in

Barack Obama si riunisce con il suo “Vicepresidente” Joe Biden alla Casa Bianca

Prendiamo lo stesso e ricominciamo… o quasi. Barack Obama è tornato martedì alla Casa Bianca per la prima volta dal 2017, su invito di Joe Biden, per parlare di un argomento vicino a entrambi: l’accesso all’assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Non sorprende che l’ex presidente e quello attuale gareggiassero con battute e complicità, riportando in vita, a volte in modo quasi inquietante, il tempo in cui Barack Obama era presidente e Joe Biden il suo secondo.

Guarito dall’infezione da Covid-19, il primo ha così iniziato il suo intervento con un sonoro “Vicepresidente Biden”, che ha suscitato l’ilarità del pubblico con questo finto lapsus. E il secondo ha iniziato le sue stesse dichiarazioni con un “Mi chiamo Joe Biden e sono il vicepresidente di Barack Obama”, prima di far ricordare nostalgicamente la presenza di quest’ultimo dei “bei tempi andati”.

Estensione di “Obamacare”

I due uomini pranzavano insieme il martedì, come facevano quando Barack Obama era presidente, una volta alla settimana, e come fa ora Joe Biden con il vicepresidente Kamala Harris. “Non sapevamo più chi doveva sedersi dove”, ha scherzato l’attuale capo di stato. “È bello essere di nuovo alla Casa Bianca”, ha detto Barack Obama, che non ci aveva mai messo piede dopo aver lasciato le chiavi a Donald Trump.

L’ex presidente è stato invitato a celebrare la riforma più emblematica dei suoi due mandati: l’Affordable Care Act, meglio noto come “Obamacare”, entrato in vigore nel marzo 2010. Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo per migliorare l’assistenza ai membri della stessa famiglia, che consentirebbe di prendersi cura di un milione di americani in più.

Riforma complicata

In un momento in cui Joe Biden ha dovuto seppellire la maggior parte delle sue principali riforme sociali a causa della virulenta opposizione repubblicana e dei disaccordi nel campo democratico, Barack Obama ha esortato a ricordare che aveva lottato per approvare questa legislazione.

“Obamacare”, che all’epoca aveva scatenato forti proteste repubblicane e continua a rappresentare per alcuni conservatori troppe ingerenze statali nella vita degli americani, mirava a ridurre le vaste disuguaglianze nell’accesso all’assistenza sanitaria aumentando l’accesso all’assistenza sanitaria generalizzare l’assicurazione sanitaria. “Volevo riformare il sistema sanitario anche se mi è costato la rielezione e ad un certo punto è quasi arrivato lungo la strada”, ha scherzato di nuovo Barack Obama, aggiungendo che la legislazione non era solo “sopravvissuta” ai ripetuti tentativi di abrogarla . , soprattutto sotto Donald Trump, ma che ora era “maledettamente popolare”.

Soprattutto, questa cerimonia della firma ha consentito alla Casa Bianca di condurre un’operazione di comunicazione accuratamente congegnata incentrata su Barack Obama, la cui sola presenza attira a frotte giornalisti e telecamere, sette mesi prima delle pericolose elezioni parlamentari di novembre.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

I doppiatori degli anime condividono lo stipendio paralizzato mentre “Jujutsu Kaisen 0” guadagna milioni

Notizie | Listeriosi: richiamo ai formaggi Brie e Coulommiers a marchio Graindorge