in

Il buon funzionamento di Liverpool e City

I club inglesi scelgono un’opzione: il Manchester City ha sfondato il muro dell’Atlético Madrid grazie a Kevin De Bruyne (1-0) e il Liverpool ha mantenuto la gerarchia a Lisbona contro il Benfica (3-1) nell’andata dei quarti di finale di Champions League, martedì .

Pep Guardiola è riuscito nella sua missione contro “Cholo” Diego Simeone. La contraddizione tattica tra il catalano e l’argentino, diametralmente opposti nella loro visione del calcio, logicamente non ha reso una partita pazza, ma la perseveranza dei “Cittadini” alla fine ha dato i suoi frutti. A malapena in partita, Phil Foden ha parlato della sua facilità negli spazi ristretti per servire De Bruyne, precisione impeccabile per completare una delle rare occasioni chiare dei Mancunians (70 °).

In panchina dall’ora in poi, Antoine Griezmann sembrava frustrato per questo gol, avendo giocato la partita dietro la palla, preferendo compiti difensivi. Anche il suo compagno nell’attacco a Rojiblanca, Joao Félix, ha continuato a essere privato di opportunità: l’Atlético ha segnato solo due volte.

I “Colchoneros” dovranno ora ritrovarsi a casa il 13 aprile se vorranno eliminare una seconda squadra di Manchester, dopo lo United, disgustato all’ottavo (1-1, 1-2). Allo stadio Luz di Lisbona, il francese Ibrahima Konaté ha vissuto tutte le emozioni. L’orgoglio di un incarico nella formazione titolare competitiva del Liverpool, l’emozione di un primo gol in Champions League… e la frustrazione dopo un grave errore difensivo.

Autore di un colpo di testa su calcio d’angolo dall’inizio (17°), il difensore 22enne è poi costato un gol alla sua squadra, sbagliando completamente una rimessa, aprendo la strada al taglio del punteggio di Darwin Nunez (49°). L’ex giocatore del Lipsia, che sogna la squadra francese, non ha potuto nascondere la sua delusione, la testa tra le mani e la faccia incollata al prato. Questo errore difensivo costerà caro ai Reds? Quest’ultimo mantiene ancora un comodo vantaggio prima della gara di ritorno, visto che Sadio Mane è stato l’autore di una battuta d’arresto nel primo periodo (34°), e Luis Diaz ha segnato un importante terzo gol (87°) alla fine della partita. †

L’ex attaccante dell’FC Porto, club odiato dai tifosi del Benfica, continua il suo rapido adattamento al sistema di Jürgen Klopp dopo il suo arrivo a gennaio. Il Liverpool starà attento, tuttavia, poiché il Benfica, che ha eliminato il Barcellona nella fase a gironi e poi l’Ajax Amsterdam agli ottavi, ha dimostrato nel secondo tempo di meritare il proprio posto.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Recensione Ecovacs Deebot X1 Turbo: un robot aspirapolvere pieno di opzioni

Un primo test del Ryzen 7 5800X3D