in

“Il tasso di interesse del mutuo aumenta del 25% in un mese!! » Editoriale di Carlo SANNAT

Miei cari impertinenti, cari impertinenti,

“Credito immobiliare: colpo di calore sui tassi di interesse con inflazione in aumento”, titola la rivista Challenges, allarmata dall’aumento dei tassi sui mutui.

“Di fronte all’aumento dell’inflazione, le banche continuano ad aumentare i tassi di interesse sui mutui. Con l’inasprimento delle condizioni di prestito, diventa più complicato prendere in prestito.

Il periodo d’oro dei tassi di interesse ipotecari sotto l’1% è finito! I mutuatari che vogliono finanziare un progetto immobiliare dovranno pagare di più: ad aprile i tassi di interesse sono aumentati più del previsto, dopo essere aumentati a inizio anno. Mentre l’inflazione è accelerata al 5% in un anno, secondo INSEE, a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, che ha spinto i prezzi dell’energia e di alcune materie prime‘OAT 10 anni (il rendimento dei titoli di stato francesi) è salito alle stelle, oltre l’1% dal 28 marzo, una situazione senza precedenti dal… 2017! Questo prestito governativo viene utilizzato come riferimento per determinare il livello degli interessi ipotecari.

E così questi sono aumentati, “da 0,15 a 0,45 punti, a seconda della durata del prestito e del profilo dei mutuatari”, osserva il broker Meilleurtaux. Le tariffe medie offerte, esclusa l’assicurazione, sono attualmente “1,25% su 15 anni, 1,45% su 20 anni e 1,65% su 25 anni”, ha affermato Sandrine Allonier, direttrice dello studio presso l’intermediazione Vousfinancer. Ma sono ancora offerte differenze significative a seconda del livello di reddito dei mutuatari. Ad esempio, secondo il broker Pretto, le tariffe oltre i 15 anni vanno dall’1,53% per chi guadagna meno di 40.000 euro all’anno all’1,18% per chi riceve più di 80.000 euro all’anno. In 20 anni le aliquote possono andare dall’1,62% all’1,29% e in 25 anni dall’1,77% all’1,44%”

Il rendimento a 10 anni è alle stelle!

E sì, le tariffe stanno aumentando e no, non è “solo” colpa della guerra in Ucraina, del male Putin o anche dei prezzi dell’energia o addirittura dell’inflazione.

No, ciò che sta spingendo al rialzo i tassi di interesse è semplicemente che le banche centrali hanno annunciato che… aumenteranno i tassi di interesse! La Fed, la banca centrale statunitense, annuncia 7 rialzi dei tassi nei prossimi 12 mesi. Notevole.

Ciò che sta facendo salire i tassi di interesse è anche che le banche centrali stanno smettendo di ricomprare tutto e alimentando il mercato obbligazionario! Le banche centrali stanno gradualmente eliminando gli acquisti di attività. Risultato? C’è meno argento sui mercati e i prezzi dell’argento stanno aumentando, il che ha molto senso.

Visualizza gli incrementi tariffari!

Prendi la Francia. La colonna “1 anno” significa che il tasso di interesse francese è aumentato di 122 punti base in un anno, che ammonta a 1,22%, se oggi (1a colonna) siamo a 1,14% rispetto a un anno fa sull’interesse francese che era 1,22 % negativo – 1,14%, ovvero – 0,08% di interesse negativo.

Era il momento benedetto e sconcertante in cui dovevi pagare per investire i tuoi soldi!!!

Con un tasso di interesse a 10 anni dell’1,14% oggi, a cui puoi aggiungere un margine bancario dello 0,30%, arriviamo rapidamente a 1,40 o 1,50% esclusa l’assicurazione per la detrazione degli interessi ipotecari.

Se le banche centrali continuano la loro stretta monetaria, i tassi di interesse continueranno a restringersi.

Nel breve termine, dovremmo presto vedere tassi di prestito immobiliare superiori al 2% e poi al 3%, mentre i prezzi rimangono molto alti.

Dovremmo avere un trend di mercato più basso nelle prossime settimane.

Tuttavia, questa mossa non sarà necessariamente sostenibile, perché alla fine del percorso, se lasciamo che i tassi di interesse salgano troppo velocemente e troppo in alto, ci sarà una crisi obbligazionaria, un crollo immobiliare e, soprattutto, una crisi del solvibilità degli Stati.

Le banche centrali dovranno quindi intervenire tempestivamente per frenare gli entusiasmi del mercato e intervenire per regolamentare i mercati dei tassi di interesse.

Nel frattempo, occhio agli immobili.

È già troppo tardi, ma non tutto è perduto.

Preparatevi!

Carlo SANNAT

“Insolentiae” significa “impertinenza” in latino
Per scrivermi charles@insolentiae.com
Per scrivere a mia moglie helene@insolentiae.com

Puoi anche iscriverti alla mia newsletter mensile “STRATEGIE” che ti porterà oltre e dove condivido con te le soluzioni concrete che puoi implementare per prepararti al prossimo mondo. Queste soluzioni sono articolate attorno all’approccio PEL: patrimonio, occupazione, ubicazione. L’idea è di condividere con voi le risorse ei metodi per rafforzare la vostra resilienza personale e familiare.

“Per reprimere le rivoluzioni pacifiche, si rendono inevitabili le rivoluzioni violente” (JFK)

“Questo è un articolo ‘presslib’, cioè totalmente o parzialmente privo di riproduzione, a condizione che questo paragrafo sia riprodotto dopo di esso. Insolentiae.com è il sito in cui Charles Sannat parla quotidianamente, fornendo analisi brutali e intransigenti delle notizie economiche. Grazie per aver visitato il mio sito. Puoi iscriverti gratuitamente alla newsletter quotidiana su www.insolentiae.com. †

Fonte Challenges.fr qui

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ucraina: i diplomatici russi espulsi in massa dall’Europa

“Pixel War”: come gli streamer francesi sono riusciti a dominare la battaglia su Reddit