in

Ancelotti: “Il Benzema è come il vino, ogni giorno migliora”.

PARIGI, 6 aprile (Benin News) –

L’allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti si è detto “molto contento” della prestazione dei suoi giocatori dopo aver battuto il Chelsea (1-3) nell’andata dei quarti di finale di Champions League e ha sottolineato l’autore della tripletta Karim Benzema. come il vino, ogni giorno migliora”.

“Il benzema è come il vino, migliora ogni giorno. È un giocatore che ha più leadership ogni giorno e si sente più importante in questa squadra, in questo ambiente e questo fa la differenza. Ha molta più personalità e sa di essere molto più importante ora e ha anche un comportamento esemplare per tutti. Siamo molto felici e molto fortunati ad averlo”, ha detto in una conferenza stampa su Benzema.

L’italiano, che si è unito alla rosa mercoledì dopo aver superato il COVID, ha detto di stare “bene”. “Mi sento bene, mi sono divertito molto, non avevo quasi sintomi e quando sono tornato dopo una settimana ho visto una squadra fantastica, abbiamo giocato un’ottima partita, abbiamo fatto bene. Abbiamo giocato, con coraggio e personalità e questo è stata una bella partita”, ha detto.

“Il primo tempo di questa partita è buono, vogliamo fare la stessa partita al ritorno, ma non si sa mai. Ci siamo divertiti, ma niente di più. Siamo in vantaggio, questo è certo, ma il sorteggio è aperto anche perché non c’è il doppio dei gol in trasferta. Abbiamo molto rispetto per il Chelsea e continueremo a rispettarlo, ma oggi il Real è stato migliore. Tuttavia, c’è ancora una partita in cui tutto può succedere”, ha avvertito l’italiano.

Quanto all’inserimento di Valverde nell’XI titolare, Ancelotti ha ricordato di essere partito “per lo stesso sistema, ma l’unica novità era Valverde”. “Volevo sistemare la posizione del terzino sinistro e avere un po’ più di Carvajal per tenere sotto controllo i propri trequartista. Valverde ha fatto davvero un ottimo lavoro, a volte sembrava una fila da cinque, ma tutto dipendeva dalla posizione del giocatore. ” † Parlo con i calciatori e capisco cosa pensano, ma poi prendo le decisioni da solo e a volte ho ragione, a volte no”, ha detto.

Per Ancelotti il ​​”coraggio” dei suoi giocatori è stata “la chiave” della vittoria allo Stamford Bridge. “Siamo usciti bene anche da dietro e abbiamo cercato spazio tra le linee con Vinicius e Benzema, che hanno fatto buoni abbinamenti. Con questa intensità, possiamo competere con chiunque”, ha aggiunto.

“I dubbi? I dubbi fanno parte del lavoro dell’allenatore. Siamo una figura che a volte viene scelta, l’allenatore è responsabile della sconfitta e i giocatori sono i vincitori della vittoria, questo è il calcio”, ha concluso Ancelotti, spiegando che Benzema e Valverde erano cambiati. “per stanchezza”, mentre Militao ha subito una botta all’anca e al ginocchio. «Niente di grave, ma non poteva andare avanti.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

SNCF preoccupata per la debolezza dei viaggi d’affari

Vernon. Rockin’1000: dopo due anni di attesa, Fabio Puzzo canta allo Stade de France