in

una galassia vista solo 300 milioni di anni dopo il Big Bang?

Tutti ci aspettiamo che la raccolta dei dati inizi nell’estate del 2022, il che porterà a scoperte attraverso il telescopio. James Webb† Ma nel frattempo, il astrofisico spingere gli strumenti a loro disposizione per andare ancora più indietro nel passato del cosmo osservabile, alla ricerca delle prime galassie e delle prime buchi neri supermassicci† Possiamo convincerci di questo oggi con due pubblicazioni, una in Giornale astrofisico e l’altro dentro Avvisi mensili delle lettere della Royal Astronomical Society

Gli astrofisici riferiscono la scoperta di a stella chiamato HD1 che è il più lontano scoperto finora poiché ha un valore z-record, la quantità introdotta dai cosmologi per parlare di uno spostamento verso il rosso spettrale in cui la legge di Hubble-Lemaître associa questo spostamento a una distanza. È anche l’oggetto più antico rilevato poiché secondo il equazioni del relatività generale e il modello cosmologico standard fortemente supportato, tra l’altro, dai dati del Satellite Planck Rif Raggi cosmici (e nonostante la tensione tra questi dati e quelli del supernove per la stima delaccelerando l’espansione dell’universo osservabile), HD1 verrebbe visto com’era circa 13,5 miliardi di anni fa, cioè solo circa 300 milioni di anni dopo il Big Bang

Un quasar?

Come spiegato in un comunicato stampa di Centro di Astrofisica | Harvard e Smithsonian negli Stati Uniti, HD1 è stato scoperto dopo oltre 1.200 ore di osservazione con il telescopio terrestre giapponese Subaru alle Hawaii e il telescopio Prospettiva (abbreviazione di inglese Telescopio da ricerca nel visibile e nell’infrarosso per l’astronomia) del’ESOe nello spazio il defunto il telescopio spaziale Spitzer

È stato molto difficile trovare HD1 tra più di 700.000 oggetti » spiega Yuichi Harikane in questo comunicato stampa, astronomo all’Università di Tokyo che ha scoperto la galassia. Il ricercatore aggiunge: Il colore il rosso di HD1 si è abbinato sorprendentemente bene con le caratteristiche attese da una galassia di 13,5 miliardianni luceche mi ha dato un po’ di pelle d’oca quando l’ho trovato. Gli astrofisici hanno quindi effettuato osservazioni utilizzando ilArray Atacama Large Millimetro/Submillimetro (Alma) per confermare la distanza di HD1, che dista circa 100 milioni di anni luce GN-z11, l’attuale detentore confermato del record per la galassia più lontana

Due cose su HD1 devono essere stabilite ancora più saldamente. Innanzitutto la distanza, e l’intenzione è di farlo osservandola con il James-Webb. Ma anche la sua esatta natura, perché gli astrofisici non sono ancora molto sicuri se stanno osservando una galassia normale o una galassia quasar con un buco nero supermassiccio che ne conterrebbe già circa 100 milioni masse celle solari, il che sarebbe spettacolare per una galassia osservata così poco dopo il Big Bang. Il buco nero supermassiccio del nostro via Lattea attualmente ne contiene solo 4 milioni, ma è vero che nel caso di M87* sono poco più di 6 miliardi di masse solari.

O le stelle della terza popolazione?

In effetti, parlare di una galassia normale non è corretto e gli astrofisici ne stanno persino considerando un’altra esotico che l’avvistamento del quasar più distante mai scoperto. In effetti, HD1 è molto brillante in termini diultraviolettoi ricercatori avevano prima avanzato l’ipotesi che stessero osservando una galassia con un focolaio distelleesplosione di stelle galattiche in inglese) come quelli che già conosciamo. Ma la stima del tasso di formazione stellare era necessaria Luminosità di HD1 implica che la galassia formerebbe più di 100 nuove stelle ogni anno, che è 10 volte più di quanto ci si aspetterebbe teoricamente dalle galassie starburst basate sulle stelle osservate.

Tuttavia, come spiega l’astrofisico: Fabio Pacchi di stanza a Centro di Astrofisica | Harvard e Smithsonianautore principale dello studio pubblicato su Mnras e coautore dell’articolo su ApJ: La prima popolazione di stelle a formarsi nell’Universo era più massiccia, più luminosa e più calda delle stelle moderne. Se assumiamo che le stelle prodotte in HD1 siano queste prime stelle, diciamo da Persone III, le sue proprietà possono essere spiegate più facilmente. In effetti, le stelle del persone III sono in grado di produrre più luce UV rispetto alle stelle normali, il che potrebbe spiegare l’estrema luminosità ultravioletta di HD1.

Questo è un altro motivo per attendere con impazienza gli avvistamenti di James-Webb.

I telescopi in cima al Mauna Kea, come questo, compresi i telescopi dell’Osservatorio Keck mostrati in questo video, ci permettono di sondare i segreti del cosmo. Per ottenere una traduzione francese abbastanza accurata, clicca sul rettangolo bianco in basso a destra. A questo punto dovrebbero apparire i sottotitoli in inglese. Clicca quindi sul dado a destra del rettangolo, poi su “Sottotitoli” e infine su “Traduzione automatica”. Scegli “Francese”. Esplora i film documentari

Record: una galassia 380 milioni di anni dopo il Big Bang?

Articolo di Laurent Sacco pubblicato il 14/12/2012

Un gruppo di astronomi ha scoperto 7 delle galassie più lontane conosciute, osservate in un periodo compreso tra 350 e 600 milioni di anni dopo il Big Bang. Uno di loro potrebbe anche avere un record. Hubble potrebbe mostrarlo quando il cosmo aveva solo 380 milioni di anni.

Gli astronomi hanno il Campo ultra profondo di Hubble (HUDF). Dal 2003 al 2004, gli strumenti Hubble hanno osservato per diverse ore, nell’arco di a costoso di un totale di 11 giorni, una piccola area della volta celeste nella costellazione Forno. Gli astrofisici avevano così ottenuto un’immagine nel visibile in cui entrambi erano presenti galassie il più vicino e il più antico conosciuto a quel tempo. Nel 2009, l’arrivo del Fotocamera grandangolare 3 (WFC3) a bordo di Hubble aveva consentito osservazioni nell’infrarosso, rivelando galassie ancora più antiche e difficili da vedere a causa della loro bassa luminosità e del maggiore spostamento verso il rosso.

Un gruppo di astronomi ha appena pubblicato un articolo su: arxiv con osservazioni di parte dell’HUDF nel vicino infrarosso per 6 settimane, da agosto a settembre 2012.

Il sito Du Big Bang au Vivant è un progetto multipiattaforma in lingua francese sul cosmologia contemporaneo. Hubert ReevesJean Pierre Luminet e altri ricercatori rispondono alle domande utilizzando i video. © Gruppo ECP, www.dubigbangauvivant.comYoutube

L’equilibrio diCampo ultra profondo di Hubble Il 2012 è arrivato

Il raccolto si è rivelato buono poiché i ricercatori hanno ottenuto misurazioni più accurate e altro ancora solido per quanto riguarda le galassie osservate quando l’età dell’universo osservabile non superava i 600 milioni di anni. Ora che si stima che il cosmo osservabile abbia 13,7 miliardi di anni, le nuove immagini di Hubble rivelano 7 galassie come il nostro spazio e il questione contiene solo il 4% della loro età attuale, nelle parole dei ricercatori.

Gli avvistamenti corrispondono ancora al big bang

Si dice che queste 7 galassie abbiano un’età compresa tra 350 e 600 milioni di anni dopo la nascita dell’universo osservabile, cioè nel momento in cui le prime stelle e galassie hanno reionizzato l’universo, secondo informazioni recentemente derivate dal Raggi cosmici† Una di queste galassie è particolarmente interessante e non è sconosciuta. Si tratta di UDFj-39546284

Quasi due anni fa era stata proposta come la galassia più lontana conosciuta, ma la stima della sua età, e quindi della sua distanza, era ancora incerta. Un’altra galassia era stata proposta per il titolo di più antica e più lontana osservata: SXDF-NB1006-2

UDFj-39546284 potrebbe essere osservato quando sono trascorsi solo 380 milioni di anni dalepisodio radiazioni fossili. Se è così, è più lontano di quanto pensassimo e detiene persino il record di distanza. Tecnicamente, inizialmente si pensava che il redshift, z, fosse intorno a 10, mentre sembra essere 11,9.

La campagna di osservazione 2012 del Campo ultra profondo di Hubble non solo ha spinto ulteriormente i confini dell’universo osservabile nell’infrarosso con Hubble. Le immagini e le misurazioni ottenute mostrano anche un cosmo molto giovane in formazione, come non accadeva da miliardi di anni, e in pieno accordo con la teoria del Big Bang† Ci danno un assaggio di ciò che il telescopio dovrebbe rivelarci James Webb tra qualche anno, con molti più dettagli.

Interessato a quello che hai appena letto?

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Mercato | Mercato Mercato – PSG: Mbappé, UEFA… Questa grande rivoluzione che cambia tutto per il Qatar!

L’ultimo monologo di Patrick Huard a La Tour potrebbe portarti qualche lacrima