in

uno sguardo indietro a tre decenni a volte turbolenti

C’era una volta, il 12 aprile 1992, migliaia di visitatori scoprirono per la prima volta in Francia un parco divertimenti dedicato all’universo Disney. Disneyland Paris, Euro Disney al momento della sua creazione, celebrerà il suo 30° anniversario martedì 12 aprile 2022. Situato a Marne-la-Vallée (Seine-et-Marne), è il quarto parco aperto dal famoso intrattenimento gruppo, dopo quelli di California, Florida e Giappone.

Per visualizzare questo contenuto di Twitter, devi accettare i cookie Social networks

Questi cookie consentono di condividere o commentare direttamente sui social network a cui sei connesso o di integrare contenuti originariamente pubblicati su questi social network. Consentono inoltre ai social network di utilizzare le tue visite ai nostri siti e applicazioni per la personalizzazione e il targeting pubblicitario.

Gestisci le mie scelte

All’apertura, il successo è in arrivo, con quasi 10 milioni di visitatori per il suo primo anno di attività. In origine il parco aveva una trentina di attrazioni, ma doveva esserlo in continua espansione continuare ad attrarre francesi e turisti da tutto il mondo. Le attrazioni aperte alla catena: Montagna spaziale nel 1995 il secondo parco tematico Studio Walt Disney nel 2002, il Torre del terrore nel 2008, quando le attrazioni dedicate a Toy Story o Ratatouille i prossimi anni. Nell’estate del 2022 aprirà un’area dedicata ai supereroi Marvel, seguita dagli spazi La Regina delle nevi e Guerre stellari

un pozzo di soldi

In 30 anni il parco è diventato un importante bacino occupazionale con i suoi 16.000 dipendenti e le sue opere in corso. Ma questa grande macchina è molto costosa. Nonostante il 375 milioni di visitatori in 30 anni, Disneyland Paris è un pozzo di soldi con, ad esempio, 705 milioni di euro di perdite nette nel 2015-2016, anni appesantiti dagli attentati. Il Covid-19 ha poi riportato le bollette in rosso, con chiusure per lunghi mesi.

La CGT, dal canto suo, critica l’organizzazione del lavoro in azienda dopo la firma di un accordo da parte dei sindacati nell’estate del 2020. Il testo dà orario di lavoro molto flessibile, tra le 4,5 e le 9 ore al giorno, con orari a volte scaglionati. Ma queste proteste non hanno mai interrotto il funzionamento del parco, le azioni sono rimaste marginali. Per il gruppo Disney, nonostante queste difficoltà, investe regolarmente centinaia di milioni di euro nel suo parco, che resta una formidabile vetrina per il brand e per i suoi film.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

in pericolo, il Bayern vuole “punire” il Villarreal

Il cancelliere austriaco Karl Nehammer, che ha incontrato Vladimir Putin, si dice “piuttosto pessimista”