in

E se fermiamo le feste di gender reveal, o l’imbarazzante culto del sessismo prenatale

Testo di ragazzo o ragazza circondato da piume color pastello, concetto di festa rivelatore di genere.  annuncio del bambino.  Disposizione piatta, spazio di testo.  biglietto di auguri trama di sfondo

E se ponessimo fine alle feste di rivelazione di genere o al brutto culto del sessismo prenatale? -Getty

Da diversi anni ormai ci sono “feste di rivelazione di genere” (cioè feste in cui le coppie rivelano il sesso del loro futuro bambino) su tutti i social network. Pochi giorni fa, uno di loro – giustamente – ha suscitato l’indignazione degli internauti. La possibilità di tornare su questo fenomeno sociale tanto scomodo quanto sessista e arcaico.

Alcuni anni fa, ai genitori piaceva scoprire il sesso del loro futuro bambino con un’ecografia tradizionale. I più originali hanno preferito tenere la sorpresa in attesa del compleanno. Ancora oggi, alcuni fanno queste scelte. Ma sembrano essere in minoranza di fronte alla valanga di un vero e proprio fenomeno sociale: i “partiti di rivelazione di genere”. Si tratta di feste in cui il sesso del futuro bambino viene rivelato a un pubblico di invitati (e non), per mezzo di fumogeni, coriandoli o palloncini in rosa o blu. E dobbiamo tutto questo a una donna: Jenna Karvunidis. Nel 2008, questa americana, allora incinta del suo primo figlio, ha organizzato una festa per annunciare il sesso del suo bambino tagliando una torta ripiena di glassa rosa. Dopo aver descritto l’evento sul suo blog, il suo post è diventato virale. Ma 14 anni dopo, Jenna Karvunidis inizia a chiedersi se non avrebbe creato un mostro della società. E capiamo.

Quando le “partite rivelatrici di genere” si trasformano in un fiasco

Direttamente dagli Stati Uniti – dove qualsiasi cosa è una scusa per avere “feste” che ne organizzano qualcuna – la “rivelazione di genere” ha vinto molto rapidamente tutte le nostre società occidentali. Indipendentemente dal luogo o dalla classe sociale, i futuri genitori non tengono il broncio all’idea di organizzare queste feste per rivelare il sesso del loro bambino pochi mesi prima della sua nascita. In effetti, è diventato quasi un passaggio obbligato. Le stelle chiaramente non fanno eccezione alla regola e si prestano anche al gioco con originalità.

Perché nell’era dell’onnipotenza dei social network, il fenomeno ha raggiunto una tale portata che è d’obbligo distinguersi dagli altri. Nell’ottobre 2018, Antoine Griezmann e sua moglie Erika hanno scelto di rimanere in tema di calcio per rivelare il sesso del loro più giovane. Un anno dopo, Matt Pokora e Christina Milian sono saltati di gioia in mezzo a una nuvola blu per la loro festa di rivelazione di genere. Senza dimenticare il mondo dei reality, con i candidati alle star dei social network francesi tutti desiderosi di rivelare il sesso del bambino tirando fuori le armi pesanti.

L’arrivo di un bambino è sempre una buona notizia per chi vuole mettere su famiglia. Lo stesso non si può dire di una “festa di gender reveal”. Negli ultimi anni si sono visti sempre più deragliamenti nella corsa all’originalità, alcuni più gravi di altri. Nel settembre 2020, un enorme incendio si è diffuso nel nord della California. Mentre lasciavano la contea di San Bernardino, le devastanti fiamme hanno ucciso 25 persone, incluso un vigile del fuoco. Una tragedia causata da un dispositivo pirotecnico fumogeno utilizzato per… una “festa di rivelazione di genere”.

Video. Un incendio scatenato dalla festa di rivelazione del genere del bambino in California

Non abbastanza per rendere orgogliosa Jenna Karvunidis, nonostante lei stessa affronti gli eccessi del suo stesso concetto: “Sento cose molto diverse riguardo a questo strano contributo al mondo della cultura”, si è lamentata in un lungo post su Facebook nel 2019. Perché oltre a provocare drammi fino ad ora insospettabili, queste piccole feste – diciamolo una volta per tutte – sono davvero problematiche.

Quando il sessismo è normalizzato

Per Jenna Karvunidis e suo marito, questa primissima “celebrazione sessuale” nel 2008 non aveva lo stesso simbolismo della successiva ed è arrivata come un barlume di speranza dopo diversi aborti spontanei. “L’ho fatto perché non vivevamo nel 2019 e non sapevamo cosa sappiamo ora: il fatto che assegnare un genere alla nascita deruba i bambini del loro potenziale e di alcuni talenti che non hanno nulla a che fare con quello che abbiamo tra i gambe ” ha scritto nel 2019. E vogliamo davvero dirle: GRAZIE per aver segnalato IL problema più grande di questi avvenimenti apparentemente carini.

Il 14 aprile, un utente ha pubblicato un video di un altro sesso sul suo account Twitter. Vediamo una madre incinta, vicino alle sue due figlie e al marito. Quest’ultimo, quando i coriandoli rosa gli cadono addosso, non cerca nemmeno di nascondere il suo fastidio e lascia il posto con aria seccata. Per lui il fatto che abbia una terza femmina invece di un maschio non merita di essere celebrato. Per non parlare dei suoi anziani, che ricorderanno sicuramente questo momento in cui il loro caro padre sembrava abbattuto all’idea di non avere un figlio. Sorridi, sei stato filmato. Questo video, ampiamente diffuso su Twitter, ha subito suscitato l’indignazione degli utenti di Internet.

Non c’è niente di sbagliato nel volere un ragazzo. Ma la rabbia che emerge da molti di questi video mostra un sessismo dilagante che non dice il suo nome. Ed è ancora più imbarazzante quando provi a farla passare per una risposta normale, persino divertente. “Non abbiamo mai visto un genere esprimere la delusione di avere un figlio. Mai”, ha scritto correttamente un altro utente di Internet su Twitter. Perché, purtroppo, non è raro imbattersi in scene del genere sui social network, dove i futuri padri si arrabbiano/piangono/abbandonano la propria festa perché hanno appena appreso che avranno… una figlia. Come se fosse un incidente, una maledizione. Come se alla fine non valesse più la pena diventare padre.

Dietro queste reazioni c’è una serie di codici patriarcali. Anche prima di nascere, le bambine sono stigmatizzate. Non ti ricorda qualcosa? All’improvviso abbiamo l’impressione di essere in una serie storica su Netflix in cui re e guerrieri sperano che le loro mogli partoriranno dei ragazzi per “assicurare la loro prole”, e, quando lo fanno, tremano al pensiero di cadere in disgrazia con la loro età gruppo. Oggi, dietro il folklore delle “feste di rivelazione di genere” c’è questa paura misogina che si ripete più e più volte. E vorremmo che fosse solo finzione.

Stereotipi di genere prima della nascita

Le “partite di rivelazione di genere” spesso coinvolgono frasi e idee iper-stereotipiche. Un mondo a parte dove i codici di genere continuano ad esistere, in totale opposizione al progresso sociologico. Ovviamente si parte dai colori: blu per un maschio, rosa per una femmina. E poi ci sono tutti gli accessori decorativi, i lustrini per le bambine ei palloni per i più piccoli. Anche prima di nascere, i futuri genitori proiettano tutta una serie di stereotipi sui loro figli. Molti sperano nella famosa “scelta del re”: ragazzo prima, ragazza poi, così da essere “protetta” dal fratello maggiore. Come se il contrario fosse impensabile, impossibile.

Quando Jenna Karvunidis ha parlato su Facebook nel 2019 degli eccessi di sua invenzione, è stato anche per sensibilizzare. Ora madre di tre figli, l’americana ha spiegato che il suo primo figlio, “il primo bambino al mondo ad essere oggetto di una festa di rivelazione di genere”, stava iniziando a identificarsi come non binario. “Sono contenta che queste feste abbiano portato gioia ad alcune persone, ma quella gioia è stata costruita sulle spalle di persone non binarie e transgender”, ha scritto. “Anche se un problema non ci riguarda personalmente, dovremmo tutti avere abbastanza umanità per renderci conto che un atto del genere che ci porta gioia può causare danni alle persone emarginate”.

Video. “Poiché non sei binario, ti senti come se dovessi giustificare la tua identità. È disumanizzante”

È chiaro che i social network svolgono un ruolo importante in questa normalizzazione del sessismo e degli stereotipi, poiché sembra ormai impossibile organizzare una “festa di rivelazione di genere” senza condividerla su Internet. Sembrando niente, questi piccoli video continuano a trasmettere messaggi arcaici nascosti dietro una pletora di artifici e codici 2.0. Organizzare una rivelazione di genere per condividere questo momento di felicità non è ovviamente un problema. Che cos’è tutto ciò che può essere nascosto dietro questa rivelazione e le idee superate che si proietta sul proprio bambino, anche prima della sua nascita.

Quanto a chi ancora nega il sessismo, anche il concetto di società patriarcale, non servono grandi discorsi. Basta guardare uno di quei video in cui il futuro padre scoppia in lacrime sotto i coriandoli rosa per capire che ancora oggi c’è chi pensa che avere una figlia non sia una buona notizia.

Leggi anche:

Per Demi Lovato, le “feste di rivelazione di genere” sono transfobiche

Sì, il sessismo è “persistente, sistemico e massiccio” in Francia

L’inconveniente delle “feste di rivelazione di genere”, queste feste per rivelare il sesso del futuro bambino

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Jacques Martin: le toccanti parole di sua figlia, Elise, sulla madre alcolizzata spezzata dalla rottura

Via libera della giustizia alle sanzioni contro i club promotori della Super League