in

unità transatlantica contro Mosca messa a dura prova dal duello Macron-Le Pen

Pubblicato su :

I media statunitensi, profondamente preoccupati per la guerra in Ucraina, hanno sottolineato domenica sera quanto il risultato delle elezioni presidenziali francesi, che hanno opposto Emmanuel Macron pro-UE e pro-NATO contro il nazionalista Marine Le Pen, possa pesare sull’unità del campo rivolto a ovest a Mosca. Giornale.

I media americani, concentrati sulla guerra in Ucraina e sulla politica interna, non hanno prestato attenzione alle elezioni presidenziali in Francia. Sulla Cnn in prima serata di domenica 10 aprile, i risultati del primo turno sono stati oggetto di alcune frasi nello striscione in fondo allo schermo. Sui principali siti di giornali, una manciata di articoli riassumeva i risultati elettorali e forniva chiavi di analisi.

Da un punto di vista americano, la Francia è prima di tutto un pezzo d’Europa. La corsa all’Eliseo permette quindi di mettere alla prova la temperatura politica di un continente ancora segnato dalla Brexit. “Con la guerra in corso in Ucraina e l’unità occidentale minacciata di messa a dura prova mentre i combattimenti continuano, la forte performance della signora Le Pen ha mostrato il fascino duraturo delle correnti nazionaliste e xenofobe in Europa”, scrive il New York Times. Il quotidiano osserva che “una Francia anti-NATO e più filo-russa, in caso di vittoria di Le Pen, causerebbe profonda preoccupazione nelle capitali alleate e potrebbe interrompere la risposta transatlantica all’invasione russa della Russia. ‘Ucraina’ .

Marine Le Pen, un Trump francese?

Diversi giornali stanno tornando sul profilo del candidato del National Rally, spesso paragonato all’ex presidente isolazionista Donald Trump. I suoi conoscenti con il Cremlino ricevono un’attenzione speciale. Ad esempio, la Cnn ricorda che Marine Le Pen era “un’ardente ammiratrice di Vladimir Putin”. Ha aggiunto: “Le Pen ha visitato il presidente russo durante la sua campagna del 2017, ma questa volta, dopo l’attacco della Russia al suo vicino, è stata costretta a ritirare un volantino con una foto di lei e Putin scattata durante questo viaggio. È stata scattata”. Per Dominic Thomas, editorialista europeo della CNN, questo è il tallone d’Achille del candidato di estrema destra: “Farà fatica a convincere l’elettorato delle sue capacità di politica estera, dati i suoi legami di lunga data con la Russia”.

Il Washington Post spiega che, al contrario, Emmanuel Macron “ha assunto un ruolo internazionale più importante durante la guerra in Ucraina, come interlocutore di Vladimir Putin e come portavoce dell’Unione Europea e della NATO. L’invasione russa ha fatto sentire l’Europa sicura, e come leader in tempo di guerra Macron inizialmente ha visto la sua popolarità salire alle stelle, ma quell’onda sembra essere evaporata nelle ultime due settimane (…).”

L’inflazione, nervo di questa guerra

In effetti, i punti di forza di un candidato possono anche rivelarsi degli handicap, come sottolinea il Wall Street Journal. “I consiglieri di[Emmanuel Macron]all’Eliseo hanno detto che era troppo impegnato a telefonare al presidente Biden e al suo omologo russo Vladimir Putin sulla guerra in Ucraina per fare una campagna sul campo o discutere con i suoi rivali. “La signora Le Pen nel frattempo si è incrociata paese, tenendo riunioni nei piccoli villaggi. La sua campagna altamente disciplinata si è concentrata sui problemi economici dell’inflazione incontrollata, allontanandosi dalla retorica infuocata che ha caratterizzato per anni il clan Le Pen durante il regno di suo padre, Jean-Marie, condannato per espressioni antisemite.

Fox News osserva inoltre che se l’invasione dell’Ucraina può certamente indebolire Marine Le Pen screditando le sue alleanze internazionali, potrebbe anche consentirle di posizionarsi maggiormente come la candidata del “potere d’acquisto”, la principale preoccupazione dei suoi elettori, anche se la guerra giunge alle porte dell’Unione Europea: “Macron ha sostenuto con forza le sanzioni europee contro la Russia, mentre Le Pen era pubblicamente preoccupato per i loro effetti sul livello di vita dei francesi.

Questo posizionamento di Marine Le Pen ricorda quello negli Stati Uniti di alcuni conservatori eletti che hanno fatto dell’inflazione uno dei loro temi preferiti per la campagna elettorale di novembre. “Midterms” in cui il presidente Joe Biden, anche lui indebolito da questo sbalorditivo aumento dei prezzi (soprannominato “Bidenflation” dai repubblicani) potrebbe perdere la maggioranza al Congresso.

>> Da vedere “Sulla stampa” – Primo turno delle presidenziali 2022: “La sorpresa è che non c’è sorpresa”

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Nigeria/ Muore un famoso cantante gospel per violenza domestica

Tangeri ospiterà il circuito IRONMAN 70.3 ad ottobre