in

Declino in vista in Europa all’inizio di una settimana intensa – 04/11/2022 alle 08:12

Declino in vista in Europa all’inizio di una settimana intensa – 04/11/2022 alle 08:12
Declino in vista in Europa all’inizio di una settimana intensa – 04/11/2022 alle 08:12

SI PREVEDE LA CADUTA DELLE IMPORTANTI BORSE DI STUDIO EUROPEE

SI PREVEDE LA CADUTA DELLE IMPORTANTI BORSE DI STUDIO EUROPEE

di Marc Angran

PARIGI (Reuters) – Si prevede che lunedì i principali mercati azionari europei scendano poiché le incertezze sulla politica monetaria, l’inflazione e il conflitto in Ucraina superano di gran lunga il relativo sollievo offerto dai risultati del primo turno delle elezioni. il prezzo di un barile di petrolio è sceso di oltre il 2%.

I futures su indici indicano un ribasso dello 0,87% per il Dax di Francoforte, dello 0,44% per il FTSE 100 di Londra e dello 0,77% per l’EuroStoxx 50. Il CAC 40 di Parigi, secondo le prime indicazioni disponibili, sarebbe di circa lo 0,1%. può produrre il 6%.

Il primo posto di Emmanuel Macron alle elezioni di domenica è stato inizialmente accolto da un forte rialzo dell’euro nei mercati asiatici, ma questo movimento è scemato nel corso delle ore, poiché la corsa del 24 aprile si è conclusa e si è annunciata molto più restrittiva rispetto al 2017.

Inoltre, anche se più breve per i mercati europeo e statunitense poiché chiudono venerdì prima del fine settimana di Pasqua, la prossima settimana promette di essere una settimana impegnativa dal punto di vista economico con le riunioni di politica monetaria della Banca del Canada mercoledì e l’uscita dall’Unione Europea. Giovedì la Banca centrale (BCE), preceduta martedì dai dati sui prezzi al consumo negli Stati Uniti.

L’inflazione statunitense avrebbe potuto raggiungere l’1,2% a marzo rispetto a febbraio e l’8,5% su base annua secondo il consenso di Reuters.

In Cina, le statistiche ufficiali sull’inflazione pubblicate lunedì mostrano un aumento dei prezzi alla produzione superiore alle attese, dell’8,3% su base annua.

Le banche americane partiranno da mercoledì in contemporanea alla pubblicazione dei risultati trimestrali.

A WALL STREET

La Borsa di New York ha chiuso venerdì in ordine misto, con il Dow Jones in leggero rialzo, ma il Nasdaq è stato ancora penalizzato dai titoli tecnologici a causa dei continui guadagni dei rendimenti obbligazionari.

L’indice Dow Jones ha guadagnato lo 0,4% o 137,55 punti a 34.721,12, ma lo Standard & Poor’s 500 ha perso 11,7 punti o 0,26% a 4.488,51 e il Nasdaq Composite ha perso 186,3 punti (-1,34%) a 13.711,00.

Microsoft, Tesla e Nvidia sono scese dell’1,46% al 4,49%. Al rialzo dei tassi d’interesse, invece, hanno giovato importanti banche come JPMorgan Chase & Co (+1,83%), Wells Fargo (+2,09%) o Citi (+1,71%).

Nel corso della settimana, l’S&P è sceso dell’1,26%, il Dow dello 0,27% e il Nasdaq del 3,86%.

I futures finora puntano a un’apertura inferiore di circa lo 0,4% per il Dow, dello 0,6% per l’S&P-500 e dell’1% per il Nasdaq.

IN ASIA

Alla Borsa di Tokyo, l’indice Nikkei ha perso lo 0,84% a meno di un’ora dalla chiusura, penalizzato dal calo dei principali titoli tecnologici sulla scia del Nasdaq statunitense.

In Cina, lo Shanghai SSE Composite è sceso dell’1,87% e il CSI 300 del 2,48% poiché la situazione sanitaria del Paese ha continuato ad alimentare i timori di un marcato rallentamento della crescita in attesa di un ulteriore sostegno da parte delle autorità politiche e monetarie.

I CAMBIAMENTI

L’euro ha inizialmente beneficiato dei risultati del primo turno delle elezioni presidenziali francesi, saliti a 1,0955 dollari, ma poi ha diminuito i suoi guadagni e ora è scambiato a 1,0881 (+0,05%).

L’indice del dollaro, che misura i movimenti del dollaro rispetto a un paniere di riferimento, è in rialzo dello 0,12% ma rimane sotto i 100 punti, soglia che venerdì è stata superata per la prima volta in quasi due anni.

VOTA

Continua la tendenza al rialzo dei rendimenti dei Treasury USA, alimentata dalla prospettiva di un rapido inasprimento della politica monetaria statunitense, dalla combinazione di un rialzo dei tassi ufficiali e di un taglio del bilancio della banca centrale.

I titoli a due anni, che sono i più sensibili alle aspettative sui tassi di interesse, sono aumentati di oltre sei punti base al 2,5818%, i titoli a dieci anni di oltre cinque punti al 2,7743% e i titoli a 30 anni di due punti al 2,7659%.

Il rendimento a 10 anni degli Stati Uniti è quindi superiore al suo equivalente cinese per la prima volta dal 2010.

IL PETROLIO

Il mercato petrolifero, in calo da due settimane di seguito, sta prolungando le perdite, il trend continua ad essere appesantito dalla dipendenza dai principali paesi consumatori sulle loro riserve strategiche e dai lockdown su larga scala in Cina, che sta trattenendo domanda arretrata.

Il Brent è sceso del 2,28% a $ 100,44 al barile e il light crude statunitense (West Texas Intermediate, WTI) del 2,37% a $ 95,93.

(a cura di Bertrand Boucey)

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Generale russo Dvornikov, massacro dalla Cecenia al Donbass – Liberazione

Generale russo Dvornikov, massacro dalla Cecenia al Donbass – Liberazione

chi ha il miglior calendario nella battaglia per la Champions League?

chi ha il miglior calendario nella battaglia per la Champions League?