in

Kim Lévesque-Lizotte vuole tornare davanti alle telecamere


Lo sceneggiatore e comico presenta il documentario ciao, ecco il mio pene† Ci parla dell’importanza dell’educazione sessuale e della sua visione della società come madre.

• Leggi anche: Éric Bruneau e Kim Lévesque-Lizotte annunciano buone notizie

• Leggi anche: Kim Lévesque-Lizotte sta lavorando a un film

Nel documentario ciao, ecco il mio peneKim Lévesque-Lizotte, insieme a un team di Urbania, sta conducendo un’indagine simpatica sul fenomeno chiamato picchi di gallo† Cosa spinge alcuni uomini a inviare alle donne foto dei loro genitali? Cosa simboleggiano per loro queste immagini? Un progetto che ha sfidato la donna sulla trentina. “All’inizio ero titubante, ma dopo aver letto il documento e il primo incontro ho pensato che fosse un’ottima idea. Mi permette di affrontare tutti gli argomenti di cui voglio parlare da una prospettiva sorprendente. Ad esempio, le disuguaglianze tra uomini e donne, la mascolinità, la nostra sessualità, il rapporto con il potere, l’effetto dei social network nella nostra esistenza… Il documentario, l’ho registrato imparando molte cose mentre io e lungo la strada. Mi ha persino fatto dubitare di me stessa”, ci rivela.

Immergiti nel cuore delle relazioni umane
Nell’ambito del progetto, Kim Lévesque-Lizotte ha incontrato i seguaci di queste foto inviate. Ricorda molte cose dei suoi incontri, incluso un complesso che colpisce gli uomini. “Prima mettevamo i ragazzi prima delle dimensioni e delle prestazioni per quanto riguarda i loro genitali, e con ciò si definiranno sessualmente. Questo non è un buon modo per andare. Tuttavia, i risultati dello studio dicono che gli uomini che picchi di gallo fallo senza cattive intenzioni, volendo suscitare desiderio o suscitare l’altro partner. Alcuni lo fanno per potere o per misoginia, ma questa è una minoranza”, afferma lo sceneggiatore, che crede che dovremmo ottenere una migliore educazione sessuale a tutte le età.

Con il progredire delle riprese, ha compreso meglio alcune sfumature legate al fenomeno. Può essere positivo, se c’è il permesso dell’altro. “Le persone hanno diritto all’erotismo virtuale. È un altro modo per sperimentare la tua sessualità, purché tu possa farlo in sicurezza. Il messaggio del documentario è che tutto è possibile in un contesto in cui tutti sono d’accordo.

• Leggi anche: Éric Bruneau gioca nella seconda stagione di Virage

• Leggi anche: Éric Bruneau ripercorre i suoi 15 anni di carriera

Buone parole per Margherita
Madre della figlia di tre anni, Marguerite, Kim è felice di vedere che progetti come questo vedono la luce del giorno e che l’educazione sessuale sta cambiando. “Sono felice di aver avuto una figlia all’età di 35 anni. Sto molto meglio riposato rispetto a quando avevo 25 anni! Il nostro vocabolario si moltiplica, impariamo concetti diversi, cose legate alla violenza che sono subdole e che due anni fa non conoscevo. Rimarrò sintonizzato per le parole per educare mia figlia nelle sue relazioni future. Soprattutto, voglio che prosperi. Spero che possa ancora reggere il confronto, dire di no e che nessuno le ostacoli. Cercherò di esserci per lei, con le parole giuste, al momento giusto.

Esci dalla tua bolla
Negli ultimi anni, Kim Lévesque-Lizotte ha scritto molto, tra cui: i Simone† Attualmente è coautrice di una serie con Éric Bruneau, suo marito e padre di sua figlia. prima dello schianto, che andrà in onda su Radio-Canada la prossima stagione, ci immerge nel mondo finanziario. “Tuttavia, quest’area è solo un pretesto per parlare delle nostre relazioni umane, ambizione, potere, decisioni di carriera che hanno un impatto sulla famiglia, l’amicizia, la coppia, la società delle prestazioni…»

L’autrice sta anche lavorando a un primo lungometraggio, che spesso la limita al suo ufficio. Era quindi entusiasta di partecipare al documentario. “Tornare a Urbania – il mio primo amore – incontrare persone, essere davanti alla telecamera e lasciare il mio ufficio mi ha fatto molto bene”, conclude. Ha anche in programma di prendersi una lunga pausa dalla scrittura tra un anno o due. “Voglio tornare alla luce. Ho scritto molto”.

Il documentario ciao, ecco il mio pene andrà in onda su Canal Vie l’11 aprile alle 20:00.

VEDI ANCHE: 22 coppie di stelle del Quebec che hanno unito amore e lavoro

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Serie A: Milan e Napoli danno il vantaggio all’Inter nella corsa allo scudetto; La Roma di Jose Mourinho torna a vincere

Membro della banda spagnola MS-13 condannato a New York per omicidio quadruplo