in

Vita già migliore: riassunto della puntata di mercoledì 13 aprile 2022 [SPOILERS] – Serie di notizie in TV

Nel prossimo episodio di “Plus belle la vie”… Mentre un incubo per Ariane alza la testa, Delphine viene rilasciata dal carcere, ma Théo rimane in ospedale. Riva non può fare a meno di fare il medico.

Schermata/FTV

Attenzione, i paragrafi seguenti contengono spoiler sull’episodio di vita più bella in onda domani sera su France 3!

Theo prende una decisione importante

Franck fa visita a Théo per informarlo che sarà assolto e che sua madre sarà rilasciata. Anche se si sente meglio con il giusto trattamento, Théo è ancora addolorato per Coralie. Non può rispondere a Franck quando si offre di venire a vivere con sua madre e lui.

Mentre Revel si congratula con le sue squadre per aver completato le indagini sull’omicidio di Coralie, Franck trova Céline, Blanche e Noé nella Marci. Celebrano insieme la loro vittoria. Fanny ascolta la loro conversazione dietro il bancone. Disgustata, decide di prendersi il suo giorno libero. Alla coinquilina, si confida con Romain prima di rifiutare il suo suggerimento di uscire per schiarirsi le idee.

Più tardi, Franck aspetta Delphine quando esce di prigione. Hanno in programma di vivere di nuovo sotto lo stesso tetto con Théo. Franck assicura anche al suo compagno di essere pronto ad aiutarla a prendersi cura di suo figlio, nonostante il suo bipolarismo.

Ma quando Delphine va a prendere suo figlio, decide di rimanere in un ospedale psichiatrico per ulteriori cure. Non si sente pronto per affrontare il mondo esterno senza Coralie. Commossa, Delphine appoggia la sua decisione.

Gabriel scopre la realtà sul campo

Dopo aver ricevuto il suo programma per la giornata, Gabriel giudica Cédric incompetente e pigro. La chiama per segnalare errori nell’orario e si rende conto che non sono errori. La loro giornata è infatti così intensa che dovranno fare a meno della pausa pranzo.

Più tardi, Gabriel si assume la responsabilità quando si confronta con un paziente che deve trasferire in ospedale che si prende il tempo di raccontargli tutti i suoi problemi. Gabriel quindi nota che i suoi sintomi sono dovuti a un’interazione farmacologica. Le consiglia di cambiare il suo trattamento per stare meglio. In ospedale è stato comunque chiamato all’ordine dal medico del paziente, che gli ha suggerito di rimanere al suo posto come barelliere.

Alla fine della giornata, Gabriel si rilassa con un drink con Thomas e Céline. Annuncia che deve continuare il suo tirocinio, ma i suoi sforzi stanno iniziando a dare i suoi frutti poiché presto avrà un appuntamento con Jeanne e uno dei medici dell’Ordine degli avvocati.

Ariane deve affrontare il suo trauma

Alla stazione di polizia, Revel nomina Jean-Paul per sostituire Cissé, che è stato trasferito a Parigi. Nonostante la sua delusione, Ariane non è arrabbiata con il suo ex.

Mentre quest’ultimo è assente, Ariane incontra Lombard, il luogotenente della stazione di polizia di Cannes, che desidera espressamente parlare con Jean-Paul. Ariane ha preso la decisione e non esita a unirsi alla loro discussione. Poi scopre che la polizia di Cannes ha trovato un giovane morto nei terreni abbandonati di un cimitero. Se Lombard trova somiglianze con il modus operandi di Jacob, Jean-Paul pensa che sia un imitatore. Disturbata, Ariane finge di non ricordare nulla.

Più tardi, Ariane riceve informazioni da Jean-Paul. Concordò con Lombard di inviare qualcuno sul posto per studiare le differenze con il modus operandi di Jacob. Mentre Jean-Paul ha intenzione di inviare Éric, Ariane lo convince a mandarla in modo non ufficiale.

Ariane si dirige quindi al poligono di tiro per riprendere il controllo delle sue emozioni. Ma è sopraffatta dal suo trauma e ricorda di essere stata legata e murata da Jacob. Ariane non riesce a sparare e scoppia in lacrime…

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Pro Skater di Tony Hawk: la licenza in pericolo? Novità in Vicarious Visions

Almeno 20.000 morti a Mariupol., secondo le autorità ucraine