in

A Shanghai, rabbia e ribellione contro la violenza della carcerazione

Il 13 aprile 2022 sono state erette barriere in un quartiere chiuso a Shanghai.

Ce ne sono poche decine all’ingresso della loro residenza, alcuni in pigiama, ma tutti coscienziosamente mascherati. Di fronte, una truppa compatta di uomini in tuta bianca marchiati “Polizia” e armati di scudi di plexiglas. Un momento dopo, la polizia sta marciando sui manifestanti che stanno cercando invano di resistere, e molti di loro salgono a bordo. Due giorni prima, ai residenti era stato ordinato di lasciare i loro appartamenti in questa casa in affitto a Nashi International nella parte orientale di Shanghai. Le autorità volevano trasformarlo in un centro di isolamento per i pazienti positivi al Covid-19. “Sono deluso e arrabbiato. Non ci è stato detto perché è stato scelto il nostro luogo di residenza. È normale mettere le persone infette nella stessa comunità di persone sane? Se fumano dal loro balcone, possiamo sentirne l’odore dal nostro” è preoccupato per un residente di 24 anni che era uno dei manifestanti e preferisce rimanere anonimo. Dieci persone sono state arrestate, ha detto.

Shanghai ha già 160.000 posti per isolare i pazienti Covid per due o tre settimane. Ma con oltre 20.000 nuove infezioni al giorno, le autorità stanno cercando di isolare sempre più pazienti. Una corsa ostinata che sta sempre più irritando i 25 milioni di abitanti della grande metropoli cinese, dopo più di due settimane di stretto confino senza fine.

Le proteste crescono in tutta la città. Alcuni urlano la loro disperazione dalle loro finestre. Altri cercano di arrestare i funzionari in visita. Le residenze rifiutano collettivamente di sottoporsi ai test giornalieri. Molte sono le richieste di aiuto sui social network: problemi con l’approvvigionamento alimentare, ma anche con l’accesso alle cure alla luce di procedure draconiane. Molti esprimono semplicemente la loro incomprensione di fronte a una carcerazione rigida ma mal organizzata e sentono di essere trattati come “bestiame”, più volte testati e privati ​​di ogni controllo sulla loro esistenza.

“Disagio temporaneo”

Leona Cheng, 22 anni, è finita in uno dei centri di isolamento alla fine di marzo, 48 ore dopo essere risultata positiva. Quando è arrivata nel cuore della notte, le è stato regalato un braccialetto di plastica con un codice QR e un numero, che la identificherà durante le due settimane di permanenza. I letti sono stati allestiti nell’enorme sala del World Expo Exhibition Center, separata da muretti. Niente privacy† “La cosa più difficile è stata l’igiene, dice la giovane donna al telefono, la voce ancora roca† Non c’erano docce, nemmeno acqua corrente nei lavandini o nei servizi igienici. Per lavare o sciacquare era necessario riempire una bacinella con erogatori di acqua potabile. Era davvero molto sporco. † Per due settimane si lava con salviette che passa sotto i vestiti per evitare di spogliarsi in pubblico: uomini e donne non sono separati. “Quello che sta succedendo a Shanghai è irreale. Le persone hanno fame o non hanno accesso alle cure mediche, ma non siamo in guerra! Questa politica è davvero disumana. †

Hai ancora il 51,22% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Josh Brolin racconta come il ruolo di Batman gli sia sfuggito

per il weekend di pasqua i treni sono pieni “come in 19”