in

Il governo ratifica i trattati sul lavoro forzato dopo il confronto con l’Unione Europea

Nel suono smorzato di un tratto di penna su un foglio di carta, Pechino ha finalmente ceduto alle pressioni della comunità internazionale. La Cina mercoledì ha ratificato le convenzioni internazionali dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), che in particolare vietano il lavoro forzato. Questa firma era una condizione posta dall’Unione Europea per quella di un accordo bilaterale di investimento, da negoziare alla fine del 2020, accusando la Cina di utilizzare il lavoro forzato nello Xinjiang. A febbraio, un comitato di esperti dell’ILO ha espresso “profonda preoccupazione” per il trattamento delle minoranze etniche e religiose in Cina, in particolare in questa provincia a maggioranza musulmana.

I gruppi per i diritti umani affermano che almeno un milione di uiguri e membri di altri gruppi etnici musulmani sono o sono detenuti nei campi in questa regione della Cina nord-occidentale. Pechino, dal canto suo, afferma che si tratta di centri di formazione professionale progettati per tenerli lontani dal terrorismo e dal separatismo. Gli esperti dell’ILO hanno poi chiesto al governo cinese di “riorientare il mandato dei centri di formazione e istruzione professionale”, che attualmente sono “centri di rieducazione politica basati su detenzioni amministrative”.

H&M boicottata in Cina, leader sanzionati in Europa

L’argomento è fonte di preoccupazione per la comunità internazionale. Nel dicembre 2021, ad esempio, negli Stati Uniti è entrata in vigore una legge che vieta l’acquisto di prodotti che deriverebbero dai lavori forzati degli uiguri, che accusano la Cina di genocidio contro questa minoranza. Pechino respinge con forza questa accusa, che ha costretto alcune multinazionali a impegnarsi a non rifornire lo Xinjiang. L’anno scorso, il gigante dell’abbigliamento svedese H&M ha dovuto affrontare il boicottaggio dei suoi negozi in Cina dopo essersi impegnato a non acquistare cotone dallo Xinjiang.

La controversia ha portato gli europei a menzionare la questione del lavoro forzato nell’accordo di protezione degli investimenti raggiunto con Pechino il 31 dicembre 2020. In questo testo, che dovrebbe proteggere gli investimenti europei in Cina, Pechino si è impegnata a “lavorare per la ratifica delle convenzioni fondamentali dell’ILO, comprese quelle (divieti) sul lavoro forzato”, ha affermato all’epoca Bruxelles. L’accordo è stato poi ratificato .. in stallo, a seguito delle sanzioni reciproche adottate lo scorso anno da Europa e Cina sulla questione dello Xinjiang.

Nel marzo 2021, l’Unione Europea, insieme a Stati Uniti e Canada, ha sanzionato quattro leader e un’entità di questa regione cinese. In risposta, Pechino ha reagito con sanzioni contro una dozzina di personalità europee, tra cui cinque membri eletti al Parlamento europeo, che sono stati accusati di “diffondere bugie”.

La ratifica delle convenzioni ILO pone quindi fine a queste sanzioni e oscura i rapporti tra occidentali e cinesi, mentre Michelle Bachelet, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, dovrebbe recarsi nel Regno di Mezzo il mese prossimo. Durante questa visita, è in programma una visita allo Xinjiang.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

il programma completo di giovedì 21 aprile con Clara Luciani, IAM e Eddy de Pretto

Raja ha Bouskoura per preparare il secondo atto contro Al Ahly