteggio nella storia del suo partito. Di fronte ai suoi sostenitori, l’Insoumis ha detto che la sua “delusione” non è al secondo turno.

Tuttavia, in alcuni territori d’oltremare, è stato così popolare da superare il 50%. Sulla Martinica, Jean-Luc Mélenchon ha ottenuto il 53,1% dei voti espressi e ha preceduto di gran lunga Emmanuel Macron (16,3%). Stessa storia in Guadalupa – ma unica regione in Francia presieduta da LREM – dove l’Insoumis ha preso il punteggio più alto, con il 56,2% dei voti, ben davanti a Marine Le Pen (17,9%) e al presidente uscente (13,4%). Alla fine ha ottenuto il 50,6% dei voti per Marine Le Pen (17,7%) in Guyana.

Secondo l’articolo 7 della Costituzione, il Presidente della Repubblica è “eletto a maggioranza assoluta dei voti espressi”. Se nessun candidato riesce, sarà organizzato un secondo round. Lo scenario non è mai stato visto in un’elezione presidenziale e il punteggio di Jean-Luc Mélenchon ha valore solo su scala nazionale. Tuttavia, come mostra la nostra mappa qui sotto, gli Insoumi hanno pubblicato il loro meglio – e di gran lunga – nei territori d’oltremare. Nella Francia continentale, sono solo tre in testa in un dipartimento: Ariège, Isère e Seine-Saint-Denis.

Mélenchon raddoppia i suoi punteggi nei territori d’oltremare

La popolarità di Jean-Luc Mélenchon in Martinica e Guadalupa è in parte spiegata dalle sue opinioni su temi delicati: il clordecone, il costo della vita ma anche i problemi di accesso all’acqua. Ma le Indie occidentali francesi non sono l’unico successo. Jean-Luc Mélenchon è al primo posto anche alla Riunione, con il 40,6% dei voti, ea Saint-Pierre e Miquelon (40,9%).

Altrove, soprattutto nel Pacifico, gli Insoumi sono molto meno applauditi. In Polinesia francese e Nuova Caledonia arriva terzo, preceduto dal presidente uscente e dalla RN.

Tuttavia, la dinamica è chiara. Rispetto al 2017, il candidato Mélenchon sta facendo progressi in tutti i territori d’oltremare, raddoppiando o quasi raddoppiando il punteggio in Martinica, Guadalupa e persino Mayotte. Su quest’isola, il paese preferito della RN, l’Insoumis è al secondo posto (24,4%), quasi 20 punti di vantaggio su Marine Le Pen, ma davanti a LREM e LR. Una rivincita rispetto al 2017, dove arrivò quarto. A Wallis e Futuna arriva quarto con il 9,35% dei voti. La cifra sembra piccola, ma è comunque un netto miglioramento rispetto al 3,6% nel 2017.

Tuttavia, riconoscendo la sua sconfitta, Jean-Luc Mélenchon si è anche detto “orgoglioso del lavoro svolto”. “Il polo popolare esiste! Se non ci fossimo noi, cosa rimarrebbe? Cosa avremmo? Niente! E abbiamo costruito quella forza”, ha detto.

Vedi anche su L’HuffPost: “Nessun voto a Marine Le Pen”, ripete Jean-Luc Mélenchon

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Un successo degno degli anni migliori

Guardiola incontra Klopp per la cena della Hall of Fame