in

Fabrice Eboué politicamente scorretto “per aiutare le persone a respirare”

Social network, femminismo… Dopo aver attaccato i vegani in “Barbaque”, il suo ultimo film davanti e dietro la telecamera, il comico Fabrice Eboué fa i conti con il tempo in “Adieu…

Il comico Fabrice Eboué nell’agosto 2017 ad Angoulême (Tutti i diritti riservati. © (2022) Agence France-Presse – Yohan BONNET)

Social network, femminismo… Dopo aver attaccato i vegani in ‘Barbaque’, il suo ultimo film davanti e dietro la macchina da presa, il comico Fabrice Eboué elimina il tempo in ‘Adieu Hier’, il suo quarto one-man show.

“Attacco l’ipocrisia dell’ambiente. Siamo caduti nella società del simbolo per servire tale e tale causa, mentre i veri mali della società non vengono mai trattati”, si lamenta Fabrice Eboué, 44 anni, con l’AFP.

Sul palco del Teatro Déjazet, antico hotspot parigino di artisti libertari e anarchici, si lascia sfuggire delle risate attaccando alcune femministe, uno dei suoi bersagli preferiti.

“Femminismo estremo, stupido e controproducente, non lo sopporto più…”, dice. “Quello che mi irrita è tutta questa accresciuta militanza. Non solo femminismo, ma anche veganismo. Inizia con buone intenzioni e diventa forze politiche e sociali che cercano di influenzare la società…”, dice l’uomo che ha ricevuto la medaglia d’argento come “macho dell’anno” nel 2014 dal movimento femminista “Les Guard dogs”.

Fedele sostenitore della scorrettezza politica, il comico, cresciuto in Normandia in una famiglia franco-camerunense prima di essere spinto dal Jamel Comedy Club nel 2006, naviga, sempre all’avanguardia, tra umorismo pungente e presunta ironia, e indaga su importanti problemi sociali.

“Un comico dovrebbe essere un riflesso della società, che purtroppo sta diventando sempre più violenta. Affrontando argomenti difficili, aiuto le persone a respirare un po’…” aggiunge il comico, che si vanta di aver creato “un fronte anti-fagiolo” al college.

– Corrosivo, senza limiti –

“Il mio personaggio teatrale è sempre un po’ caricaturale… Non sto dicendo che prima fosse migliore. Per chi, come me, cresciuto in un’era pre-digitale, mi sento più vicino a un maschio di 90 anni in casa di riposo, morto due anni fa, che a un ventenne… non dicendo che l’epoca è un periodo di svantaggi: è solo un continuo rinnovamento di cose e generazioni…”, osserva.

Nel suo spettacolo, che andrà in tournée dopo le date di Parigi, elimina così i social “che disumanizzano le relazioni”: “prima il bistrot era il simbolo della convivialità, con scambi a volte virulenti ma umani, lo sguardo negli occhi” , dice.

“L’umorismo è un’arma e io sono sempre stato distruttivo e corrosivo, senza limiti. Non fingo, sul palcoscenico o nei miei film…”, dice questo grande ammiratore di Jean Yanne. “È divertente spingere lontano lo slider! “, prosegue prima di concludere con un aneddoto su… Emmanuel Macron.

“Ho due cose in comune con (lui). Siamo nati nel 1977 e abbiamo frequentato la stessa scuola, La Providence, ad Amiens. Non eravamo nella stessa classe: lui era un anno avanti e io un anno in ritardo… Così un fumettista e l’altro diventano presidente! “Dice ancora Fabrice Eboué, a pochi giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali.

Jfg/maggio/mpm

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Sadio Mané, 30 anni, un gol e un Pallone d’Oro da sogno al Liverpool

il Polisario “rompe” con il governo spagnolo