in

Un’intervista a Éric Zemmour su Berbère Television suscita indignazione

Venerdì 8 aprile, il canale televisivo berbero ha invitato il candidato alla presidenza francese Éric Zemmour come parte dei suoi programmi in occasione di queste elezioni. L’intervista ha suscitato scalpore sui social network e gli utenti di Internet non hanno mancato di diffamare sia il candidato che il canale televisivo.

In effetti, la polemica era inevitabile, visto il contenuto dell’intervista. Dalla prima domanda del giornalista e dalla prima risposta del candidato. Per il giornalista, i berberi si sentono discriminati in Francia perché la loro lingua non viene insegnata e non esiste un centro culturale per loro. Ricorda a Eric Zemmour le sue dichiarazioni sull’integrazione dei berberi in Francia prima di porre la sua domanda. “Puoi spiegarci prima perché pensi che siano i più integrati e, se domani sarai presidente, guarderai alle loro richieste? chiede il giornalista della Berbère Television.

Éric Zemmour “Berbero di fede ebraica che divenne francese”

Per rispondere a questa domanda, il candidato alla presidenza francese parte da una memoria storica che farà rizzare i capelli agli spettatori. Éric Zemmour si presenta come un berbero di fede ebraica divenuto francese con il decreto Crémieux del 1870. Secondo la sua risposta, gli basta questo per conoscere i berberi. “Conosco i berberi. Conosco il loro rapporto con la Francia. Conosco anche il loro rapporto con il mondo arabo, poiché furono colonizzati dagli arabi. In Algeria si parla solo della colonizzazione francese che è durata solo 132 anni, mentre la colonizzazione araba è durata più di 1000 anni ed è tuttora in corso”.

La Francia presentata da Zemmour come “liberatrice dalla colonizzazione araba”

Questo modo di mettere in prospettiva la colonizzazione francese non è la più controversa delle sue affermazioni. Éric Zemmour parla anche del rapporto tra i berberi e la colonizzazione francese. L’affermazione che ha suscitato scalpore sui social network, in particolare sulla pagina Facebook di Berbère Television, è quella che presenta la Francia come un liberatore per i berberi. Una dichiarazione che non passa, poiché la più grande resistenza all’esercito francese dal luglio 1830 venne dai berberi d’Algeria.

“Sai, per i berberi, la Francia è stata un liberatore dalla colonizzazione araba o ottomana, non dobbiamo mai dimenticarlo”, ha detto Éric Zemmour, prima di cercare di distinguere tra berberi e arabi nelle loro relazioni con la Francia. Come a dire che i berberi sono vicini alla Francia, a differenza degli arabi. È inoltre in questo senso che metterà in prospettiva l’ostilità dei berberi nei confronti della Francia dicendo: “C’erano chiaramente berberi che alla fine hanno sostenuto la causa dell’indipendenza dell’Algeria e ci sono anche berberi che hanno scelto la Francia”.

Sulla base di questa osservazione, Éric Zemmour effettuerà il passaggio agli immigrati di oggi. Prima di lui, nelle ondate migratorie c’erano belgi, poi italiani, spagnoli, ebrei polacchi, ebrei algerini, magrebini e poi berberi. “Tutte queste onde sono notevolmente assimilate. Ma dagli anni ’80 c’è stata l’immigrazione dall’Africa e dal Maghreb, che è diventato sempre più islamizzato e sempre meno assimilato”, ha insistito.

Risposta di Berbère Television dopo la polemica suscitata dall’intervista a Eric Zemmour

A seguito della polemica creata dall’intervista al candidato alla presidenza Eric Zemmour, vi informiamo che questo invito fa parte della campagna elettorale. Berbère Télévision è una società di diritto francese, quindi soggetta alle leggi applicabili a queste elezioni, che richiedono pari tempo di parola durante la campagna elettorale.

Ecco perché abbiamo invitato i dodici candidati alla presidenza. Tutti hanno risposto positivamente. Alcuni sono venuti di persona, come Jean Lassalle ed Eric Zemmour. Valérie Pécresse doveva essere sul set se non fosse stato per la sua infezione da Covid-19. Tutti gli altri hanno inviato rappresentanti per difendere i loro programmi davanti alle nostre telecamere.

Va da sé che tutte le dichiarazioni dei candidati o dei loro rappresentanti non sono vincolanti per Berbère Television. Come per tutto ciò che facciamo, manteniamo il nostro ruolo di media aperto solo a dibattiti politici contrastanti e per illuminare l’opinione pubblica.

Video: Éric Zemmour rilascia un’intervista a Berbère Television

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Netflix espande la storia reale di The Crown con un prequel

La loro stagione è finita, Shaq sta bruciando i Lakers un’ultima volta