in

La FIFA definisce Vahid Halilhodzic un “mago” e lo elogia

“Il mago Vahid Halilhodžić prepara un nuovo trucco”, titola la FIFA in un articolo dedicato all’allenatore degli Atlas Lions in vista della Coppa del Mondo 2022, in cui dipinge un ritratto radioso di quello che ha descritto come “uno degli allenatori più eccezionali della sua generazione”.

Nel suo articolo, la FIFA punta i riflettori sull’uomo che ha qualificato il Marocco per i Mondiali del 2022, la quarta qualificazione in carriera con un altro paese.

“Ovunque sia andato, il tecnico bosniaco ha ottenuto ottimi risultati”considera l’organismo internazionale che ripercorre la ricca carriera del tecnico franco-bosniaco, in particolare la sua vittoria in campionato Campionato marocchino e CAF Champions League con Raja Casablanca, nel 1997.

Nella selezione, nel 2011, ha fatto un passaggio davvero notevole a capo della selezione algerina e porta i Fennecs alla quarta qualificazione al big mondiale, arrivando agli ottavi di finale con sorpresa di tutti. Ha ripetuto l’esperienza con il Giappone nel 2015 e conquista il primo posto nel suo girone di qualificazione per la Russia 2018, ma tre mesi prima dell’inizio della competizione viene ringraziato dai suoi leader.

Oggi, all’età di 69 anni, Vahid guida il Marocco alla sua seconda qualificazione consecutiva ai Mondiali dopo il 2018, in cui la squadra guidata da Hervé Renard è uscita dalla porta sul retro,

Secondo la FIFA, Halilhodzic ha potuto formare un gruppo giovane e ambizioso, associando professionisti esperti con esigenze di altissimo livello come Yassine Bounou, Romain Saïss, Youssef En-Nesyri o Achraf Hakimi, e persone piene di speranza in cerca di riconoscimento, come ‘Azzedine Ounahi, Imran Louza, Zakaria Abuukhlal e Ryan Mmaee’

“Per quanto riguarda i gol, i marocchini non nascondono la loro ambizione: vogliono ripetere le gesta del Messico nel 1986. All’epoca, una memorabile vittoria sul Portogallo permise loro di sfondare le porte della seconda tappa. »aggiunge la stessa fonte.

Da parte sua, il bosniaco ci crede ” HAOggi i migliori calciatori d’Africa sono: Achraf Hakimi, Sadio Mane, Mohamed Salah… Forse non sarà per questa volta, ma tra dieci o dodici anni una squadra africana vincerà il Mondiale”

Per ora, l’ex giocatore dell’FC Nantes sta continuando i suoi preparativi, sperando di migliorare ulteriormente le sue statistiche personali, nonostante le pressioni dei tifosi che chiedono il ritorno delle stelle squalificate Hakim Ziyech, Noussair Mazraoui o anche Abderrazak Hamdallah.

Questo lusinghiero articolo si chiude con una grande domanda, quella del futuro dell’allenatore dei Lions, a pochi mesi dall’inizio della competizione mondiale, poiché le voci sulla sua partenza circolano ovunque, nonostante la smentita di un membro del FRMF con cui Hespress FR ha avuto contatti. registrato.

L’unica domanda al momento è se sarà ancora al timone quando il torneo inizierà a novembre. Se la risposta è sì, potrebbe essere necessario aggiungere gli Atlas Lions all’elenco delle squadre da seguire da vicino…”, Conclusa la FIFA.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Salmonellosi nei cioccolatini Kinder: perché Ferrero ha aspettato 12 giorni per richiamare i suoi lotti contaminati?

lo spazio di archiviazione illimitato è tornato, ma non per tutti