in

I paesi baltici cercano di sbarazzarsi del gas russo

È una dichiarazione di indipendenza piuttosto particolare quella che la Lituania ha fatto in questi giorni: quella di un Paese che dipendeva completamente dal gas naturale russo meno di dieci anni fa e che ha deciso di uscire dal rubinetto in poche settimane. “Niente più molecole di gas russe che entrano nel sistema del gas lituano”Il ministro dell’Energia, Dainius Kreivys, ha annunciato su Twitter sabato 2 aprile, mentre il primo ministro, Ingrida Simonyte, ha confermato il giorno successivo che il suo Paese non è “ha detto di consumare più di 1 metro cubo di gas tossico russo”

Se la Lituania può fare a meno del gas russo, “È perché ha fatto i compiti”, spiega Romas Svedas. Questo ex diplomatico, docente presso il Center for European Studies dell’Università di Vilnius, è stato viceministro dell’Energia dal 2009 al 2011. All’epoca, il piccolo Stato baltico doveva chiudere la sua unica centrale nucleare a Ignalina, che non rispondeva più ai criteri di sicurezza e il cui arresto era una delle condizioni imposte da Bruxelles per l’adesione del Paese all’Unione Europea (Ue). “Dipendevamo per oltre l’80% dalla Russia per la nostra fornitura di energia”, osserva il Sig. Svedas. Tutto il gas naturale consumato in Lituania proveniva quindi dalla vicina Russia.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Guerra in Ucraina: il gas russo continua a rifornire i paesi europei

“Poiché sappiamo di cosa è capace il Cremlino e non volevamo essere alla sua mercé, abbiamo deciso di investire nella nostra indipendenza energetica il prima possibile”, Aggiunge. Nel porto di Klaipeda è stato messo in funzione nel 2015 un terminal galleggiante per l’importazione di gas naturale liquefatto, dal nome simbolico “Independence”. Può ricevere fino a 4 miliardi di metri cubi di gas, quasi il doppio del consumo del Paese di 2,8 milioni di abitanti.

Nel 2021, il 62% del gas consumato in Lituania, Estonia, Lettonia e Finlandia è arrivato a Klaipeda, la maggior parte del quale proveniva dagli Stati Uniti. Secondo l’operatore Klaipedos Nafta, la decisione di interrompere l’accettazione del gas russo non influirà sulle forniture: “Ogni mese arriveranno al terminal tre grandi spedizioni di gas naturale liquefatto, che dovrebbero essere sufficienti per tutti i clienti. †

Ancora limitati i collegamenti con il resto d’Europa

Se lo svezzamento della Lituania è ormai una realtà, non lo è ancora per i suoi vicini, anche se Uldis Baris, il direttore generale di Conexus Baltic Grid, l’operatore lettone di trasporto e stoccaggio di gas naturale, si è congratulato il 2 aprile con Estonia e Lettonia può anche rinunciare al gas russo. Ciò vale per il momento, poiché i due stati si riforniscono dalla Lituania e dall’imponente impianto di stoccaggio sotterraneo di Inkukalns, che inoltre non accetta più gas naturale dalla Russia. Salvo che, in questo caso particolare, la sospensione delle importazioni è solo temporanea ed esigibile “al prezzo del gas naturale storicamente alto ad aprile”come affermato dal fornitore Latvijas Gaze, che è controllato per oltre il 50% da società russe (tra cui Gazprom).

Hai ancora il 33,81% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Canneseries corona la serie israeliana “The Lesson”

Starlink privato delle frequenze in Francia dopo una decisione del Consiglio di Stato