in

In Nigeria, i fan di Wizkid non possono sopportare la vittoria di Angélique Kidjo ai Grammy Awards

Per non perdere nessuna notizia africana, iscriviti alla newsletter di “Africa mondiale” tramite questo link Ogni sabato alle 18 troverete una settimana di notizie e dibattiti dalla redazione del “Africa mondiale”

La superstar nigeriana Wizkid agli MTV Africa Music Awards di Johannesburg nell'ottobre 2016.

La musica attira l’attenzione in Nigeria e alcuni fan hanno perso il fair play dopo che Angelique Kidjo è stata incoronata a 64 annie Cerimonia dei Grammy Awards, domenica 3 aprile a Las Vegas. La diva beninese, 61 anni, premiata per la quinta volta in carriera dalla Recording Academy, ha vinto nella categoria “miglior album di musica mondiale” per il suo lavoro Madre natura† Nominata contro di lei, Wizkid, 31 anni, megastar nigeriana afro-pop – o afrobeats – selezionata per l’album Prodotto a Lagoslasciato a mani vuote.

Leggi anche Wizkid, il bambino prodigio di Lagos

Una sconfitta inaccettabile agli occhi di alcuni internauti, che hanno inondato di aspri commenti l’account Instagram di Angélique Kidjo, accusandola di ciò ” Volare “ la ricompensa del loro idolo e comandarglielo “lasciare spazio ai giovani”. “La gente non capisce bene come funziona la Recording Academy”, nota il giornalista nigeriano Oris Aigbokhaevbolo. “La giuria è composta da bianchi abbastanza anziani e la loro visione della ‘world music’ sta lottando per evolversi. Gold Angélique Kidjo ha una relazione molto lunga con loro, quindi è una scelta facile. Al contrario, Wizkid, con la sua musica intrisa di R&B, non corrisponde necessariamente alla loro visione dell’Africa”. nota il critico musicale che mette in discussione anche la mancanza di impegno politico del cantante.

Burna Boy premiato nel 2021

La popolarità di “Wizzy Boy” non è meno schiacciante nei confronti di una meno nota Angelique Kidjo della generazione più giovane. Colui che parla correntemente lo yoruba – una delle lingue usate in Nigeria – tuttavia si associa regolarmente agli artisti del paese, diventati indispensabili negli ultimi anni. Tre stelle afropop: Yemi Alade, Burna Boy e Mr. Eazi – ha collaborato alla creazione di Madre natura e la cantante beninese non ha dimenticato di salutarli quando ha ricevuto il suo Grammy.

Al suo precedente premio, nel 2020, Angélique Kidjo ha già sostenuto Burna Boy, allora la prima artista afropop nigeriana ad essere nominata nella categoria “Best World Music Album”. La scommessa ha vinto, poiché il cantante aveva vinto per il suo album l’anno successivo Il doppio del tempodopo numerosi incontri e interviste sulla stampa internazionale… anche se l’assenza di Angélique Kidjo ai Grammy Awards di quell’anno le ha indubbiamente facilitato la vittoria.

Hai ancora il 47,72% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Analisi tecnica, Chelsea 1-3 Real

A Kiev, Ursula von der Leyen apre la marcia ucraina verso “il futuro europeo”