in

I prezzi alimentari mondiali raggiungono livelli record a causa della guerra in Ucraina

I prezzi alimentari mondiali raggiungono livelli record a causa della guerra in Ucraina
I prezzi alimentari mondiali raggiungono livelli record a causa della guerra in Ucraina

Prezzi in aumento, in Francia, come ovunque nel mondo. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), i prezzi alimentari mondiali hanno raggiunto il “livello più alto mai registrato” a marzo quando la guerra in Ucraina ha sconvolto i mercati del grano e dell’olio vegetale.

Ogni mese, l’ONU registra le variazioni dei prezzi internazionali di un paniere di alimenti di base. Il risultato è un “Indice FAO” per quantificare l’aumento dei prezzi. Questo marzo ha visto un aumento del 12,6%, battendo il record precedente stabilito lo scorso febbraio. L’indice FAO non è mai stato così alto dal 1990.

A trainare questo aumento è soprattutto l’indice Fao dei cereali, con una crescita del 17,1% rispetto a febbraio “sotto l’influenza dei forti rincari del grano e di tutti i cereali grossi”. Grano, girasole, mais… I prezzi delle materie prime agricole continuano a salire sullo sfondo dello stallo nel conflitto tra Russia e Ucraina, i principali esportatori mondiali di questi alimenti.

Il blocco dei porti ucraini, Kiev è il quinto esportatore di grano al mondo, spiega questo massimo storico e questo aumento dei prezzi dal 24 febbraio, data dell’invasione russa. Dall’inizio del conflitto, il Mar d’Azov è stato chiuso alla navigazione, bloccando le esportazioni da Berdiansk o addirittura Mariupol.

Giovedì l’Ucraina ha chiesto aiuti urgenti dell’UE per i suoi agricoltori mentre un conflitto devasta il paese mentre si prepara a seminare almeno la metà della sua terra, minacciando i raccolti futuri

La Commissione europea è stata incaricata dai Ventisette di coordinare i trasporti, compresi “carburanti, sementi, fertilizzanti” o macchine agricole, ha affermato il commissario all’Agricoltura Janusz Wojciechowski.

Rischio di crisi alimentare globale

Inoltre, anche i prezzi del mais hanno registrato “un aumento mensile del 19,1%, raggiungendo i massimi storici, proprio come quelli dell’orzo e del sorgo”, ha affermato la FAO nel suo rapporto di marzo. I prezzi dei generi alimentari sono stati spinti al rialzo anche dagli oli vegetali, il cui indice FAO è salito del “23,2%, trainato dall’aumento del prezzo dell’olio di girasole”, il più grande esportatore mondiale. ‘Ucraina.

Allo stesso tempo, i prezzi dell’olio di palma, di soia e di colza, a cui fanno riferimento molti industriali, stanno aumentando drasticamente “sotto l’influenza di un aumento della domanda globale di importazioni a causa della carenza di approvvigionamento”. Putin martedì ha proposto di “monitorare” il cibo consegne in paesi “ostili” al Cremlino, in mezzo a un’ondata di sanzioni contro Mosca.

VIDEO. “Ho 46 anni, non posso più vivere di reddito”: il tema del potere d’acquisto è fondamentale per il primo turno

In Francia, gli scaffali di oli, farine o pasta nei negozi sono soggetti da diverse settimane a crescenti tensioni di approvvigionamento, principalmente a causa degli acquisti precauzionali da parte dei consumatori che temono la carenza di scorte.

Il conflitto potrebbe esacerbare ulteriormente le carestie nel Sahel e nell’Africa occidentale, una regione fortemente dipendente dalle importazioni di grano russe e ucraine, colpendo 38,3 milioni di persone entro giugno, se non verranno prese le misure appropriate, afferma la FAO.

Su appello del presidente del Niger Mohamed Bazoum, diversi paesi, tra cui Stati Uniti e Francia, si sono impegnati mercoledì ad aumentare gli aiuti alla popolazione di questa zona a 1,79 miliardi di euro. Gli Stati membri hanno inoltre annunciato a fine marzo il lancio di un’iniziativa denominata “Farm”, per ridurre la carenza di cibo nei paesi più rischiosi e contrastare la speculazione.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Mask Singer”: Marc-Antoine Le Bret eliminato e rivelata una star internazionale!

“Mask Singer”: Marc-Antoine Le Bret eliminato e rivelata una star internazionale!

per contrastare le ripercussioni, Bercy tira una “resilienza PGE”

per contrastare le ripercussioni, Bercy tira una “resilienza PGE”