in

La Spagna si riunisce con il Marocco dopo un anno di allontanamento

Per non perdere nessuna notizia africana, iscriviti alla newsletter di “Africa mondiale” tramite questo link Ogni sabato alle 18 troverete una settimana di notizie e dibattiti dalla redazione del “Africa mondiale”

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez e il re del Marocco, Mohammed VI, a Salé, 7 aprile 2022.

Giovedì 7 aprile, durante una visita in Marocco, il capo del governo spagnolo, Pedro Sanchez, è stato ricevuto con grande clamore, prima dal suo omologo Aziz Akhannouch, poi al palazzo reale di Rabat, dove il re Mohammed VI lo ha invitato a una iftar in suo onore, il pasto che conclude la rottura del digiuno al calar della notte, durante il Ramadan. Un inconfondibile gesto di amicizia, agli occhi dei marocchini, di cui il re di Spagna, Felipe VI, aveva beneficiato otto anni prima.

Dopo più di dieci mesi di crisi diplomatica, si tratta di riconciliazione e l’inizio di un… “nuova fase” relazioni tra Marocco e Spagna, secondo la dichiarazione congiunta adottata al termine della riunione. Questa inversione di tendenza, che entrambi i Paesi avevano precedentemente richiesto in un comunicato stampa, ha portato alle prime misure concrete, prima fra tutte l’apertura “diretto e progressivo” frontiere marittime, chiuse a marzo 2020, ufficialmente a causa della pandemia di Covid-19. Questa pausa è stata prolungata dal Marocco nel mezzo della crisi diplomatica tra i due paesi nella primavera del 2021. L’annuncio dovrebbe soddisfare le aspettative di circa tre milioni di marocchini residenti all’estero che vengono nel loro paese durante la stagione estiva. tradizionalmente utilizzando collegamenti marittimi con la Spagna, ma anche operatori portuali e turistici, soffocati da questa chiusura.

Altre misure sono attese nell’ambito del “carta stradale” avviata a Rabat: ripresa del dibattito sulla delimitazione delle acque territoriali, cooperazione rafforzata in materia migratoria, facilitazione degli scambi economici – mentre la Spagna è il primo partner commerciale del Marocco – o anche cooperazione energetica dopo la conclusione, da parte di Algeri, del gas Maghreb-Europe tubatura.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Antony Blinken visita il Maghreb e indaga sulla pista del gas algerina

Per Madrid il prezzo di questa normalizzazione è alto: la fine della sua neutralità sulla spinosa questione del territorio conteso del Sahara occidentale. Questa ex colonia spagnola, controllata per oltre l’80% dal Marocco, è considerata un territorio “non indipendente” dall’ONU. I separatisti del Fronte Polisario, appoggiati dall’Algeria, chiedono un referendum sull’autodeterminazione. E per quarantasette anni il suo destino ha avvelenato i rapporti tra i tre paesi.

Hai ancora il 59,71% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Bisogna pensare alle vittime”: Christian Clavier parla per la prima volta del caso Ary Abittan

Su OCS “Sentinelle” ci manda al fronte, nell’intimità dei soldati impegnati in Mali