in

La Polonia blocca l’introduzione della tassa minima per le multinazionali in Europa

Mentre l’affare McKinsey a pochi giorni dalle elezioni presidenziali mette in imbarazzo Emmanuel Macron, il presidente della repubblica che si era candidato alla successione sperava che qualche salvezza arrivasse da Bruxelles. Da diverse settimane, infatti, gli europei stanno discutendo una bozza di direttiva che introduca una tassa minima del 15% per le imprese con un fatturato superiore a 750 milioni di euro e che quindi consenta, ritiene il capo dello Stato, di costringere McKinsey a pagare le tasse in Francia.

Leggi anche: McKinsey e Macron: il vero e il falso sulla polemica

Emmanuel Macron ha contato sui ministri delle Finanze dei Ventisette, riunitisi a Lussemburgo martedì 5 aprile, per trovare un accordo sull’argomento. Anche se Bruno Le Maire ha messo tutte le sue energie e il suo know-how per ottenere risultati, non ha raggiunto i suoi obiettivi.

Diversi Stati membri – Estonia, Malta e Svezia – che avevano espresso la loro riluttanza all’ultima riunione ECOFIN del 15 marzo hanno ricevuto adeguamenti, comprese assicurazioni che il testo non sarebbe entrato in vigore il 1° marzoehm gennaio, ma il 31 dicembre 2023. Hanno quindi ritirato la loro obiezione martedì, come aveva già fatto l’Ungheria a marzo. Rimane la Polonia, che oggi è l’unica che si oppone all’introduzione di una tassa minima per le multinazionali. In effetti, Varsavia sta quindi bloccando il testo, poiché le decisioni comunitarie in materia fiscale sono prese all’unanimità.

“Un altro motivo” per il blocco

Alla riunione dei ministri delle Finanze, Bruno Le Maire ha tentato una dimostrazione di forza, sperando che riportasse Varsavia a una posizione più costruttiva. Ministri o rappresentanti di quindici paesi – Estonia, Malta, Svezia, Spagna, Germania, Paesi Bassi, Italia, Grecia, Lettonia, Belgio, Danimarca, Finlandia, Croazia, Portogallo, Irlanda – hanno espresso le loro opinioni sul progetto di direttiva. Il ministro francese ha poi dato la parola a Magdalena Rzeczkowska, sottosegretaria di Stato alle finanze della Polonia, che ha letto un testo in tono monotono e visibilmente scomodo per ribadire il suo rifiuto.

“Sono passati cinque anni da quando io e il Presidente della Repubblica ci siamo battuti per l’introduzione in Europa di un’imposta minima sul reddito delle società”, ha ricordato martedì Bruno Le Maire. Ad ottobre 2021, 136 paesi OCSE hanno concordato questo obiettivo, che gli europei hanno quindi deciso di tradurre in una direttiva il prima possibile. Hanno anche convenuto che i giganti digitali e altre multinazionali pagano le tasse nei paesi in cui fanno soldi e non inviano tutti i loro profitti a un’aria più clemente.

Hai ancora il 46,5% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

I soldati maliani e sospetti russi hanno giustiziato 300 civili a marzo, afferma Human Rights Watch

Eliminazione dell’Algeria ai Mondiali in Qatar