in

VERO O FALSO. Le sanzioni economiche contro la Russia sono davvero le più forti mai adottate contro uno Stato?

La Russia è stata punita più severamente di qualsiasi altro paese in risposta alla sua invasione dell’Ucraina? Almeno questo è ciò che sostiene il governo francese. Abbiamo preso sanzioni massicce, storiche e senza precedenti.il suo portavoce, Gabriel Attal, lo ha detto a France Inter l’8 marzo. “Abbiamo emanato una serie di sanzioni che, vi ricordo, sono le più potenti mai decise contro qualsiasi altro Stato”ha aggiunto mercoledì 30 marzo a Europa 1 il ministro dell’Economia Bruno Le Maire.

Anche prima dell’inizio dell’offensiva russa in Ucraina, la comunità internazionale è intervenuta contro il Cremlino, soprattutto finanziariamente. Questa settimana sono state adottate nuove misure di ritorsione (che saranno ratificate dai ministri degli Esteri europei lunedì 11 aprile) in risposta agli abusi scoperti in particolare a Boutcha. Tuttavia, queste sanzioni sono davvero senza precedenti?

Le sanzioni internazionali contro la Russia sono iniziate nel 2014, in risposta all’annessione della Crimea, come ricorda il Consiglio europeo in una cronologia delle decisioni prese dai Ventisette. Nuove misure sono state prese in rappresaglia per il riconoscimento da parte di Vladimir Putin dell’indipendenza delle regioni di Donetsk e Luhansk il 21 febbraio, tre giorni prima che il capitano del Cremlino ordinasse al suo esercito di invadere l’Ucraina. Da allora, l’Unione Europea ha adottato cinque serie di sanzioni: misure rivolte a privati ​​e aziende, sanzioni economiche e anche diplomatiche.

A livello individuale, “877 persone e 62 entità sono soggette a congelamento dei beni e divieto di ingresso nel territorio dell’UE”, conta il Consiglio europeo. Questo elenco di persone include lo stesso presidente russo, il suo capo della diplomazia, Sergei Lavrov, ma anche deputati e alti funzionari russi, o uomini d’affari, come Roman Abramovich. Sia gli Stati Uniti che il Regno Unito hanno anche colpito le tasche di oligarchi e personalità vicine al potere russo.

Sul fronte economico, le sanzioni internazionali sono state ancora più dure, con l’obiettivo di ostacolare l’economia russa. Il settore finanziario è stato particolarmente preso di mira, compreso il divieto di tutti i nuovi investimenti in Russia, il divieto di transazioni con la Banca centrale russa e l’immobilizzazione dei suoi asset, e soprattutto l’esclusione delle principali banche russe dalla piattaforma interbancaria SWIFT, ingranaggio fondamentale del finanziamento globale che consente scambi di denaro veloci e sicuri.

Anche altri settori dell’economia russa sono stati puniti: lo spazio aereo dell’UE è chiuso a tutti gli aerei russi. Inoltre, le navi russe non hanno più il diritto di ancorare nei porti europei. Agli autotrasportatori russi è vietato operare nell’Unione. Sono stati emessi anche divieti di esportazione verso la Russia. Per quanto riguarda l’elenco dei prodotti russi che non possono essere importati, in particolare nell’Unione Europea o negli Stati Uniti, continua a crescere.

Sebbene alcuni dei suoi membri ne dipendano molto, ad agosto l’UE ha deciso di interrompere gli acquisti di carbone russo, che rappresenta il 45% delle sue importazioni di carbone. L’UE27 prevede inoltre di ridurre di due terzi le proprie importazioni di gas russo entro la fine dell’anno. Gli Stati Uniti hanno anche annunciato un embargo sulle importazioni russe di petrolio e gas.

Queste sanzioni hanno avuto un rapido effetto sull’economia russa. Quattro giorni dopo l’inizio della guerra, il rublo è sceso di oltre il 40% rispetto al dollaro, costringendo la Banca centrale russa ad aumentare il tasso di riferimento e limitare l’acquisto di valuta estera. Vladimir Putin è stato costretto a mettere in scena un colpo di stato per aumentare il prezzo della sua valuta: ha minacciato di chiudere le valvole se gli acquirenti di gas russi non avessero pagato le bollette dei rubli.

Il ministro dell’Economia ha confermato il 1 marzo su franceinfo che: “le sanzioni hanno un’efficacia terrificante”. Aggiungere: “Faremo una guerra economica e finanziaria a tutto campo contro la Russia”. Bruno Le Maire è poi tornato sui suoi commenti, che ha giudicato: “non appropriato”† Dire da lì che la Russia è sanzionata come nessun altro Paese?

Laddove Bruno Le Maire ha ragione, queste sanzioni sono senza precedenti per la velocità con cui sono state applicate e per il potere del Paese target, membro del G20 altamente integrato nell’economia globale.analizza Erica Moret, ricercatrice all’Università di Ginevra e specialista in sanzioni internazionali. “Tuttavia, non sono ancora al livello delle sanzioni imposte contro Iran o Corea del Nord”. Un’analisi condivisa da tutti gli esperti intervistati da franceinfo. Perché se anche Venezuela, Cuba o Siria sono stati oggetto di pesanti rappresaglie, la Corea del Nord e l’Iran sono ancora un gradino più in alto nelle restrizioni.

Sotto mandato di Donald Trump, nel 2018 gli Stati Uniti hanno deciso di tornare sui propri passi sull’accordo nucleare iraniano e ripristinare drastiche sanzioni contro il regime di Teheran, costringendo la comunità internazionale a farle rispettare, pena, a loro volta, le aziende presenti nel mercato statunitense . Risultato: un embargo totale sul petrolio iraniano, un embargo finanziario che esclude le banche iraniane dal sistema Swift e un divieto di commercio con l’Iran in molti settori per le società che effettuano transazioni in dollari.

Iran e Russia sono due economie petrolifere, ma è stato messo in atto un embargo contro l’Iran, mentre per la Russia non siamo andati così lontano“, sottolinea Thierry Coville, ricercatore presso Iris e specialista in Iran. Secondo questo esperto, le vendite di oro nero sono aumentate da 2 milioni di barili al giorno nel 2018 a 150.000 nel 2020. “Gli americani hanno prosciugato l’Iran. Il PIL è sceso del 15% in due anni e l’inflazione è esplosa”.

“Spesso dimentichiamo che l’Iran ha ricevuto molte più sanzioni della Russia”.

Thierry Coville, ricercatore presso Iris e specialista in Iran

a franceinfo

Per quanto riguarda la Corea del Nord, è di gran lunga il paese più sanzionato al mondo e lo è da quasi 70 anni. †Se confrontiamo le sanzioni contro la Russia con quelle Seapplicare sulla Corea del Nord, è uno scherzo“, afferma Théo Clément, un consulente indipendente specializzato in Corea del Nord. “Dal 2016, tra il 95 e il 97% del commercio è sanzionato”. Un embargo quasi totale, che si traduce nella messa al bando del Paese dalle nazioni. †Il sistema finanziario nordcoreano è stato a lungo quasi tagliato fuori dal mondo, il Paese è isolato a livello internazionale”. aggiunge l’esperto

Se, quindi, la Russia è lontana dal Paese più sanzionato, le cose potrebbero cambiare. “Non abbiamo ancora raggiunto l’entità delle sanzioni contro Iran o Corea del Nord, ma penso che se Vladimir Putin proseguirà sulla stessa strada, potremmo avvicinarci.“, afferma Erica Moret. Secondo la ricercatrice, l’effetto di un simile insieme di sanzioni isolerebbe quasi completamente il Paese, con un impatto molto maggiore sulla popolazione.

Nei paesi soggetti a sanzioni molto severe, invece, il cambio di politica voluto dalla comunità internazionale non ha avuto luogo, anzi. “In Corea del Nord, l’impatto politico delle sanzioni è stato controproducente. Uno dei motivi dell’espansione nucleare del Paese è stato il brivido di una morsa orchestrata a livello internazionale“, spiega Théo Clément. Stessa situazione in Iran: “Le sanzioni non hanno influito sulla politica iraniana e nessuna delle 12 condizioni per la revoca è stata soddisfatta. Al contrario, l’Iran è diventato più radicale e i moderati sono stati screditati”.analizza Thierry Coville.

Il meccanismo sanzionatorio è quindi tutt’altro che unanime tra i ricercatori intervistati. †Storicamente, non ci sono quasi casi in cui hanno avuto l’effetto desiderato. Vengono introdotte sanzioni per rassicurare la popolazione e dimostrare che stiamo agendo senza dover andare in guerra”.dice Thierry Coville. “Hanno un ruolo di comunicazione politica”aggiunge Théo Clement.

“In generale, c’è consenso sulla mancanza di effetto delle sanzioni, anche sulla loro controproduttività”.

Théo Clément, specialista in Corea del Nord

a franceinfo

Mentre Erica Moret afferma che le sanzioni hanno funzionato poco per 20 anni, ricorda tuttavia che la Russia è stata autorizzata a tornare al tavolo dei negoziati nel 2015 dopo l’annessione della Crimea e che rimangono uno dei pochi strumenti disponibili se la diplomazia non funziona più a lungo e l’opzione militare è fuori questione.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Marvel Superstar si unisce al team di Vin Diesel

soddisfatto dopo la vittoria di Cagliari, Allegri non vuole pensare di lasciare Dybala