in

le armi nucleari potrebbero spazzare via il sud, avverte la sorella di Kim Jong-un

La Corea del Nord utilizzerà armi nucleari per “eliminare” l’esercito sudcoreano, ha detto martedì Kim Yo Jung, l’influente sorella del leader Kim Jong-un.

La Corea del Nord utilizzerà armi nucleari per “eliminare” l’esercito sudcoreano se lancerà un attacco preventivo, ha assicurato martedì l’influente sorella del leader Kim Jong Un. risposta di tre giorni ai commenti del ministro della Difesa sudcoreano Suh Wook la scorsa settimana.

Suh Wook ha detto venerdì che il suo paese aveva missili “capaci di colpire qualsiasi obiettivo in Corea del Nord in modo accurato e rapido”, mentre Pyongyang ha intensificato i test sui missili balistici negli ultimi mesi e minaccia di riprendere i test nucleari.

Cosa viene dopo questo annuncio

Leggi anche: Seoul afferma che la Corea del Nord ha simulato il lancio di “missili mostruosi”

Cosa viene dopo questo annuncio

In risposta, Kim Yo Jung ha detto martedì che è stato un “errore molto grave” per questo “pazzo” Suh ​​Wook discutere di un attacco preventivo contro una potenza nucleare, secondo l’agenzia di stampa nordcoreana KCNA. “Se la Corea del Sud sceglierà un confronto militare con noi, la nostra forza nucleare dovrà inevitabilmente compiere la sua missione”, ha avvertito Kim Yo Jong.

Questo consigliere politico di alto livello a Pyongyang ha ricordato che la “missione primaria” delle forze nucleari del suo paese era quella di fungere da deterrente, ma che se fosse scoppiato un conflitto armato, queste armi sarebbero state utilizzate per “eliminare le forze armate”. del nemico durante uno sciopero”.

Cosa viene dopo questo annuncio

Cosa viene dopo questo annuncio

In caso di un “terribile attacco”, le forze sudcoreane incontrerebbero un “miserabile destino che non è altro che totale distruzione e rovina”, ha detto.

L’opzione di un attacco preventivo non è esclusa, ha avvertito il nuovo presidente sudcoreano

“Non vediamo (loro) come un oppositore delle nostre forze armate”, ha detto, riferendosi all’esercito sudcoreano. La signora Kim aveva già criticato le “osservazioni sconsiderate” di Suh domenica, avvertendo che il Sud “deve disciplinarsi se vuole evitare il disastro”. La squadra di transizione del presidente eletto Yoon Suk-yeol ha assicurato martedì che l’opzione di un attacco preventivo non sarebbe stata esclusa se necessario, una posizione che Yoon aveva già ricoperto durante la campagna.

“Gli attacchi preventivi sono una delle azioni accettate in tutto il mondo, comprese le Nazioni Unite, come opzione praticabile… quando una minaccia persiste”, ha detto martedì ai giornalisti il ​​portavoce Kim Eun.

La Corea del Nord aveva sospeso i test di armi nucleari e missili a lungo raggio quando Kim Jong Un e l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno avviato colloqui di alto profilo, falliti nel 2019. Da allora, i negoziati sono stati sospesi.

Durante la presidenza di Moon Jae-in, Seoul ha perseguito una politica di dialogo con Pyongyang riducendo il numero di esercitazioni militari con gli Stati Uniti, che il Nord percepisce come provocatorie.

Ma per il presidente eletto Yoon Suk-yeol, che entrerà in carica a maggio, questo approccio da “schiavo” è stato un chiaro fallimento e ha promesso di prendere una linea dura su Pyongyang.

La Corea del Nord celebra questo mese il 110° anniversario della nascita del suo fondatore, Kim Il Sung, nonno dell’attuale leader.

Di solito, a Pyongyang piace festeggiare i compleanni importanti con parate militari, grandi test di armi o lanci di satelliti.

kjk/ceb/lb/mav/ybl/pz

© Agenzia France Presse

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Québec International Book Fair: un evento che dà speranza

fortune. La classifica dei miliardari più ricchi in Francia e nel mondo